Unicredit e la fame immobiliare

A
A
A

Cresce il valore delle proprietà immobiliari nelle grandi città come Berlino Monaco e Amburgo

di Redazione17 agosto 2018 | 09:45

Su MF di questa mattina, in un articolo a firma Luca Gualtieri, viene evidenziato il recente aumento di esposizione di Hvb, controllata di Unicredit, sul settore immobiliare tedesco. La stessa ha finanziato negli ultimi anni diversi progetti legati al real estate locale ed è ora arrivata, nella prima metà del 2018, a una crescita dell’impiego complessivo di circa 658 milioni di euro.

Come riferisce Gualtieri “dal 2010 i prezzi medi delle case in Germania sono balzati del 60% grazie a un combinato di fattori che comprende i bassi tassi di interesse, l’abbondanza di liquidità e il livello relativamente basso delle valutazioni rispetto agli standard internazionali. Senza contare la tenuta del mercato del lavoro e la forte domanda di immobili residenziali e commerciali. Se infatti fino a pochi anni fa le famiglie tedesche prediligevano vivere in affitto, la politica monetaria ha radicalmente cambiato l’approccio e oggi i mutui immobiliari vanno per la maggiore. La fiammata è stata particolarmente intensa nelle grandi città, a partire da Berlino seguita da Monaco, Francoforte e Amburgo. Un trend alimentato soprattutto dall’attività dei grandi investitori che, secondo i dati forniti da Bnp Paribas, lo scorso anno hanno speso 14 miliardi di euro nel real estate tedesco, dopo i 13.5 miliardi versati nel 2016. Le banche stanno ovviamente giocando un ruolo di primo piano nella partita, come dimostra la strategia seguita da Hvb che pure nel bilancio insiste sul costante monitoraggio del rischio di credito”.

Ma se l’intenzione di Unicredit sembra chiara, all’orizzonte appare il warning della Bundesbank su un eventuale effetto bolla “proprio lo scorso anno infatti Andreas Dombret, chief banking supervisor della banca centrale, faceva previsioni poco rassicuranti sull’andamento del settore: «Il semaforo è sul giallo: non c’è ancora una bolla sul real estate che minacci la stabilità finanziaria della Germania, ma serve prudenza». Il timore della Vigilanza è infatti che l’allentamento dei criteri di erogazione del credito spingano le banche prendersi maggiori rischi: «Il mix di boom nell’immobiliare e bassi tassi interesse potrebbe diventare un cocktail pericoloso per il settore bancario», spiegava in quell’occasione Dombret. Non bisogna del resto dimenticare che negli anni scorsi gli istituti di credito tedeschi sono già stati investiti dalla violenta crisi dello shipping. Deutsche Bank ha registrato perdite per quasi 350 milioni dal settore e la rivale Commerzbank ha annunciato la volontà di rientrare dei 4,5 miliardi di crediti non performanti, segnando perdite per 600 milioni. La maggiore vittima di quella crisi però è stata Hsh Nordbank, il maggiore erogatore di prestiti al settore del trasporto navale e successivamente oggetto di un salvataggio pubblico”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Intesa Sanpaolo, un nuovo contratto per bancari e consulenti

Ti può anche interessare

Versato assegno postdatato? L’operazione va stornata

Nuovo appuntamento con Sportello Advisory ...

Enasarco, ok al bilancio con l’appoggio Anasf

Successo non unanime per il presidente dell’Ente di previdenza integrativa degli agenti di commerc ...

Federpromm-Assonova, scontro sui ruoli

Per Marucci della Federpromm occorre fare chiarezza sulla distinzione tra il ruolo di associazione e ...