Unicredit e la fame immobiliare

A
A
A

Cresce il valore delle proprietà immobiliari nelle grandi città come Berlino Monaco e Amburgo

Avatar di Redazione17 agosto 2018 | 09:45

Su MF di questa mattina, in un articolo a firma Luca Gualtieri, viene evidenziato il recente aumento di esposizione di Hvb, controllata di Unicredit, sul settore immobiliare tedesco. La stessa ha finanziato negli ultimi anni diversi progetti legati al real estate locale ed è ora arrivata, nella prima metà del 2018, a una crescita dell’impiego complessivo di circa 658 milioni di euro.

Come riferisce Gualtieri “dal 2010 i prezzi medi delle case in Germania sono balzati del 60% grazie a un combinato di fattori che comprende i bassi tassi di interesse, l’abbondanza di liquidità e il livello relativamente basso delle valutazioni rispetto agli standard internazionali. Senza contare la tenuta del mercato del lavoro e la forte domanda di immobili residenziali e commerciali. Se infatti fino a pochi anni fa le famiglie tedesche prediligevano vivere in affitto, la politica monetaria ha radicalmente cambiato l’approccio e oggi i mutui immobiliari vanno per la maggiore. La fiammata è stata particolarmente intensa nelle grandi città, a partire da Berlino seguita da Monaco, Francoforte e Amburgo. Un trend alimentato soprattutto dall’attività dei grandi investitori che, secondo i dati forniti da Bnp Paribas, lo scorso anno hanno speso 14 miliardi di euro nel real estate tedesco, dopo i 13.5 miliardi versati nel 2016. Le banche stanno ovviamente giocando un ruolo di primo piano nella partita, come dimostra la strategia seguita da Hvb che pure nel bilancio insiste sul costante monitoraggio del rischio di credito”.

Ma se l’intenzione di Unicredit sembra chiara, all’orizzonte appare il warning della Bundesbank su un eventuale effetto bolla “proprio lo scorso anno infatti Andreas Dombret, chief banking supervisor della banca centrale, faceva previsioni poco rassicuranti sull’andamento del settore: «Il semaforo è sul giallo: non c’è ancora una bolla sul real estate che minacci la stabilità finanziaria della Germania, ma serve prudenza». Il timore della Vigilanza è infatti che l’allentamento dei criteri di erogazione del credito spingano le banche prendersi maggiori rischi: «Il mix di boom nell’immobiliare e bassi tassi interesse potrebbe diventare un cocktail pericoloso per il settore bancario», spiegava in quell’occasione Dombret. Non bisogna del resto dimenticare che negli anni scorsi gli istituti di credito tedeschi sono già stati investiti dalla violenta crisi dello shipping. Deutsche Bank ha registrato perdite per quasi 350 milioni dal settore e la rivale Commerzbank ha annunciato la volontà di rientrare dei 4,5 miliardi di crediti non performanti, segnando perdite per 600 milioni. La maggiore vittima di quella crisi però è stata Hsh Nordbank, il maggiore erogatore di prestiti al settore del trasporto navale e successivamente oggetto di un salvataggio pubblico”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Mediolanum, consulenza caput mundi

Un tesoro chiamato IWBank

Oggi su BLUERATING NEWS: colpaccio Mediobanca, Fineco ottimista

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Banche Ue, le nuove norme affossano le pmi

Truffa diamanti, arriva il presidio davanti a Banco Bpm

Widiba, cresce la presenza nel Sud Italia

Widiba: la nuova ricetta della consulenza

Oggi su BLUERATING NEWS: rivoluzione BlackRock, allarmi incrociati

Scm Sim, la perdita triplica

Intesa Sanpaolo, le fondazioni calano gli assi

Consulenza, due contratti che sono due incubi

BlackRock-Varde, braccio di ferro per Carige

Unicredit, Allianz bussa alla porta

Intesa, pronta la lista per il cda

Sentenza Tercas-Popolare Bari: ora un cambio di rotta

Banche in crisi, UE con le spalle al muro

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Fineco può crescere ancora

IWBank, tre gol per vincere il derby

Bancoposta? E’ il prodotto dell’anno

Bancari, nel nuovo contratto c’è lo stop alle pressioni commerciali

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Contratti bancari: più soldi, meno reperibilita’

UniCredit, così è cambiata (e cambierà) la rete

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Banca Generali, la raccolta non molla mai

Banche, la rivoluzione è iniziata

Banca Ifis, Bossi si prepara all’addio

Banche e manager: rosa is not the new black

BlueAcademy: dalle basi dell’analisi grafica all’analisi algoritmica

Banca Akros, scatta la seconda fase di Single Name Italy

Ti può anche interessare

Wealth management: il nuovo scenario del consulente patrimoniale

Un nuovo appuntamento con l'approfondimento dedicato ai servizi di consulenza finanziaria ...

Intesa Sanpaolo, un nuovo contratto per bancari e consulenti

Siglato l'accordo con i sindacati. Vediamo i principali aggiornamenti, in funzione dei ruoli del per ...

Day after Bce, titoli bancari col fiato corto

Dopo la discesa di ieri, risale lo spread. Continua la scarsa vena dei titoli del credito ...