Consulenti, quale modello distributivo prevarrà?

A
A
A
Gaetano Megale, Independent Ethics Advisor di Gaetano Megale, Independent Ethics Advisor 22 Agosto 2018 | 09:28
Con la Mifid 2 le reti sono incerte tra la vendita consulenziale o l’advice fiduciaria

In uno scenario della consulenza finanziaria caratterizzato da diversi fattori negativi è probabile che l’industria reagisca “efficientando” il settore e offrendo prodotti e servizi innovativi e articolati per generare ricavi soddisfacenti. Ma quale modello distributivo prevarrà? Vendita consulenziale o consulenza fiduciaria? La vendita consulenziale si basa sul rispetto legale della Mifid 2, la cui regola tecnica dell’adeguatezza consente di “servire al meglio l’interesse del cliente” perseguendo un equo bilanciamento degli interessi del cliente con quelli del consulente e dell’intermediario.

Di contro la consulenza fiduciaria si basa sul principio di agire secondo “il miglior interesse del cliente”, regola fiduciaria tipica dei professionisti, che dà assoluta priorità al suo interesse e che obbliga a dimostrare documentalmente questa condizione utilizzando, per esempio la Uni 11348. Nella prospettiva teorica di Akerlof, di Gaetano Megale* è possibile prevedere che se i potenziali utenti della consulenza non riusciranno a distinguere una consulenza mediocre da una di qualità è probabile che essi tendano, a fronte della trasparenza dei costi, a non fruire del servizio.

Per tale motivo gli operatori cercheranno di contenere al massimo i costi, diretti e indiretti, e quindi la consulenza si appiattirà inevitabilmente sullo standard legale della mediocrità, estromettendo dal mercato la qualità della consulenza fiduciaria. Questa possibilità può essere però evitata per due fattori. Da una parte l’aspirazione eticoprofessionale degli operatori che intendano interpretare l’attività come una professione, piuttosto che come un’attività commerciale. Dall’altra parte facendo comprendere all’utente potenziale la qualità della consulenza fiduciaria, utilizzando per esempio la Prassi di Riferimento Uni/PdR 36.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Elio Conti Nibali e quei ricordi dell’ufficio

Consulenza finanziaria, sostenibilità solo di facciata

Consulenza e coronavirus, un sondaggio svela come ci stiamo comportando

Consulenza e trasparenza dei costi, le osservazioni di Federpromm

Il Paese dove il consulente è nudo

Banca Generali, il migliore anno di sempre

Consulenti, Mifid 3 sarà solo una toppa

Consulenza, come sarà il wealt management nel 2025

Poste Italiane, consulenza ad ampio raggio

Consulenza e certificati al FeeOnly di Verona

Credem, destinazione innovazione

Consulenza e illiquidi, tra rivoluzione e rischi

Consulenza, l’industria tiene ma senza più i fasti

Il contributo della consulenza all’educazione finanziaria degli investitori

Consulenza fiscale, Mediolanum spiega gli Indici Sintetici di Affidabilità

Private banking in Italia, ecco quanto vale e chi comanda

Le truffe dei consulenti, viste dal fee only

Consulenza e trasparenza costi: per ora è un mezzo flop

Consulenza, l’esercito dei potenziali clienti esclusi

Rendiconti Mifid 2, è il turno di IWBank

Credem: Euromobiliare Advisory Sim rinnova gli investimenti

Allianz Bank FA, quando Mifid 2 fa rima con crescita

Consulenza d’estate, manuale di sopravvivenza

IWBank, give me five

I giovani hanno fame di consulenza

La consulenza è un gioco di squadra

Nuovi Pir, Doris boccia il governo

Mediolanum svela l’antidoto contro il male del fai-da-te

Consulenza noir: Nicaragua, i reali sauditi, il figlio di Gelli e un radiato

Mediolanum, il cliente in maglia rosa

Consulenza: il futuro delle Scf

Reti Champions League, collegamenti impossibili

Azimut, la raccolta è sempre un piacere

Ti può anche interessare

Elezioni Enasarco: è di nuovo guerra sulla data

I 6 sindacati nazionali degli Agenti di Commercio – FNAARC, FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL, UILTU ...

IWBank, Giacomelli nuovo responsabile della rete dei cf

Massimo Giacomelli, 56 anni, è il nuovo responsabile della rete dei consulenti finanziari e wealth ...

Fideuram Ispb, il 2019 in 5 notizie

Raccontiamo il 2019 delle reti nelle 5 notizie più lette dell’anno su Bluerating.com, societ ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X