Consulenza con i piedi

A
A
A
Avatar di Redazione 23 Agosto 2018 | 14:30
Riconoscere il linguaggio non verbale del cliente. Spesso comunichiamo con il nostro corpo più di quanto si possa immaginare…

Quando parliamo cosa dicono i nostri piedi? A volte comunichiamo con il corpo molto di più di quanto possiamo immaginare. Occhi, mani braccia, gambe, piedi, voce, postura: tutto racconta di noi e a volte lo fa molto meglio rispetto alle parole che possiamo utilizzare per farlo. Il nostro corpo quindi parla anche quando siamo in silenzio.

Le differenze tra uomo e donna
È importante sottolineare che alcune parti del nostro corpo le riusciamo a controllare molto di più rispetto ad altre. La parte più difficile del nostro corpo da tenere sotto controllo sono proprio i piedi. Il linguaggio dei piedi è stato oggetto di ricerca da parte di uno psicologo della Manchester University, il quale ha dimostrato come la vera espressione di interesse o di disgusto è riconducibile alla dinamicità o passività dei nostri piedi. Lo studioso sostiene che le estremità inferiori rivelano il nostro stato d’animo molto di più dell’espressione del volto o dei gesti delle mani, motivo per cui crede che i piedi non mentano mai. Sembra inoltre ci sia una differenza importante su questo punto tra uomini e donne: gli uomini rispetto alle donne muovono i piedi in maniera indipendente da quel che provano dal punto di vista sentimentale. A questo proposito il ricercatore afferma che “mentre la gente può sapere che messaggio inviano le proprie espressioni facciali o i gesti delle mani, pochi si rendono conto di muovere o meno i piedi e dei messaggi che inviano con essi”. Ed è dunque a questi che conviene prestare particolare attenzione. Il linguaggio segreto dei piedi può rivelare molto sulla nostra personalità, su cosa pensiamo dell’individuo che abbiamo di fronte e perfino sul nostro stato emotivo e psicologico.

Movimenti istintivi
Le persone possono sorridere senza averne voglia e utilizzare il sorriso in una circostanza specifica ma di certo non possono controllare i loro piedi quando parlano, perché nessuno è consapevole di come li muove. I movimenti dei piedi sono istintivi ed estremamente sinceri, non ingannano. Difficilmente osserviamo i piedi per capire una persona. Eppure parlano molto, per esempio durante una conversazione che riteniamo noiosa, con la nostra attenzione attratta da altro, se proviamo a guardare i nostri piedi la loro punta ci farà da bussola confermando il nostro interesse per altro. I piedi generalmente indicano sempre il senso verso il quale la testa è rivolta. Indicano verso quale direzione si vuole andare. Le punte dei piedi le possiamo considerare delle vere e proprie frecce, che ci indicano la direzione che abbiamo preso o che inconsciamente vogliamo prendere. Ovviamente tutto questo accade a livello profondo e inconsapevole. I gesti che produciamo involontariamente sono segnali preziosi delle nostre emozioni più autentiche. Imparare a osservarli può rendere la nostra comunicazione più profonda ed empatica. Essere attenti ai gesti e al movimento dei piedi ci può aiutare a comprendere l’altro, a conoscere il suo reale stato emotivo.

Le percezioni del cervello
Tutto questo vale per l’altro ma anche per noi stessi. Renderci conto di cosa facciamo mentre comunichiamo può aumentare il nostro livello di consapevolezza ed essere coscienti di ciò che stiamo veramente trasmettendo all’altro. Questo punto è fondamentale. Il nostro cervello infatti, anche se non percepisce certe cose a livello cosciente, è allenato a percepire inconsciamente le eventuali incongruenze tra ciò che viene detto e come viene detto e dove troverà o percepirà tali incongruenze, sarà sempre sulla difensiva. Attenzione quindi perché “la cosa più importante nella comunicazione è ascoltare ciò che non viene detto”, come spiega bene Peter Drucker.

A cura di Maria Grazia Rinalda

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Copernico Sim, un decano della consulenza per la squadra del Lazio

Consulenza e risparmio gestito, bisogna riparare il danno

Consulente, un lavoro da consigliare al proprio figlio

Consulenza, i commercialisti sono pronti in pista

Banca Generali, medaglia d’oro come miglior rete di consulenti

Consulenza da padre a figlio, un passaggio complicato

Elio Conti Nibali e quei ricordi dell’ufficio

Consulenza finanziaria, sostenibilità solo di facciata

Consulenza e coronavirus, un sondaggio svela come ci stiamo comportando

Consulenza e trasparenza dei costi, le osservazioni di Federpromm

Il Paese dove il consulente è nudo

Banca Generali, il migliore anno di sempre

Consulenti, Mifid 3 sarà solo una toppa

Consulenza, come sarà il wealt management nel 2025

Poste Italiane, consulenza ad ampio raggio

Consulenza e certificati al FeeOnly di Verona

Credem, destinazione innovazione

Consulenza e illiquidi, tra rivoluzione e rischi

Consulenza, l’industria tiene ma senza più i fasti

Il contributo della consulenza all’educazione finanziaria degli investitori

Consulenza fiscale, Mediolanum spiega gli Indici Sintetici di Affidabilità

Private banking in Italia, ecco quanto vale e chi comanda

Le truffe dei consulenti, viste dal fee only

Consulenza e trasparenza costi: per ora è un mezzo flop

Consulenza, l’esercito dei potenziali clienti esclusi

Rendiconti Mifid 2, è il turno di IWBank

Credem: Euromobiliare Advisory Sim rinnova gli investimenti

Allianz Bank FA, quando Mifid 2 fa rima con crescita

Consulenza d’estate, manuale di sopravvivenza

IWBank, give me five

I giovani hanno fame di consulenza

La consulenza è un gioco di squadra

Nuovi Pir, Doris boccia il governo

NEWSLETTER
Iscriviti
X