Le banche popolari fanno ricche le imprese

A
A
A

200 miliardi di euro gli impieghi delle Banche Popolari alle imprese italiane

di Redazione31 agosto 2018 | 15:30

Nell’anno in corso gli impieghi delle banche Popolari e del territorio verso la clientela imprese ha superato la cifra di 200 miliardi di euro. Di questi 10 miliardi di euro rappresentano il credito al settore dell’agricoltura, oltre 50 miliardi di euro riguardano il settore manifatturiero, di cui 8 miliardi di euro all’industria alimentare e 15 miliardi di euro al ramo lavorazione degli altri prodotti della lavorazione dei minerali non metalliferi. 36 miliardi di euro è l’ammontare del credito erogato al settore delle costruzioni mentre per i servizi, dove si concentra la metà degli impieghi totali del Credito Popolare alle imprese (100 miliardi di euro), 36 miliardi di euro sono finanziamenti alle aziende di commercio all’ingrosso.

Nel commentare tali dati, il Segretario Generale dell’Associazione Nazionale fra le Banche Popolari, Giuseppe De Lucia Lumeno, ha ricordato come “Le Banche Popolari siano in stretto contatto con le realtà produttive locali, contribuendo allo sviluppo delle attività economiche sul territorio. Prova ne è il fatto che oltre la metà degli impieghi si concentra in aree manifatturiere a prevalenza di piccole e medie imprese, il 10% nelle aree turistiche e il 5% in quelle agricole. Il credito al settore primario, al manifatturiero e ai servizi assicurato dalle Banche Popolari nei diversi ambiti locali conferma il ruolo prezioso che tali istituti svolgono all’interno delle comunità di appartenenza e la capacità di promuovere sviluppo e raccogliere le sfide fornite dalle oscillazioni del ciclo economico”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Manovra, la pressione fiscale non scende

Salasso da 4 mld su banche e polizze

Manovra, stangata su banche e assicurazioni

Banche, si avvicina il novembre nero

Intrigo di ordini di bonifici, sospesa consulente

Banca Generali e Candy Crush per le ricette di innovazione

Fideuram: 50 anni da numero 1

Ecco come lo spread strozza le banche (e i risparmi)

Generali lungo il canale

Banche italiane a caccia di soldi

Governo a muso duro con le banche

Ubi Banca cambia volto

Il “buy” del consulente – 01/10/18, da Alkemy a Cnh Industrial

Doris: la consulenza va pagata

Le banche possono affondare il populismo

C’è Tavano per il banking italiano di Hsbc

Banche, il wealth management le fa ricche

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Ti può anche interessare

Cocktail di irregolarità, radiato un consulente

Radiazione del sig. Giovanni Battista Gennaro dall'albo unico dei consulenti finanziari ...

Mifid 2, attenti al quinto effetto

Nel 2019 i clienti toccheranno con mano i costi reali dell’advice. Con possibili brutte sorprese ...

Consulenza finanziaria, i migliori blog su Internet

Ecco una serie di indirizzi web dedicati alla financial advisory ...