Investimenti, occasione azionario

A
A
A

Persiste una certa sottovalutazione dell’asset class azionaria. Lo dice Craig Moran di M&G

Avatar di Max Malandra18 settembre 2018 | 10:20

“Nello scenario finanziario attuale vediamo molta sopravvalutazione nel comparto delle obbligazioni governative dell’Europa occidentale e, viceversa, una certa sottovalutazione dell’asset class azionaria”. Cosi Craig Moran (nella foto), co-fund manager del fondo di M&G (Lux) Conservative Allocation e deputy fund manager dell’M&G (Lux) Dynamic Allocation Fund.

Azionario ancora sottovalutato?

Ci sono aree che in questo momento sembrano suscitare scarso interesse negli operatori. C’è un certo pessimismo causato forse dalla ricorrenza dei 10 anni dalla crisi finanziaria piuttosto che dalle preoccupazioni nell’Eurozona. Per non parlare delle oscillazioni a livello di sentiment, da molto negativo a ripresa economica, e viceversa. Fatto sta che a nostro parere le opportunità nel mercato dell’equity non sembrano mancare. Nel nostro fondo Dynamic Allocation, ad esempio, a gennaio avevamo ridotto il peso dell’azionario al 38%, e da questi livelli lo abbiamo progressivamente incrementato. Anche perché nel frattempo gli utili delle aziende sono continuati a crescere.

Quali aree e settori giudicate i più interessanti?

Abbiamo incrementato le nostre posizioni sul Giappone, sugli altri mercati asiatici e più in generale guardiamo attentamente alle aree che hanno subito i maggiori sell off nel corso del primo semestre dell’anno e che ora presentano quindi quotazioni non in linea con il valore che noi attribuiamo loro. Sotto il profilo settoriale abbiamo un basket di titoli finanziari negli Stati Uniti, in Europa e in Giappone, dato che riteniamo vi siano stati timori eccessivi sul comparto, senza contare che con il rialzo dei tassi di interesse a beneficiarne sarà proprio questo settore. E sempre in ottica di tassi in rialzo, al contrario, cerchiamo di evitare quei comparti che hanno beneficiato di un costo del denaro bassissimo.

Per esempio?

I titoli più difensivi e dei Consumi di base. Privilegiamo quindi titoli che abbiano un maggiore potenziale di crescita grazie a un contesto economico che sta tornando lentamente alla normalità.

Uno scenario di tassi in rialzo è ovviamente negativo per l’asset class obbligazionaria…

Tassi di interesse nominali e reali vicini allo zero (se non negativi) sono chiaramente non interessanti come investimento. Senza contare che è impossibile pronosticare cosa potrà avvenire tra 10 anni… Si tratta quindi di asset “rischiosi”.

E i governativi italiani?

Abbiamo una posizione del 2% sui Btp italiani che abbiamo acquistato a giugno durante il forte negativismo sugli asset italiani. Un po’ come riportare indietro di un paio di anni l’orologio del sentiment sull’Italia. La politica italiana è abbastanza imprevedibile e noi non vogliamo fare previsioni di lungo termine sul Paese, tuttavia, da investitori contrarian, pensiamo che un rendimento vicino al 3% sia un dato interessante anche se sfidante.

Dove altro siete investiti per quanto riguarda il comparto obbligazionario?

Abbiamo posizioni short sui bond tedeschi, britannici, francesi e giapponesi. L’eccezione, a livello di mercati sviluppati, è rappresentata dai Treasury statunitensi, i cui rendimenti sono cresciuti dal 2 fino all’attuale 3% circa. Poi, a livello di mercati emergenti, Messico, Brasile e Sudafrica, i cui rendimenti ci sembrano compensare i rischi di eventuale contagio di Turchia e Argentina. Invece sui corporate la nostra esposizione netta è ormai quasi nulla: il settore ha poco da offrire a nostro giudizio.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pir 2: bene ma non benissimo

Mutui, una montagna di rate non pagate

La consulenza a doppio malto

Investimenti, 29 stock bonus marcati Unicredit

Consulenti, una nuova alternativa per chi vuole uscire dalle reti

Investimenti, la sostenibilità fa bene all’high yield

Investimenti, l’assenza di una spinta

Mediolanum, Doris come Capitan America

Consulente, ti spiego perché la stabilità è destabilizzante

Allianz GI, un nuovo nome per la sostenibilità

Credem disegna il private banking del futuro

I btp fanno il pieno e i tassi salgono

ITForum: tra fintech, investimenti, advisory e space economy

Jupiter, la distribuzione ha un nuovo leader

Gestori in vetrina – M&G

Banche Popolari: nuova linfa per famiglie e pmi

Fineco, il messaggio di Foti ai correntisti per il dopo Unicredit

Mediolanum, il rendiconto ai raggi x

Fineco e i promessi sposi

Gestori in vetrina – Aviva Investors

Consulenti, occhio al potere delle ancore casuali

Consulenti finanziari, un tour con Anima

Oggi su BLUERATING NEWS: Mediolanum e quota Fininvest, fondi in doppia cifra

Bankitalia, stress e spread frenano la crescita

Gestori in vetrina – Kairos

Assoreti, il gestito mette il turbo alla raccolta

Fed: l’affondo di Trump

Consulenti, un aprile tra radiazioni e sospensioni

Contributi Consob, ora i consulenti vogliono un taglio

Dossier reclutamento – IWBank PI

Gestori in vetrina – Franklin Templeton

Credem ha il cuore verde

Consulenti finanziari: la ricerca della felicità

Ti può anche interessare

Enasarco, fuoco incrociato sulla governance

L’attuale modello ha fallito, serve un cambiamento. A sostenerlo diverse personalità tra consigli ...

Rufini (Felsa-Cisl): Troppe lentezze, gli indipendenti fanno paura al sistema

Il responsabile nazionale del lavoro autonomo del settore finanziario dice la sua sul mercato della ...

BLUERATING in edicola: Indispensabili per il cliente

E’ uscito il numero di giugno del mensile ...