Anche Banca Mediolanum e Widiba con Google Pay

A
A
A

Il nuovo servizio permette di gestire le carte di credito/debito direttamente nell’account Google, consentendo di pagare in sicurezza su app e siti web e in tutti i negozi che supportano i pagamenti contactless e su tutte le property Google.

Chiara Merico di Chiara Merico20 settembre 2018 | 08:30

Arriva in Italia Google Pay. Il nuovo servizio permette di gestire le carte di credito/debito direttamente nell’account Google, consentendo di pagare in sicurezza su app e siti web e in tutti i negozi che supportano i pagamenti contactless e su tutte le property Google (inclusi Google Play e YouTube). Con la nuova app Google Pay, gli utenti Android possono infatti effettuare pagamenti in pochi secondi. La app è compatibile con dispositivi dotati di sistema operativo Android (Android 5+) e con smartwatch Wear OS, dotati di tecnologia NFC.
Nei negozi lo smartphone, come pure lo smartwatch Wear OS, diventa un vero e proprio portafoglio. Per iniziare è sufficiente scaricare l’app Google Pay e aggiungere una carta di credito, di debito o prepagata (Maestro, MasterCard, Visa) emessa da una qualsiasi delle banche supportate – tra cui Banca Mediolanum, Boon, HYPE, Nexi, N26, Revolut, Widiba -, a cui si aggiungeranno nei prossimi mesi anche Iccrea Banca e Poste Italiane. Gli utenti
possono attivare il servizio anche direttamente nell’app di mobile banking della propria banca 1 . Al momento di pagare basterà attivare lo schermo del telefono e appoggiarlo al terminale per effettuare il pagamento contactless, grazie alla tecnologia Near Field Communication (NFC). I negozi che offrono questo tipo di pagamento hanno in mostra il simbolo NFC/contactless o il logo Google Pay nell’area delle casse. È possibile pagare con Google Pay ovunque siano accettati i pagamenti contactless, tra cui a titolo di esempio: Autogrill,​ ​Bennet,​ ​Esselunga,​ ​H&M​, Leroy Merlin​, Lidl,​ ​McDonald’s,​ ​Profumerie Douglas e la rete Metropolitana ATM di Milano.

Google Pay può essere selezionato come metodo di pagamento anche quando si effettuano acquisti online. È sufficiente cercare il logo Google Pay su siti web o app – tra cui Asos, Booking.com, Deliveroo, Flixbus, Ryanair, Vueling – in aggiunta ai metodi di pagamento tradizionali. Inoltre, se l’utente ha già effettuato l’accesso tramite il browser Chrome, saranno sufficienti pochi clic per completare un acquisto su centinaia di siti: Chrome e Google Pay inseriranno infatti automaticamente i dati di fatturazione, consegna e pagamento per l’utente. La sicurezza è un elemento centrale per Google Pay. I dati della carta di credito non vengono memorizzati sul dispositivo mobile, tantomeno all’interno dei sistemi del rivenditore. Quando l’utente effettua un pagamento in un negozio, le transazioni si svolgono usando un numero di carta virtuale, per cui il numero di carta reale resta protetto. Inoltre se un telefono o uno smartwatch Wear OS viene smarrito o rubato, è possibile usare la funzione “Trova il tuo telefono” per bloccarlo immediatamente da qualsiasi luogo, metterlo al sicuro con una nuova password o eliminare tutte le informazioni personali. Non sarà invece necessario bloccare la carta di credito, perché i suoi dati non sono presenti sul telefono.

Per Massimo Doris, amministratore delegato di Banca Mediolanum, “con Google Pay si completa oggi l’offerta nell’ambito dei sistemi di pagamento in mobilità, rendendo disponibile ai nostri clienti tutti i servizi su tutte le carte di credito, di debito e prepagate. ‘I tempi corrono’ è ormai divenuto un nostro statement proprio perché abbiamo fatto dell’innovazione la nostra strategia vincente, affinché i nostri clienti possano sempre usufruire degli strumenti migliori di oggi e di domani”.“Con Google Pay aggiungiamo un ulteriore tassello nel processo di semplificazione dell’esperienza dei nostri clienti”, afferma Marco Marazia, direttore commerciale di Widiba. “L’utilizzo dello smartphone è un’attitudine naturale anche per i servizi bancari, indipendentemente dall’età: quello che facciamo è essere sempre precursori di trend e innovazioni tecnologiche per restituire valore ai nostri clienti nel quotidiano. E così, con Google Pay integriamo tra i nostri servizi uno strumento di pagamento semplice, veloce e sicuro, pienamente in linea con lo stile della nostra banca”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Novembre sorride a Banca Mediolanum

Lady Doris, un tesoro da 60 milioni

Banca Mediolanum, i certificates puntellano la raccolta

Banca Mediolanum, margine operativo in crescita del 26%

Reti, raccolta in calo ma i titoli restano un affare

Banca Generali vince, Banca Mediolanum prima in gestito

Banca Mediolanum, un master per i Family banker

Reti ad alto rendimento su Piazza Affari

I campioni dei dividendi delle reti

Movimenti sospetti, stop della Consob a un ex Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, l’estate fa 23

La grande festa sta per finire?

Mediolanum Investment Banking advisor per DBH Holding

Giugno sugli scudi per Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, maggio dieci e lode

Doris (B.Mediolanum): “L’incertezza può frenare i Pir”

Banca Mediolanum diventa Nomad

Banca Mediolanum, aprile a forza 12

Bimbi in ufficio a Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, pagamenti più facili con un Plick

Fininvest-Mediolanum, punto a Berlusconi

Banca Mediolanum, Pac più che triplicati

Bozzolin (B.Mediolanum): “Rapporto umano al centro”

Banca Mediolanum, lo scatto di Doris nel nuovo spot

Doris (Banca Mediolanum): “La nostra agenda per la crescita”

BLUERATING in edicola. Doris (Mediolanum): “Una banca per l’Italia”

A febbraio corre la raccolta di Banca Mediolanum

Doris, rivoluzione in cassaforte

I re del web, la scalata dei Doris

Pir, chi ha vinto lo scudetto

Banca Mediolanum: masse su, utile giù

ConsulenTia18/Bosisio (Mediolanum): “La burocrazia non seppellirà la consulenza”

Gli italiani e il risparmio, se ne parla sul canale di Banca Mediolanum

Ti può anche interessare

Widiba, 4 consulenti e un manager per la nuova casa romana

Nasce un nuovo polo di educazione finanziaria per rispondere alle crescenti esigenze locali di piani ...

Bankitalia: a novembre sofferenze giù del 6,4%

Secondo via Nazionale, le sofferenze in capo alle banche italiane sono diminuite del 6,4% su base an ...

Anasf in diretta dal Parlamento

Anasf in Parlamento sulla Direttiva Distribuzione Assicurativa (IDD) ...