Nasce il Liceo Parini Trust Onlus (con la collaborazione di Mediobanca)

A
A
A

Il trust, realizzato con la consulenza di Mediobanca Private Banking, è il primo strumento finanziario per la raccolta fondi a favore di una scuola italiana.

Chiara Merico di Chiara Merico28 settembre 2018 | 14:25

Per iniziativa di un gruppo di ex studenti e di genitori è stato costituito il Liceo Parini Trust Onlus, il primo strumento finanziario per la raccolta fondi a favore di una scuola italiana. In prima linea tra i sostenitori del progetto proprio gli ex alunni del Liceo Parini, oggi manager e professionisti, da sempre vicini alle iniziative della scuola. Il trust, realizzato con la consulenza di Mediobanca Private Banking, ha come finalità sancita dallo statuto quella di veicolare fondi alla conservazione del patrimonio storico e artistico del Parini e al tempo stesso quella di promuovere l’istruzione e la formazione degli studenti che vivono in condizioni psicofisiche, socioeconomiche o familiari particolari. Il trust si caratterizza per l’affidamento del fondo a un soggetto terzo e indipendente, denominato trustee, che ha il compito di gestire il patrimonio per il perseguimento dello scopo benefico indicato nell’atto istitutivo. In questo compito il trustee è coadiuvato dal guardiano e supportato e vigilato dal comitato dei garanti. In ragione della qualifica di onlus, il trust potrà ricevere anche donazioni del 5 per mille nell’ambito delle dichiarazioni dei redditi. Il veicolo garantisce, inoltre, l’esenzione da imposta di donazione/successione per gli importi trasferiti che potranno essere detratti del 26% con un limite annuale di 30mila euro dalle persone fisiche. Alle società è invece garantita una deducibilità fino a un massimo del 10% del reddito complessivo dichiarato.“Con questa iniziativa vogliamo sostenere l’ente proprietario nella conservazione dello storico edificio di via Goito – commenta Giuseppe Soddu, preside del Liceo Parini e guardiano del trust – e al tempo stesso vogliamo che gli studenti meritevoli possano avere la possibilità di frequentare le migliori università italiane e straniere intervenendo in caso di difficoltà di natura socioeconomica”. Aggiunge Soddu: “Il cammino verso il Trust viene da lontano, da quando un giorno una nostra alunna mi rivelò di essere stata ammessa ad Harvard, una delle università più prestigiose al mondo. Ma amaramente la stessa ragazza mi confessò che i suoi genitori non potevano permettersi una retta così costosa. Sarebbe bastata una borsa di studio, e il suo sogno sarebbe stato realtà. Da allora ho pensato a come fare in modo che gli studenti meritevoli possano coltivare i loro sogni. Il trust può essere la soluzione… Con il sostegno di Mediobanca Private Banking ci siamo messi al lavoro per realizzare questo strumento finanziario, che speriamo tante altre scuole possano seguire”.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

L’inutilità delle fusioni bancarie

Per Lando Maria Sileoni, segretario generale di Fabi, non c'è più bisogno di aggregazioni. Il sist ...

Credit Suisse, altri 30 milioni in Italia

La banca ricapitalizza per poter erogare più credito, fino a 2,3 miliardi, alla clientela del priva ...

Azimut, sarà una trimestrale da sogno

Per Equita, il gruppo del risparmio gestito è destinato a un 2019 con profitti in orbita e per ques ...