SPORTELLO ADVISORY – Che rogna incassare un postdatato

A
A
A
di Marco Muffato 5 Ottobre 2018 | 08:30
La rubrica curata da Marco Muffato

Un cliente ha presentato all’incasso un assegno postdatato. Mi è stato detto di fargli annullare l’operazione. Non capisco il motivo, l’assegno non può essere postdatato ed è quindi valido. P. S., Firenze

Al cliente sono state evitate grane. L’articolo 31 dalla Legge sull’Assegno, R.D. 1736/33, sancisce che il titolo è pagabile a vista ma l’articolo 121 impone al presentatore la regolarizzazione fiscale come cambiale: “Qualora nell’assegno venga indicata una data di emissione posteriore a quella dell’effettiva emissione dell’assegno non giustificata dal periodo di tempo necessario per far pervenire il titolo al destinatario o da altra materiale impossibilità di presentazione e sempre che la data non differisca di oltre quattro giorni da quella dell’emissione, si rende applicabile la tassa graduale delle cambiali, salvo le sanzioni di cui all’articolo 66, n. 5 della legge del bollo 30 dicembre 1923, n. 3268”. Occorre quindi pagare il bollo pari al 24 per mille sul valore del titolo, 12 di imposta e 12 di sanzione. Se ciò non avviene, tutti i soggetti che hanno contribuito a formare e far circolare l’assegno sono responsabili in solido. Altra grana deriva dalla sentenza di Cassazione 10710/2016, secondo cui l’emissione di un assegno in bianco o postdatato è contraria alle norme imperative contenute nella Legge sull’Assegno e pertanto, se consegnato al fine di garanzia del debito, il sottostante patto è nullo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Euromobiliare, un’advisory finanziaria per il mercato delle rinnovabili

Consulenti, quando il bancario incontra il suo futuro

Fineco, la raccolta chiude con il botto

NEWSLETTER
Iscriviti
X