Doris studia un accordo per Mediobanca

A
A
A

Il patron di Mediolanum è pronto a muoversi in prima linea

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti8 ottobre 2018 | 14:00

Qualche giorno fa vi avevamo parlato di possibile incrocio “strategico” tra Azimut e Mediobanca, mentre è notizia di qualche giorno fa la possibile idea di Ennio Doris, altro grande protagonista del mondo delle reti con la sua Mediolanum, relativa a un nuovo patto di consultazione sulla banca d’affari (di cui è Mediolanum è già socia al 3,29%).

Giuseppe Stadio Caputo, sulle pagine di MF dello scorso 8 ottobre, riporta che Doris “ha tirato fuori dal cilindro l’idea di un nuovo patto di consultazione sulla banca d’affari, di cui Mediolanum ha il 3,29% e il banchiere nato a Tombolo uno 0,21%% tramite la holding di famiglia Fin.Prog. Lo definisce «patto di condivisione», una forma light che potrebbe essere gradita a Unicredit, primo socio con l’8,4%. L’uscita della Financière di Parguet di Bolloré (7,9% di Mediobanca), sommata al passo indietro di Italmobiliare (0,98%), aveva abbassato al 19,6% la quota sindacata (28,47%), sotto il limite del 25% sancendo scioglimento automatico a fine anno. Salvo appunto voler riedificare un mini-patto con una mera funzione segnaletica rispetto alle Generali, di cui Piazzetta Cuccia ha il 13,2%. Nelle conversazioni iniziali il patron di Mediolanum avrebbe abbozzato la sua idea come un accordo di consultazione, senza vincoli di blocco dei titoli, che si limita a condividere alcune scelte riguardanti Mediobanca. Condivisione che resterebbe fino a quando gli aderenti conservino l’ultima azione”.

Una scelta, quella del patto, che avrebbe una chiara utilità per la stessa Mediobanca, prosegue il giornalista: “Doris, per caratura e capacità di relazioni, ha una forte leadership e la sua idea del patto di condivisione manterrebbe in vita lo spirito della consultazione, senza troppi obblighi, su grandi tematiche, ma che possa orientare le decisioni. Al top management di Mediobanca farebbe comunque comodo convivere con una qualche forma di accordo con i soci. Anche perché nell’aprile 2019 scadrà il consiglio delle Generali e il rinnovo della governance del Leone costituisce da sempre un terreno di confronto acceso”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Etf, sfatiamo i miti e guardiamo la realtà

Pir 2: bene ma non benissimo

Mutui, una montagna di rate non pagate

La consulenza a doppio malto

Investimenti, 29 stock bonus marcati Unicredit

Consulenti, una nuova alternativa per chi vuole uscire dalle reti

Investimenti, la sostenibilità fa bene all’high yield

Investimenti, l’assenza di una spinta

Mediolanum, Doris come Capitan America

Consulente, ti spiego perché la stabilità è destabilizzante

Allianz GI, un nuovo nome per la sostenibilità

Credem disegna il private banking del futuro

I btp fanno il pieno e i tassi salgono

ITForum: tra fintech, investimenti, advisory e space economy

Jupiter, la distribuzione ha un nuovo leader

Gestori in vetrina – M&G

Banche Popolari: nuova linfa per famiglie e pmi

Fineco, il messaggio di Foti ai correntisti per il dopo Unicredit

Mediolanum, il rendiconto ai raggi x

Fineco e i promessi sposi

Gestori in vetrina – Aviva Investors

Consulenti, occhio al potere delle ancore casuali

Consulenti finanziari, un tour con Anima

Oggi su BLUERATING NEWS: Mediolanum e quota Fininvest, fondi in doppia cifra

Bankitalia, stress e spread frenano la crescita

Gestori in vetrina – Kairos

Assoreti, il gestito mette il turbo alla raccolta

Fed: l’affondo di Trump

Consulenti, un aprile tra radiazioni e sospensioni

Contributi Consob, ora i consulenti vogliono un taglio

Dossier reclutamento – IWBank PI

Gestori in vetrina – Franklin Templeton

Credem ha il cuore verde

Ti può anche interessare

Moneyfarm cresce in Germania con Vaamo

L’operazione si inserisce nella strategia di espansione internazionale di Moneyfarm e rappresenta ...

UniCredit ha venduto un altro pezzo di Fineco

Dopo le indiscrezioni circolate ieri, la banca guidata fa Jean Pierre Mustier ha messo sul mercato i ...

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

Opposizione promossa. Annullata l'ingiunzione di pagamento come "eventuale avente causa obbligata" d ...