Salasso da 4 mld su banche e polizze

A
A
A

Interventi fiscali a carico degli istituti di credito che porteranno maggiori entrate nel 2019 pari allo 0,07% del pil

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti17 ottobre 2018 | 10:07

Una manovra salata per banche e assicurazioni. A conti fatti compagnie e istituti di credito si troveranno costretti a contribuire alla legge di Bilancio per oltre 4 miliardi di euro nel solo 2019. Come raccontano stamane Anna Messia e Andrea Pira sulle pagine di MF, a tanto ammontano infatti gli interventi per il settore delineati nel documento programmatico di bilancio inviato dal governo alla Commissione europea.

Un impatto importante che vi avevamo già anticipato che esponenti della maggioranza che ribadivano che gli unici aumenti di tasse previsti sarebbero stati quelli a carico, appunto, di banche e assicurazioni. Entrando nel dettaglio, si legge sempre su MF, “le tabelle inviate a Bruxelles fanno riferimento a interventi fiscali a carico degli istituti di credito che porteranno maggiori entrate nel 2019 pari allo 0,07% del pil. Vale a dire 1,2 miliardi di euro. Alla vigilia si era parlato di un un taglio del 14% delle deduzioni degli interessi passivi, oggi al 100%, ma nelle tabelle la misura non c’è. Nelle scorse settimane l’Abi aveva sottolineato il rischio di creare disparità concorrenziali rispetto agli altri istituti europei, per non parlare dei possibili effetti sulla capacità di finanziamento dell’economia reale, mentre ieri gli analisti di Equita stimavano un impatto negativo del 4% sugli utili del settore. Una seconda norma, meglio delineata, sposta al 2026 la deduzione del 10% delle svalutazioni e delle perdite sui crediti. In questo modo, il prossimo anno, il governo conta di ricavare entrate per 900 milioni. Un altro miliardo arriverà dalla scelta di spalmare in 10 anni la deducibilità ai fini Ires e Irap della riduzione di valore dei crediti legata all’adozione dei principi contabili Irfs9”.

Per quanto riguarda il mondo assicurativo, l’entrata a gamba tesa è sul fronte Rc auto: il documento trasmesso a Bruxelles parla genericamente di realizzare un “Rc auto equa, con canoni differenziati rispetto al territorio, eliminando i vincoli di trasferimento da un assicuratore a un altro”. L’intenzione sembrerebbe essere quella di anticipare gli sconti obbligatori già previsti dalla legge sulla Concorrenza, anticipandone gli effetti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Carige, resa dei conti a settembre

Banche, lo spauracchio dei tagli al personale

Banche, 11 proposte per cambiarle

Credem, utile sugli scudi e le polizze spingono

Mediolanum, dopo l’estate in arrivo novità sulla protezione dei clienti

IWBank PI, utile e raccolta da capogiro

Saxo bank e B.Generali, matrimonio d’eccellenze

Allianz Bank FA, l’evoluzione passa dalle unit linked

Banca Sistema, la forza dell’utile

Addio a Mario Incrocci, nome storico delle reti

B.Generali batte il consensus e regala masse record

Fineco, la rete si rinnova con giovani e bancari

Consulente indagato, sequestrati 4 milioni a IWBank

Tagli Unicredit, Salvini dice la sua

B.Generali-Nextam Partners, affare fatto

Bce: tassi fermi ma serve sostegno

Deutsche Bank, la ristrutturazione pesa sui conti

Banca Generali, uno sponsor a 5 stelle

Diamanti in banca, ecco il background giuridico

Fineco regina degli scambi

Bancari, il contratto deve affrontare i cambiamenti

Rendiconti Mifid 2: Banca Generali, il valore della sintesi

Widiba, la cultura finanziaria va al mare

Ubi Banca, sprint nei pagamenti

Assopopolari, nel segno della cooperazione bancaria

Deutsche Bank, la borsa premia la cura-choc

Intesa, private banking sulle Dolomiti

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

Banche, lo spread regala un miliardo

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Banche e reti, i consulenti hanno una marcia in più

Conti correnti: gli Italiani sono più parsimoniosi

Ubi Banca va di nuovo a canestro

Ti può anche interessare

Sei rinforzi per i Life Banker di Bnl Bnp Paribas

Tra le novità l'apertura di un flagship store a Roma e l'avvio di una piattaforma assicurativa real ...

Banca Mediolanum: l’uomo di frontiera che cavalca l’innovability

A colloquio con Oscar di Montigny, Chief innovation sustainability e value strategy officer di Banca ...

Truffa diamanti, ora i rimborsi sono più facili

Banco Bpm mette in atto nuove iniziative per agevolare i rimborsi dei clienti rimasti vittima del ca ...