Il Giubileo straordinario di Fideuram visto dal veterano

A
A
A

Francesco Priore ci racconta la sua Fideuram…e non solo

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti18 ottobre 2018 | 09:12

Francesco Priore (nella foto), un curriculum che racconta la storia della consulenza finanziaria in Italia. La presidenza Anasf, il ruolo di area manager in Fideuram. Docenze, articoli, interviste, libri (come Il mercato…che non c’era, dove si parla anche di Fideuram). Vera e propria mente storica dell’advisory, ora lo troviamo come responsabile marketing e comunicazione di Consultinvest, ma abbiamo voluto fare con lui quattro chiacchere per parlare dei suoi 23 anni in Fideuram, in relazione anche dei festeggiamenti per i 50 anni della società. Un percorso che ci racconta una storia italiana.

Anche lei celebra il Giubileo straordinario come Fideuram?
Io lo celebrerò tra un anno, ma 49 anni fa ero in Fideuram, dove sono rimasto per altri 23 anni. Fideuram, che è la “mamma” della Consulenza Finanziaria in Italia, ha costituito l’esperienza più importante del mio cammino professionale, e non solo il mio. Ho appreso molto, da autodidatta o quasi, ma se non hai l’ambiente giusto l’autodidattica non serve. La “scuola” è stata una scuola di vita severissima, ma per fortuna l’imprinting della competitività, iniettato in Fideuram dall’IOS, è stata la cultura pioneristica della frontiera, questa ha consentito di non mollare un’idea valida che si è rivelata vincente.

Quali valori aveva ed è riuscita a trasmettere Fideuram per promuovere un settore in cui, tuttora, l’asimmetria cognitiva impera?
Il valore principale è stato proprio fare cultura, non accademica, bensì una comunicazione chiara e comprensibile, sintetica ed efficace, concreta e misurabile. Per vivere, e sopravvivere, dovevi farti capire e prevedere che tutte le tue affermazioni sarebbero state verificate con i fatti, non con la dialettica; abitudine poco diffusa.
L’altro valore era l’utilità sociale della pianificazione finanziaria; anche se fatta con mezzi modesti, ha dato a noi tutti la coscienza di assistere i risparmiatori a orientare le proprie risorse invece di delegare tutto al sistema che, all’epoca almeno, non se ne preoccupava. L’unica “cultura” promossa allora dal sistema era quella del rendimento che, trascurando il rischio, ha alimentato le avidità con le note conseguenze.

I “pionieri” Fideuram erano anche i “buoni” contro i cattivi?
Assolutamente no, un mercato che nasce è costituito da mercanti e, come in tutti i settori, anche qui ci sono i buoni e i cattivi. Quello che posso dire è che, in virtù del rigore che negli anni ’70 Fideuram applicò nella valutazione dell’attività dei propri Consulenti, si sviluppò una cultura del rispetto del cliente di cui i Consulenti Fideuram seppero fare tesoro; questa è stata la chiave di volta per portare questo settore a gestire i risparmi di milioni di famiglie, diversamente sarebbe affondato.

Ma, in effetti, chi è Fideuram?
Fideuram è una storia di successo delle donne e degli uomini che hanno lavorato per 50 anni con questa idea. Le aziende, almeno fino a oggi, sono fatte da persone, senza le persone non esistono, se esprimono valore è perché si dotano di persone di valore.

Perché è uscito da Fideuram?
Per un manager è normale, cresce in un’azienda, contribuisce con le proprie capacità, apprende, poi la sua efficacia si standardizza, deve cambiare e ripetere il ciclo in altre aziende, trasferendo e apprendendo; io ho avuto la fortuna di poterlo fare e di continuare a farlo. Altre persone molto più capaci sono uscite da Fideuram come Ennio Doris o Pietro Giuliani, certamente anche loro hanno appreso in Fideuram. Sarebbe stato bello che Fideuram li avesse invitati a celebrare il Giubileo, sono competitor con storie di successo personali ma anche di …Fideuram. Un’azienda è come un albero, non basta il tronco da solo; le radici e i rami rigogliosi ne esprimono la forza e le permettono di continuare a svilupparsi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Truffa diamanti, le banche si difendono

Banca Sella: quotazione? No grazie

BinckBank sfoggia un super utile operativo

Foti (Fineco): tre pilastri per vincere la battaglia sui margini

Fideuram Ispb: raccolta sì, utile nì

Mps, Morelli apre ad una alleanza

Banque Syz, Eric passa il testimone di ceo

Certifica, Bnp Paribas: mini future per tutti i gusti

Fineco, top entry in riva al lago

Cara rete, pensavi solo ai soldi?

Deutsche Bank FA, trittico d’autore

Oggi su BLUERATING NEWS: Masse boom per Banca Generali, la consulenza conquista l’impresa

Allianz Bank, gestito e vita per un 2018 da ricordare

Banca Generali, masse record e l’utile batte le stime

Mediolanum, la consulenza non s’inventa

Unicredit chiude in bellezza il 2018

Deutsche Bank PB, ingresso d’esperienza nel private bresciano

Intesa e Unicredit alla prova dei numeri 2018

Mediolanum, il tech dal volto umano

Oggi su BLUERATING NEWS: la private bank svizzera di Intesa, l’utile di Deutsche Bank

Poste Italiane, l’app Bancoposta controlla le tue spese

IWBank PI, scene da una convention

Intesa SP, nasce la private bank svizzera

Bnl Bnp Paribas LB: Rebecchi schiera l’11 post convention

La favola dell’Uomo Ragno bancario

Banca Mediolanum: il risk management diventa futuristico

Oggi su BLUERATING NEWS: i campioni 2018 di Assoreti, la fusione Unicredit-SocGen

Ubi Banca: ecco il calendario degli eventi societari

Consultinvest e Pir, avviso ai naviganti

Bnl Bnp Paribas LB: il consulente diventa patrimoniale

Consulenti: i nuovi orizzonti del business

Hypo Alpe-Adria Bank, la filiale italiana è in vendita

Banca Generali: la ricetta di Mossa per un ponte imprese-investitori

Ti può anche interessare

Effetto Mifid 2, Uni cambia la Iso 22222

Il ruolo centrale di Accredia, l’Ente italiano di accreditamento. La nuova versione della norma te ...

Ubi Banca cavalca la rivoluzione mobile

Novità in materia di pagamenti ...

Bluerating Awards: volti e nomi dei fantastici 85 cf

Nome per nome, i magnifici 85 consulenti finanziari in gara che si contenderanno i premi Sono otto l ...