Il Giubileo straordinario di Fideuram visto dal veterano

A
A
A

Francesco Priore ci racconta la sua Fideuram…e non solo

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti18 ottobre 2018 | 09:12

Francesco Priore (nella foto), un curriculum che racconta la storia della consulenza finanziaria in Italia. La presidenza Anasf, il ruolo di area manager in Fideuram. Docenze, articoli, interviste, libri (come Il mercato…che non c’era, dove si parla anche di Fideuram). Vera e propria mente storica dell’advisory, ora lo troviamo come responsabile marketing e comunicazione di Consultinvest, ma abbiamo voluto fare con lui quattro chiacchere per parlare dei suoi 23 anni in Fideuram, in relazione anche dei festeggiamenti per i 50 anni della società. Un percorso che ci racconta una storia italiana.

Anche lei celebra il Giubileo straordinario come Fideuram?
Io lo celebrerò tra un anno, ma 49 anni fa ero in Fideuram, dove sono rimasto per altri 23 anni. Fideuram, che è la “mamma” della Consulenza Finanziaria in Italia, ha costituito l’esperienza più importante del mio cammino professionale, e non solo il mio. Ho appreso molto, da autodidatta o quasi, ma se non hai l’ambiente giusto l’autodidattica non serve. La “scuola” è stata una scuola di vita severissima, ma per fortuna l’imprinting della competitività, iniettato in Fideuram dall’IOS, è stata la cultura pioneristica della frontiera, questa ha consentito di non mollare un’idea valida che si è rivelata vincente.

Quali valori aveva ed è riuscita a trasmettere Fideuram per promuovere un settore in cui, tuttora, l’asimmetria cognitiva impera?
Il valore principale è stato proprio fare cultura, non accademica, bensì una comunicazione chiara e comprensibile, sintetica ed efficace, concreta e misurabile. Per vivere, e sopravvivere, dovevi farti capire e prevedere che tutte le tue affermazioni sarebbero state verificate con i fatti, non con la dialettica; abitudine poco diffusa.
L’altro valore era l’utilità sociale della pianificazione finanziaria; anche se fatta con mezzi modesti, ha dato a noi tutti la coscienza di assistere i risparmiatori a orientare le proprie risorse invece di delegare tutto al sistema che, all’epoca almeno, non se ne preoccupava. L’unica “cultura” promossa allora dal sistema era quella del rendimento che, trascurando il rischio, ha alimentato le avidità con le note conseguenze.

I “pionieri” Fideuram erano anche i “buoni” contro i cattivi?
Assolutamente no, un mercato che nasce è costituito da mercanti e, come in tutti i settori, anche qui ci sono i buoni e i cattivi. Quello che posso dire è che, in virtù del rigore che negli anni ’70 Fideuram applicò nella valutazione dell’attività dei propri Consulenti, si sviluppò una cultura del rispetto del cliente di cui i Consulenti Fideuram seppero fare tesoro; questa è stata la chiave di volta per portare questo settore a gestire i risparmi di milioni di famiglie, diversamente sarebbe affondato.

Ma, in effetti, chi è Fideuram?
Fideuram è una storia di successo delle donne e degli uomini che hanno lavorato per 50 anni con questa idea. Le aziende, almeno fino a oggi, sono fatte da persone, senza le persone non esistono, se esprimono valore è perché si dotano di persone di valore.

Perché è uscito da Fideuram?
Per un manager è normale, cresce in un’azienda, contribuisce con le proprie capacità, apprende, poi la sua efficacia si standardizza, deve cambiare e ripetere il ciclo in altre aziende, trasferendo e apprendendo; io ho avuto la fortuna di poterlo fare e di continuare a farlo. Altre persone molto più capaci sono uscite da Fideuram come Ennio Doris o Pietro Giuliani, certamente anche loro hanno appreso in Fideuram. Sarebbe stato bello che Fideuram li avesse invitati a celebrare il Giubileo, sono competitor con storie di successo personali ma anche di …Fideuram. Un’azienda è come un albero, non basta il tronco da solo; le radici e i rami rigogliosi ne esprimono la forza e le permettono di continuare a svilupparsi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, è crollo dei prestiti

Consulenti, ecco il segreto per non mollare

Carige, resa dei conti a settembre

Banche, lo spauracchio dei tagli al personale

Banche, 11 proposte per cambiarle

Credem, utile sugli scudi e le polizze spingono

Mediolanum, dopo l’estate in arrivo novità sulla protezione dei clienti

IWBank PI, utile e raccolta da capogiro

Saxo bank e B.Generali, matrimonio d’eccellenze

Allianz Bank FA, l’evoluzione passa dalle unit linked

Banca Sistema, la forza dell’utile

Addio a Mario Incrocci, nome storico delle reti

B.Generali batte il consensus e regala masse record

Fineco, la rete si rinnova con giovani e bancari

Consulente indagato, sequestrati 4 milioni a IWBank

Tagli Unicredit, Salvini dice la sua

B.Generali-Nextam Partners, affare fatto

Bce: tassi fermi ma serve sostegno

Deutsche Bank, la ristrutturazione pesa sui conti

Banca Generali, uno sponsor a 5 stelle

Diamanti in banca, ecco il background giuridico

Fineco regina degli scambi

Bancari, il contratto deve affrontare i cambiamenti

Rendiconti Mifid 2: Banca Generali, il valore della sintesi

Widiba, la cultura finanziaria va al mare

Ubi Banca, sprint nei pagamenti

Assopopolari, nel segno della cooperazione bancaria

Deutsche Bank, la borsa premia la cura-choc

Intesa, private banking sulle Dolomiti

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

Banche, lo spread regala un miliardo

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Banche e reti, i consulenti hanno una marcia in più

Ti può anche interessare

Novembre sorride a Banca Mediolanum

L'istituto di Basiglio ha messo a segno una raccolta netta totale di gruppo pari a 301 milioni di eu ...

La lezione veneta di Copernico Sim

Un nuovo incontro sul territorio dedicato all'approfondimento ...

Fineco e Banca Mediolanum, è arrivato il dividend day

Post Pasquetta sotto la pioggia per Piazza Affari. A piovere però non è acqua, ma una vera e propr ...