Fideuram, 50 anni e non sentirli

A
A
A

Il perché di un successo: grandi manager e ottima reputazione. E la riuscita integrazione sotto l’egida di Intesa Sanpaolo.

Avatar di Nicola Ronchetti19 ottobre 2018 | 08:41

Fideuram nasce in un anno non banale, il 1968. E di strada ne ha fatta tanta, passando da chi ha saputo valorizzarla ma anche da chi – anni fa – ne avrebbe volentieri ceduto il controllo in nome della difficoltà di gestire gli allora “promotori finanziari” considerati “ingovernabili”. La storia più recente ci ha insegnato che i margini generati dalle reti dei consulenti finanziari non solo hanno reso la loro attività pienamente gestibile, ma molto spesso hanno salvato i conti dei grandi gruppi bancari nei momenti di difficoltà. Tanto è che chi in passato ha ceduto in fretta e furia le proprie reti di cf sta ora impegnandosi, non senza fatica e a caro prezzo, a ricostituirne di nuove.

La storia di Fideuram si intreccia con la storia della consulenza finanziaria in Italia e non solo perché è la rete più storica, ma anche perché da lei sono passati quasi tutti i manager che oggi gestiscono con successo altre reti.

Ed è forse per questo che Fideuram Ispb gode di un’ottima reputazione e immagine non solo tra i suoi clienti, ma anche tra i professionisti. Dai monitoraggi sui consulenti finanziari e sui private banker che FINER Finance Explorer realizza continuativamente Fideuram risulta infatti la rete con il maggior valore di immagine (“brand equity”).

Certamente altre reti – più giovani – stanno incalzando il predominio di immagine di Fideuram Ispb, ma la distanza è ancora significativa, anche grazie ad alcuni suoi asset: tradizione, serietà, affidabilità, capacità di rinnovarsi e di cavalcare la rivoluzione digitale tenendo sempre al centro della propria strategia il consulente finanziario. Anche iltop management che si è succeduto negli anni sulla tolda di comando di Fideuram ha saputo difendere e valorizzare la sua autonomia, in una logica ecumenica e di lungo periodo che sembra avere pagato di più rispetto a scelte più trancianti.

La sua convivenza nel gruppo Intesa Sanpaolo, l’affiancamento – post integrazione Milano/Torino – con una rete concorrente nata da una sua costola (Sanpaolo Invest) e poi con la banca private (Intesa Sanpaolo Private Banking) dimostrano ancora una volta e anche ai più scettici che le strategie del “divide et impera” non sempre danno i migliori frutti, soprattutto quando in ballo ci sono reti e professionisti affermati da tempo.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, è crollo dei prestiti

Consulenti, ecco il segreto per non mollare

Carige, resa dei conti a settembre

Banche, lo spauracchio dei tagli al personale

Banche, 11 proposte per cambiarle

Credem, utile sugli scudi e le polizze spingono

Mediolanum, dopo l’estate in arrivo novità sulla protezione dei clienti

IWBank PI, utile e raccolta da capogiro

Saxo bank e B.Generali, matrimonio d’eccellenze

Allianz Bank FA, l’evoluzione passa dalle unit linked

Banca Sistema, la forza dell’utile

Addio a Mario Incrocci, nome storico delle reti

B.Generali batte il consensus e regala masse record

Fineco, la rete si rinnova con giovani e bancari

Consulente indagato, sequestrati 4 milioni a IWBank

Tagli Unicredit, Salvini dice la sua

B.Generali-Nextam Partners, affare fatto

Bce: tassi fermi ma serve sostegno

Deutsche Bank, la ristrutturazione pesa sui conti

Banca Generali, uno sponsor a 5 stelle

Diamanti in banca, ecco il background giuridico

Fineco regina degli scambi

Bancari, il contratto deve affrontare i cambiamenti

Rendiconti Mifid 2: Banca Generali, il valore della sintesi

Widiba, la cultura finanziaria va al mare

Ubi Banca, sprint nei pagamenti

Assopopolari, nel segno della cooperazione bancaria

Deutsche Bank, la borsa premia la cura-choc

Intesa, private banking sulle Dolomiti

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

Banche, lo spread regala un miliardo

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Banche e reti, i consulenti hanno una marcia in più

Ti può anche interessare

Franklin Templeton “on the road” per incontrare gli investitori

Per una settimana, dal 14 al 18 gennaio, Franklin Templeton aprirà le porte della sua sede di Milan ...

BinckBank, il roadshow riparte dall’Adriatico

Archiviate con successo le precedenti otto tappe, il roadshow di BinckBank sbarca sul litorale adria ...

Consulenti, ecco tutte le app che vi possono aiutare

Sembra che ormai nessuno possa più lavorare senza uno smartphone. Ciò è vero anche per i consulen ...