“Good news” per i possessori dei Buoni postali 1986

A
A
A

I clienti chiedono informazioni sui buoni fruttiferi postali anni ‘80 con rendimento dimezzato.

Marco Muffato di Marco Muffato19 ottobre 2018 | 10:16

Non passa settimana che un cliente o conoscente mi domandi dei buoni fruttiferi postali anni ‘80 con rendimento dimezzato. Come posso rispondere in maniera adeguata?
G. M., Napoli

È da poco emersa una novità. A fine di agosto, l’Ordinanza 21543 della Cassazione ha rimesso alle Sezioni Unite lo storico contenzioso riguardante il D.M. 13/06/1986 che, istituendo dal successivo 1 luglio la nuova Serie Q, trasformò con decorrenza 1/1/1987 nella nuova Serie anche le Serie N e O, abbassandone di molto il rendimento. Le Poste, che ricordiamo sono collocatrici dei Bfp emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti, si difendono affermando che il decreto era pienamente legittimo e che la legge prevedeva la sola pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, e in effetti sino a oggi i pronunciamenti dei tribunali e dell’Arbitro Bancario sono sempre andati in tale direzione. C’è chi ha vinto in
primo grado, ma in appello le Poste hanno poi avuto la meglio. Secondo la Sezione rimettente, le Sezioni Unite dovranno stabilire non la legittimità del decreto, che non viene anche stavolta messa in discussione, bensì pronunciarsi sull’applicazione ai Buoni postali fruttiferi del sistema generale dei contratti. In caso di pronuncia positiva i possessori dei Buoni avranno un rimborso super, grazie agli interessi maturati nei 30 anni dell’investimento.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Portare monete storiche all’estero

SPORTELLO ADVISORY – Carte di credito, il recesso va comunicato bene

Fate attenzione ai broker Forex

Carte di credito, il recesso va comunicato bene

Obbligare al bonifico per pagare scuola calcio o palestra? Violata la norma sui pagamenti in contanti

Supermulta perché manca clausola di non trasferibilità

SPORTELLO ADVISORY – Che rogna incassare un postdatato

Le polizze abbinate ai mutui rientrano nel calcolo del tasso usurario

Super multa per assegno senza clausola di trasferibilità. Che fare?

Carta di credito nel C.A.I. Che fare?

Versato assegno postdatato? L’operazione va stornata

Cointestatario incassa buono postale all’insaputa degli altri: il rimedio c’è

Etf esteri, che ingiustizia le due tasse sui dividendi

SPORTELLO ADVISORY – Il destino crudele di un iscritto al Cai

Pagamenti online, l’importanza di ricevere gli sms

La guerra al contante? È un errore

Arriva l’arbitro Ivass per i contratti assicurativi

Servizi di pagamento, la banca responsabile in caso di frodi informatiche

Bond cointestati, giusto ricorrere

Aggravamento del rischio di titoli negoziati: l’intermediario deve informare il cliente

Bond, il credito d’imposta c’è anche nel mancato rimborso

Opzioni binarie, proibita la vendita al retail ma il problema degli abusivi rimane

La banca deve informare se il rischio cresce

Obbligo di rendicontazione trimestrale del dossier titoli? Attenti all’equivoco

Mifid 2, il cliente non è obbligato a rispondere al questionario

Addebito capital gain dovuto, nessun indennizzo per il cliente

Portugal Telecom, le banche dovevano informare

Come sono tassate le prestazioni dei fondi pensione per un residente all’estero?

Ammissioni al passivo ex popolari venete, istruzioni per l’uso

Ritardi nel rilascio della certificazione delle minusvalenze, la banca è responsabile

Il punto sulle fideiussioni omnibus

Quelle comunicazioni invisibili nell’home banking

Ingiusto pagare i costi di verifica di assegni circolari

Ti può anche interessare

Consulenti a caccia di una legittimazione

Uno studio illustra tre modalità per rendere più desiderabile la propria attività professionale ...

Bluerating News del 16/1/18: ecco tutti i protagonisti

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

ViViBanca, Gesa entra in cda

La nomina è stata decisa per cooptazione dal consiglio di amministrazione di ViViBanca, riunitosi l ...