Manovra: per Ennio Doris è sbagliata dalla A alla Z

A
A
A

Il presidente di Banca Mediolanum lancia l’allarme ai risparmiatori

di Redazione22 ottobre 2018 | 09:24

Ennio Doris entra a gamba tesa sul governo. Il presidente di Banca Mediolanum ha espresso tutto il suo disappunto, sulle pagine de La Stampa, per il declassamento di Moody’s sull’affidabilità del debito pubblico italiano. “Con una manovra diversa si sarebbe evitato” ha dichiara Doris, che lancia un monito ai risparmiatori: “Il rialzo dei tassi è la cosa più pericolosa perché normalmente si calcola quanto costa il debito pubb lico in più, e quello è abbastanza facile: ogni anno scadono circa 400 miliardi di titoli, quindi 1,5 per cento equivale a 6 miliardi, 12, 18. Ma sono gli effetti collaterali il rischio peggio. Primo dato: sui bilanci delle banche diminuisce il patrimonio e quindi le banche sono meno in grado di prestare denaro. I tassi per i prestiti non possono che salire, soprattutto se le imprese si rivolgono al mercato: perché non è sfiducia sull’Italia, sulla sua permanenza nell’euro e quindi l’azienda italiana che si finazia è costretta a pagare di più. E poi c’è l’effetto di questo clima negativo che si trasmette dai mercati al retail e agli operatori e investitori perché se i risparmiatori sono molto preoccupati allora non comprano titoli di Stato, prelevano i soldi dalla banca, ma siccome questi sono anche i consumatori, la paura non può che tradursi anche in una maggiore attenzione ai consumi. Quindi quei 10 miliardi destinati a stimolare i consumi, provocano preoccupazione in tutto il resto del mercato che tenderà a rallentare e quindi ad annullare l’effetto“.


1 commento

  • Francesca says:

    Le solite previsioni tanto al kilo….
    – 400 MLD in scadenza sottoscritti gran parte in Italia…
    -Le banche italiane/sgr sono in prima linea sulla speculazione BTP nostrana….grazie

ARTICOLI CORRELATI

Le incorruttibili Poste Italiane

Violazioni multiple, radiato consulente

Sistema bancario italiano, maneggiare con cautela

Banca Generali, scatto finale della raccolta

Ing, la filiale con il look giusto per la consulenza

Consob, parte la campagna social per Scolari alla presidenza

Fineco, il trionfo della consulenza

Intesa, doppia mossa digitale per le imprese

Stress test, tanti errori nello scoop del Sole

Ubi, forze unite per blindare il capitale

Un anno miliardario per Allianz Bank FA

Ubi Banca cavalca la rivoluzione mobile

Stretta di mano tra fisco e Mediolanum

Credem, l’avanguardia nei pagamenti

Anasf: porte aperte per i “Protagonisti della crescita”

Con Consob per parlare di banca e finanza

Deutsche Bank: occhio a chi ne sfrutta illecitamente il marchio

Unicredit, svolta di Mustier: resterà da sola per 3/4 anni

Pressioni commerciali, il vero pericolo è nelle reti

Private banking, Julius Bär vende Kairos

Intesa Sanpaolo sceglie la blockchain

Sono pronti i nuovi super manager di Banca Mediolanum

Un Remix a firma Fineco

Si rafforza il commerciale di Raiffeisen CM

Ubi Banca, Massiah apre al matrimonio

Hanno ucciso il Private Banking…

JPMorgan lancia la sfida alle banche

Banche, incubo mega bolla sui derivati

Mediobanca, tutto fatto per il nuovo patto

Il tesoro dei Doris vale oltre un miliardo

Banche, obbligazioni subordinate tra rischio e occasione

Banca Generali: rotta verso gli 80 miliardi

Intesa Sanpaolo, il futuro è digital

Ti può anche interessare

Consulenti, come fare business con i clienti riassegnati

Il nuovo libro di Francesco Priore e Paolo Buro approfondisce un tema tornato di grande attualità c ...

Mifid 2, attenti al quinto effetto

Nel 2019 i clienti toccheranno con mano i costi reali dell’advice. Con possibili brutte sorprese ...

Giugno sugli scudi per Banca Mediolanum

Con 472 milioni di raccolta totale, giugno risulta finora il mese migliore del 2018 per l'istituto d ...