Reti, raccolta in calo ma i titoli restano un affare

A
A
A

Si rileva una reazione tutt’altro che negativa a Piazza Affari per i titoli del comparto del risparmio gestito che anzi proseguono nel recupero tendenziale

Avatar di Gianluigi Raimondi31 ottobre 2018 | 12:13

Era da 33 mesi che l’industria del risparmio gestito non registrava una raccolta netta negativa: a settembre il comparto Assoreti ha accusato una flessione con deflussi per 120 milioni di euro. Complici le turbolenze sui mercati emergenti in scia alla guerra commerciale Usa-Cina, il contesto di tassi in Usa in ascesa e le alte valorizzazioni a Wall Street (ora già ridimensionate) gli investitori sembrano di fatto entrati in modalità “risk-off”.

Se da un lato questo dato preoccupa, dall’altro però si rileva una reazione tutt’altro che negativa a Piazza Affari per i titoli del comparto del risparmio gestito che anzi proseguono nel recupero tendenziale, forse già troppo penalizzati dopo i pesanti ribassi delle scorse settimane che hanno gravato sull’intero Ftse Mib.

Nel dettaglio, oggi Anima Holding segna un rialzo superiore all’1% (dato rilevato alle ore 10,50 del 31 ottobre). Un movimento che favorisce l’inversione rialzista dei corsi intrapresa dal titolo dopo il minimo dello scorso 25 ottobre a 3,33 euro. Dal punto di vista operativo però, solo l’eventuale conferma del superamento della media mobile a 21 sedute al momento passante per quota 3,75 aprirebbe la via a un crebile ulteriore allungo prioma verso 4,10 (dove passa la media mobile a 50 giorni) e in seguito a ridosso della resistenza statica posta in area 4,50/4,70 euro). Da rilevare poi, ai prezzi attuali, che il titolo vanta un rendimento del dividendo di tutto rispetto: 4,93%.

Azimut Holding sta al momento mettendo segnando un ribasso limitato allo 0,6% proseguendo nel tentativo di consolidamento laterale introno ai 10,85 euro. Una dinamica che può rivelarsi propedeutica all’inizio di un recupero con target a 11,90 in prima battuta e poi in zona 13 euro, livelli dove transitano rispettivamente le medie mobili a 21 e 50 sedute. In questo caso poi il dividend yield è dell’8,9%.

Proseguendo, Banca Generali registra un ribasso al momento contenuto a circa lo 0,6% e, dal punto di vista tecnico, il titolo sta tentando di consolidare in un trading range che potrebbe rivelarsi una solida base dalla quale tentare una ripartenza. In quest’ottica, al rialzo i prossimi target sono individuabili in arrea 18,55/20 euro con un rigido stop loss da posizionare però a 16,75 euro. Degno di nota poi, anche in questo caso, il dividend yield, attualmente pari al 7,16%.

Ancora, Banca Mediolanum è praticamente invariata rispetto alla precedente seduta e, tecnicamente parlando, il titolo è in fase di rimbalzo dopo il minimo al di sotto della soglia dei 5 euro dello scorso 26 ottobre. Prossimi obiettivi a quota 5,50 prima e 5,75 in seguito con stop loss all’eventuale cediemento di 4,90. Anche per questo titolo il rendimento del dividendo è decisamente interessante: 7,7%.

Infine, ultimo ma non certo per importanza, FinecoBank registra un rialzo del 2,5% che, tecnicamente conferma l’inversione rialzista in atto. Prossimi obiettivi in area 10/10,15 euro prima e 10,50 in seguito. Il rendimento del dividendo è, seppur di poco, superiore al 3 per cento.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Performance fee, le linee guida Esma non danneggiano le reti

Reclutamenti, Azimut spinge sul Triveneto

Rendiconti Mifid 2, ecco i documenti assicurativi di Azimut

Azimut, si conclude il master sul passaggio generazionale

Azimut a Palazzo Mezzanotte, pronta per la nuova sfida

Azimut, impennata degli afflussi

Reti, quando il private equity diventa retail

Azimut mette nel mirino Banca Generali

Azimut si mette in mostra all’ombra del Vesuvio

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Caso H2O, faccia a faccia di Natixis con le reti

Azimut, largo alle donne nella rete

Azimut, alleanza con Passera

Azimut: raccolta sopra i 2 miliardi e un nuovo acquisto

Azimut, in cerca di partner e sulla rotta giusta

Azimut: Giuliani si gode la sua rivincita

Azimut, la domanda senza risposta

Azimut, inizia la svolta sulle fee

Reti Champions Leaugue: Foti-Rebecchi, duello per la vetta

Azimut, faro su Londra

Consulenti, Mei saluta Deutsche Bank e guarda oltre

Intesa e Azimut, stretta di mano per i servizi ai cf

Azimut: per Giuliani il bello deve arrivare

Azimut Libera Impresa, è tempo di prequel

Prosegue lo sviluppo della rete Banco Desio

Azimut, vincenti perché indipendenti

Azimut fa compagnia a Gasperini

Azimut, impennata di utili e ricavi

Azimut, la raccolta è sempre un piacere

Azimut, Fineco e Banca Generali: le sorelle dalla super crescita

Azimut, sarà una trimestrale da sogno

Consulenti, così si lavora in Azimut

Caccia grossa nel risparmio gestito

Ti può anche interessare

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Dopo l’acquisizione di Bfi Finance attraverso Compass, ecco che nuove prospettive di M&A potre ...

Azimut, il reclutamento non dorme mai

Un 2018 con diversi nuovi professionisti ...

Banca Generali: il retail sugli illiquidi non è un tabù

Per Gian Maria Mossa serve una svolta nell'acceso alle soluzioni di investimento ...