Reti, raccolta in calo ma i titoli restano un affare

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 31 Ottobre 2018 | 12:13
Si rileva una reazione tutt’altro che negativa a Piazza Affari per i titoli del comparto del risparmio gestito che anzi proseguono nel recupero tendenziale

Era da 33 mesi che l’industria del risparmio gestito non registrava una raccolta netta negativa: a settembre il comparto Assoreti ha accusato una flessione con deflussi per 120 milioni di euro. Complici le turbolenze sui mercati emergenti in scia alla guerra commerciale Usa-Cina, il contesto di tassi in Usa in ascesa e le alte valorizzazioni a Wall Street (ora già ridimensionate) gli investitori sembrano di fatto entrati in modalità “risk-off”.

Se da un lato questo dato preoccupa, dall’altro però si rileva una reazione tutt’altro che negativa a Piazza Affari per i titoli del comparto del risparmio gestito che anzi proseguono nel recupero tendenziale, forse già troppo penalizzati dopo i pesanti ribassi delle scorse settimane che hanno gravato sull’intero Ftse Mib.

Nel dettaglio, oggi Anima Holding segna un rialzo superiore all’1% (dato rilevato alle ore 10,50 del 31 ottobre). Un movimento che favorisce l’inversione rialzista dei corsi intrapresa dal titolo dopo il minimo dello scorso 25 ottobre a 3,33 euro. Dal punto di vista operativo però, solo l’eventuale conferma del superamento della media mobile a 21 sedute al momento passante per quota 3,75 aprirebbe la via a un crebile ulteriore allungo prioma verso 4,10 (dove passa la media mobile a 50 giorni) e in seguito a ridosso della resistenza statica posta in area 4,50/4,70 euro). Da rilevare poi, ai prezzi attuali, che il titolo vanta un rendimento del dividendo di tutto rispetto: 4,93%.

Azimut Holding sta al momento mettendo segnando un ribasso limitato allo 0,6% proseguendo nel tentativo di consolidamento laterale introno ai 10,85 euro. Una dinamica che può rivelarsi propedeutica all’inizio di un recupero con target a 11,90 in prima battuta e poi in zona 13 euro, livelli dove transitano rispettivamente le medie mobili a 21 e 50 sedute. In questo caso poi il dividend yield è dell’8,9%.

Proseguendo, Banca Generali registra un ribasso al momento contenuto a circa lo 0,6% e, dal punto di vista tecnico, il titolo sta tentando di consolidare in un trading range che potrebbe rivelarsi una solida base dalla quale tentare una ripartenza. In quest’ottica, al rialzo i prossimi target sono individuabili in arrea 18,55/20 euro con un rigido stop loss da posizionare però a 16,75 euro. Degno di nota poi, anche in questo caso, il dividend yield, attualmente pari al 7,16%.

Ancora, Banca Mediolanum è praticamente invariata rispetto alla precedente seduta e, tecnicamente parlando, il titolo è in fase di rimbalzo dopo il minimo al di sotto della soglia dei 5 euro dello scorso 26 ottobre. Prossimi obiettivi a quota 5,50 prima e 5,75 in seguito con stop loss all’eventuale cediemento di 4,90. Anche per questo titolo il rendimento del dividendo è decisamente interessante: 7,7%.

Infine, ultimo ma non certo per importanza, FinecoBank registra un rialzo del 2,5% che, tecnicamente conferma l’inversione rialzista in atto. Prossimi obiettivi in area 10/10,15 euro prima e 10,50 in seguito. Il rendimento del dividendo è, seppur di poco, superiore al 3 per cento.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Martini (Azimut): “BTp Futura, meglio pensarci due volte”

Azimut, impennata della raccolta

Top 10 Bluerating: Azimut campione delle Commodity

Azimut, arriva il fondo senza tasse

Pro capite, a maggio i migliori cf sono di Fideuram

Azimut, grande mossa sui Private Investment

Fineco e Azimut, le reti più scalabili

Azimut pesca un asso nel Private

Reti e consulenti, dopo la fase 1 è arrivato il momento delle pagelle

Azimut, la corporate advisory per consulenti e imprese

Azimut, la raccolta prosegue positiva anche a maggio

Azimut, l’alternativo al passo con le start up

Azimut: tra religione ed elicotteri, le domande impossibili a Giuliani

Azimut, un nuovo successo per il corporate finance

Azimut e gli Escalona, quando la consulenza è una tradizione di famiglia

Investimenti, 6 strategie dei big delle reti a confronto

Azimut, una mossa per la crescita sociale

Reti, dopo il Covid-19: Azimut, la coscienza sostenibile

Reti, dopo le trimestrali è il momento dei confronti

Giuliani (Azimut): niente paura per l’utile

Consulenti, ecco i fondi delle reti che possono aiutare l’Italia

Azimut, dove investono i suoi clienti

Azimut, la raccolta regge anche ad aprile

Azimut, arrivano dividendo, buy-back e whitewash

Azimut, accelerata sul fintech

Azimut, Giuliani e soci pronti all’azione

Azimut, a marzo raccolta in positivo e ok al dividendo

Azimut, quando il consulente ti trova la mascherina

Azimut, i compensi ai top manager

Azimut lancia un nuovo strumento per aiutare le attività commerciali

Azimut sempre più in prima linea contro il Coronavirus

Azimut, il Coronavirus non ferma Timone Fiduciaria

Reti, basta slogan. La verità messa a nudo sui giovani consulenti

Ti può anche interessare

Intesa-Ubi, cosa cambia dopo il coronavirus

Equita promuove l'istituto di Ca' de Sass e tiene in sospeso quello su Ubi. Intanto è stato rivisto ...

Credem, ora ti aiuta Emily

Si chiama Emily ed è la nuova assistente virtuale di Credem, in servizio effettivo da oggi 15 lug ...

Credem, oltre 1.000 nuovi clienti

1.100 nuovi clienti, 124 milioni di euro di nuova raccolta e 135 milioni di euro di nuovi impieghi. ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X