Azimut punta sugli alternativi con Libera Impresa Sgr

A
A
A

Al via la nuova fase di Azimut Libera Impresa Sgr, che adotta una nuova governance e un nuovo piano strategico per diventare una vera piattaforma integrata al servizio di piccole e medie imprese e imprenditori e dei risparmiatori.

Chiara Merico di Chiara Merico7 novembre 2018 | 14:06

Azimut, il principale gruppo italiano indipendente nel risparmio gestito con oltre 52 miliardi di euro di patrimonio complessivo, rafforza il suo impegno nel segmento degli investimenti alternativi attraverso Azimut Libera Impresa Sgr, che adotta una nuova governance e un nuovo piano strategico per diventare una vera piattaforma integrata al servizio di piccole e medie imprese e imprenditori e dei risparmiatori. Il rafforzamento del modello organizzativo di Azimut Libera Impresa Sgr ha previsto la nomina di Marco Belletti come nuovo amministratore delegato. Luigi Glarey assume l’incarico di responsabile corporate governance, Luca Bocchi entra come consigliere con deleghe commerciali, mentre Guido Bocchio è responsabile della gestione delle attività finanziarie. Marco Belletti proviene da Société Générale dove era responsabile del Private & Investment Banking per l’Italia oltre ad aver ricoperto nel tempo vari incarichi per la Banca sia in Italia che in Francia tra i quali Global Head della divisione Consumer, Retail e Luxury Group Corporate Finance e responsabile del Financial Sponsor Coverage per l’Italia. La nuova Azimut Libera Impresa Sgr guarda al futuro anticipando le dinamiche di settore dei prossimi dieci anni con l’obiettivo di creare una piattaforma integrata di asset management e advisory al servizio sia di imprenditori e imprese sia di investitori e risparmiatori, favorendo l’immissione di liquidità nell’economia reale per stimolare la crescita delle aziende e al contempo offrendo opportunità di rendimento per gli investitori. Per raggiungere questo obiettivo, verrà creato un team di gestione dedicato interno alla Sgr i cui profili saranno selezionati tra quelli di eccellenza del mercato specializzati per ciascuna asset class, permettendo l’ampliamento dell’offerta attraverso il lancio di 18 nuovi fondi, prevalentemente fondi chiusi non riservati, nell’arco dei prossimi dieci anni in tutti i principali segmenti dell’alternative asset management con un target di raccolta complessiva di 4 miliardi di euro. I prodotti saranno distribuiti dalla rete di consulenti finanziari e wealth manager del gruppo Azimut che, proseguendo quanto avviato nel 2014, beneficerà di un percorso formativo studiato e creato appositamente per sfruttare appieno le sinergie derivanti dall’evoluzioni di Libera Impresa Sgr.

Paolo Martini, amministratore delegato di Azimut Capital Management Sgr e presidente di Libera Impresa Sgr, dichiara: “Siamo stati i primi nel 2014 ad esplorare le opportunità di investimento nell’economia reale e a cercare di costruire un ponte fra risparmi ed imprese. Ora questo progetto avrà una intera società dedicata: Azimut Libera Impresa Sgr sarà infatti la piattaforma del Gruppo rivolta esclusivamente alle soluzioni di investimento del non quotato. Vogliamo diventare uno dei principali operatori nel segmento degli investimenti alternativi e punto di riferimento per le imprese eccellenti del nostro Paese dando al contempo a tutti i clienti del Gruppo la possibilità di accedere a investimenti alternativi, finora quasi esclusivamente dedicati a clienti istituzionali, capaci di generare rendimento in un contesto dove è sempre più difficile ottenerlo”.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

La fee diventa più magra

Azimut, ingresso top in Toscana

Azimut: bene il trimestre, male i nove mesi

Azimut, l’estero spinge ancora la raccolta

Reti, raccolta in calo ma i titoli restano un affare

Consulenza a 4 teste: la rivoluzione di Azimut

Azimut, nuovo colpo in Australia

Giacomelli ricomincia da Azimut

Azimut, l’estero salva (ancora) la raccolta

Reclutamento, Azimut e Banca Generali al comando

I campioni dei dividendi delle reti

Un ex Azimut nel mirino di Consob

Azimut, Peninsula primo socio

Ecco i consulenti in gara di Azimut

Bluerating Awards 2018, ecco le dodici reti in gara

La grande festa sta per finire?

L’estero spinge la raccolta Azimut

Azimut, tre motivi per cui fa gola a Mediobanca

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Azimut, raccolta a tutto gas

Azimut? Vale 50 euro

Azimut, Donatoni si prende il WM…e non solo

Azimut, utile sopra le attese

Azimut pigliatutto nei reclutamenti

Azimut, l’estero trascina la raccolta

Debutta Azimut Private Debt

Parte IMPact Sim, i tre supergestori ex di Azimut tornano in scena

Azimut, che colpi nel Nord Ovest

Il ruggito di Azimut nel reclutamento

Fideuram ISPB in cima, Azimut in fondo

Il deal Sofia fa bene alla raccolta di Azimut

Peninsula, dove investe il nuovo socio di Azimut

Azimut, Giuliani: “Credono in noi”

Ti può anche interessare

Effetto robo sulle fee degli advisor

Cercare di competere agendo sulle commissioni sul patrimonio pare del resto una strada senza uscita ...

TCW, accordo distributivo con FinecoBank

La rete dei consulenti finanziari del gruppo Unicredit collocherà i fondi di punta dell’asset man ...

Consulenza indipendente, in Italia “mission impossible”

Uno dei protagonisti storici del mondo fee only si racconta a Bluerating ...