Una sola delibera e doppia radiazione di ex Finanza & Futuro

A
A
A

Coinvolti nel provvedimento il sig. Ugo Minolfi e la sig.ra Veronica Rossi

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti8 novembre 2018 | 09:15

Con Delibera n. 20506, Consob ha comunicato la radiazione del sig. Ugo Minolfi e della sig.ra Veronica Rossi dall’albo unico dei consulenti finanziari. Vediamo insieme la genesi del provvedimento riportata dalla delibera.

Si parte con le note trasmesse in data 18 maggio 2017 e 22 giugno 2017, con cui Finanza & Futuro Banca S.p.A. ha segnalato di aver rilevato gravi irregolarità a carico dei sig.ri Veronica Rossi e Ugo Minolfi, concernenti la disciplina dell’attività di offerta fuori sede.

La Divisione Intermediari, Ufficio Vigilanza Intermediari-Rete e Consulenti Finanziari, in esito alle valutazioni effettuate sulla base delle risultanze acquisite nel corso dell’attività di vigilanza, ha contestato:
A) alla sig.ra Rossi:
1) art. 107, comma 1, per aver:
– concorso con il sig. Minolfi nella distrazione della disponibilità di somme di denaro di pertinenza di alcuni clienti;
– concorso con il sig. Minolfi nell’illecita richiesta a nome dei clienti, falsificandone le firme ed a loro insaputa, dell’emissione di carte prepagate e dell’apertura dei relativi conti correnti tecnici;
– concorso con il sig. Minolfi nell’esecuzione di operazioni non autorizzate per conto dei clienti;
– concorso con il sig. Minolfi nell’attività di offerta fuori sede svolta dal medesimo nei confronti di alcuni clienti in mancanza di mandato ad operare da parte di un intermediario preponente;
– domiciliato presso la propria residenza la corrispondenza di una cliente;
2) art. 108, comma 4, per non avere osservato gli obblighi identificativi con riguardo ad alcuni clienti, avendo consentito al sig. Minolfi di seguire direttamente i medesimi clienti nello svolgimento dell’attività di offerta fuori sede;
3) art. 108, comma 7, per aver trattenuto i codici personali di accesso telematico ai rapporti di pertinenza dei clienti ed averli utilizzati senza le cautele prescritte;
B) al sig. Minolfi la violazione delle seguenti disposizioni del regolamento adottato con delibera Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007:
1) art. 107, comma 1, per aver:
– concorso con la sig.ra Rossi nella distrazione della disponibilità di somme di denaro di pertinenza di alcuni clienti;
– concorso con la sig.ra Rossi nell’illecita attività di richiesta a nome dei predetti clienti, falsificandone le firme ed a loro insaputa dell’emissione di carte prepagate e dell’apertura dei relativi conti correnti tecnici;
– eseguito – in concorso con la sig.ra Rossi – operazioni non autorizzate per conto dei clienti;
– esercitato – in concorso con la sig.ra Rossi – l’attività di offerta fuori sede nei confronti di alcuni clienti pur in mancanza di mandato ad operare da parte di un intermediario preponente;
– concorso con la sig.ra Rossi nella domiciliazione presso la propria residenza della corrispondenza di una cliente;
2) art. 108, comma 7, per aver trattenuto i codici personali di accesso telematico ai rapporti di pertinenza dei clienti ed averli utilizzati senza le cautele prescritte;

Sono state quindi conclusivamente accertate, ai fini della sanzione, le seguenti violazioni:
i) a carico del sig. Ugo Minolfi, la violazione dell’art. 107, comma 1, del regolamento Consob n. 16190/2007, per aver concorso con la sig.ra Rossi nella distrazione della disponibilità di somme di denaro di pertinenza dei clienti, nella contraffazione della firma del cliente, nel perfezionamento di operazioni non autorizzate, nell’esercizio dell’attività di offerta fuori sede svolta in mancanza di mandato ad operare e nella non corretta domiciliazione della corrispondenza della clientela; nonché dell’art. 108, comma 7, del medesimo regolamento, per aver utilizzato i codici personali di accesso telematico dei clienti senza le cautele prescritte.
ii) a carico della sig.ra Veronica Rossi, la violazione dell’art. 107, comma 1, del regolamento Consob n. 16190/2007, per aver concorso con il sig. Minolfi nella distrazione della disponibilità di somme di denaro di pertinenza dei clienti, nella contraffazione della firma del cliente, nel perfezionamento di operazioni non autorizzate, nell’esercizio dell’attività di offerta fuori sede svolta in mancanza di mandato ad operare e nella non corretta domiciliazione della corrispondenza della clientela; nonché degli artt. 108, comma 4 e 108, comma 7, del medesimo regolamento, per non avere osservato gli obblighi di identificazione dei clienti e aver utilizzato i codici personali di accesso telematico dei clienti senza le cautele prescritte.

Qui il testo completo della delibera.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Esuberi e pressioni commerciali in banca, i sindacati in allarme

Spread, Abi lancia l’allarme

Nozze di perla nel private banking di Fideuram

Widiba, la tutela patrimoniale è on the road

Il “terzo incomodo” concorre alla radiazione di un ex Mediolanum

Fideuram, l’utile è in calo

Etf: le banche europee esposte per 140 miliardi

Frode fiscale: indagati 18 manager di Privat Kredit Bank

Le Traiettorie Liquide di Banca Generali

Societe Generale, talent scout nel fintech

Manovra, il governo cerca una difficile pace con la Commissione

Banche più sicure, ecco chi sono e come sceglierle

Banche italiane, oggi il verdetto degli stress test

Deutsche Bank, entra l’attivista Hudson Capital col 3%

Manovra, si studia un altro salva-banche

Credem mette nel mirino i grandi patrimoni

Mediobanca, Nagel attacca: “Il momento è molto triste”

Dal voto bruciati 200 miliardi degli italiani

Fondi: Fideuram, un nuovo comparto per il private

Banca Aletti, Varaldo nuovo a.d.

Manovra, e ora Moody’s boccia banche e aziende italiane

La scure di Credit Suisse sulle banche italiane

Credem sconta i problemi italiani

Manovra: per Ennio Doris è sbagliata dalla A alla Z

Fideuram, 50 anni e non sentirli

Il Giubileo straordinario di Fideuram visto dal veterano

Manovra, la pressione fiscale non scende

Salasso da 4 mld su banche e polizze

Manovra, stangata su banche e assicurazioni

Banche, si avvicina il novembre nero

Intrigo di ordini di bonifici, sospesa consulente

Banca Generali e Candy Crush per le ricette di innovazione

Fideuram: 50 anni da numero 1

Ti può anche interessare

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

Ottimo il risultato degli afflussi di febbraio, con una crescita congiunturale del 41,5% ...

CariCesena, respinti i ricorsi degli ex vertici

Il ricorso riguardava le sanzioni pecuniarie inflitte dalla Consob ai manager. ...

Mps, avanti sulla cartolarizzazione delle sofferenze

Perfezionata con Quaestio Capital Sgr S.p.A., per conto di Italian Recovery Fund (ex Fondo Atlante I ...