Grossi per l’innovazione digitale di Credem

A
A
A

Un nuovo volto per lo sviluppo digitale della società emiliana

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti20 novembre 2018 | 08:47

Novità nel segno dell’innovazione per Credem. Piergiorgio Grossi, 51 anni, genovese, è stato nominato Chief Innovation Officer dell’istituto, realtà che conta 1,2 milioni di clienti ed oltre 6 mila dipendenti. L’inserimento di Grossi è in linea con la strategia di sviluppo del gruppo che sta realizzando, già da diversi anni, un’importante trasformazione e innovazione digitale investendo, trasversalmente su tutti i settori di business, importanti risorse economiche.

Grossi vanta una ventennale esperienza nel mondo dell’innovazione digitale sviluppata in vere eccellenze Italiane come il team di F1 di Ferrari o Ducati. Aziende dove la capacità di trasformarsi continuamente è parte del DNA e dove l’unità di misura del cambiamento è il decimo di secondo.

A livello organizzativo Grossi, che ha iniziato le sue attività in Credem da novembre, risponderà al condirettore generale Angelo Campani.

“La trasformazione digitale è un fenomeno sicuramente importante che dobbiamo agire come una reale opportunità più che una minaccia”, ha dichiarato Angelo Campani, Condirettore Generale di Credem. “Per essere competitivi continueremo anche in futuro ad investire sulle nuove tecnologie, ma soprattutto punteremo sulla formazione e sullo sviluppo delle competenze delle persone che lavorano in Credem e che sono il cuore della nostra azienda. Sono convinto”, ha aggiunto Campani, “che l’elevata qualità delle nostre persone sarà distintiva anche nel nuovo contesto digitale, integrando l’uso delle tecnologie con la componente umana soprattutto nell’ambito del servizio verso i nostri clienti”.

“L’evoluzione digitale sta certamente avendo un forte impatto sulla vita di tutti i giorni e per mantenere il vantaggio competitivo le banche devono saper avviare processi per trasformarsi continuamente”, ha aggiunto Piergiorgio Grossi (nella foto), Chief Innovation Officer di Credem. “L’innovazione è uno sport di squadra che affonda le sue radici nella giusta attitudine e che necessita di alcuni ingredienti importanti: il desiderio di apertura verso l’esterno, il coraggio e un’agile capacità di esecuzione. Immaginare un futuro straordinario è solo il primo passo poi, invece che atti eroici, servono una serie continua e costante di piccoli passi alla ricerca della propria strada”, ha concluso Grossi.

Il Gruppo Credem è presente su tutto il territorio nazionale con 661 tra filiali, centri imprese, e negozi finanziari, 6.231 dipendenti, 821 consulenti finanziari con mandato, 190 subagenti finanziari e 95 agenti finanziari specializzati nella cessione del quinto dello stipendio.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le incorruttibili Poste Italiane

Violazioni multiple, radiato consulente

Sistema bancario italiano, maneggiare con cautela

Banca Generali, scatto finale della raccolta

Ing, la filiale con il look giusto per la consulenza

Consob, parte la campagna social per Scolari alla presidenza

Fineco, il trionfo della consulenza

Intesa, doppia mossa digitale per le imprese

Stress test, tanti errori nello scoop del Sole

Ubi, forze unite per blindare il capitale

Un anno miliardario per Allianz Bank FA

Ubi Banca cavalca la rivoluzione mobile

Stretta di mano tra fisco e Mediolanum

Credem, l’avanguardia nei pagamenti

Anasf: porte aperte per i “Protagonisti della crescita”

Con Consob per parlare di banca e finanza

Deutsche Bank: occhio a chi ne sfrutta illecitamente il marchio

Unicredit, svolta di Mustier: resterà da sola per 3/4 anni

Pressioni commerciali, il vero pericolo è nelle reti

Private banking, Julius Bär vende Kairos

Intesa Sanpaolo sceglie la blockchain

Sono pronti i nuovi super manager di Banca Mediolanum

Un Remix a firma Fineco

Si rafforza il commerciale di Raiffeisen CM

Ubi Banca, Massiah apre al matrimonio

Hanno ucciso il Private Banking…

JPMorgan lancia la sfida alle banche

Banche, incubo mega bolla sui derivati

Mediobanca, tutto fatto per il nuovo patto

Il tesoro dei Doris vale oltre un miliardo

Banche, obbligazioni subordinate tra rischio e occasione

Banca Generali: rotta verso gli 80 miliardi

Intesa Sanpaolo, il futuro è digital

Ti può anche interessare

Intesa Sanpaolo, primo trimestre col vento in poppa

Per il ceo Messina l’utile netto del 2018 sarà superiore ai 3,8 miliardi di utile del 2017. ...

SPORTELLO ADVISORY – Il destino crudele di un iscritto al Cai

La rubrica curata da Marco Muffato ...

Fininvest-Mediolanum, punto a Berlusconi

La holding dell’ex premier, per ora, non dovrà cedere la quota eccedente il 9,9% in Banca Mediola ...