Consulenti, così nasce un vero leader

A
A
A

Le quattro regole d’oro per chi vuol essere un buon capo senza trasformarsi in un tiranno

Daniel Settembre di Daniel Settembre21 novembre 2018 | 10:57

I professionisti che ricoprono posizioni di comando, soprattutto nei periodi di maggiore pressione e stress, possono facilmente perdere la pazienza, passando per despoti che non hanno stima dei propri collaboratori. Per instaurare un clima di fiducia e di rispetto reciproco in ufficio, Hays, società leader nel recruitment specializzato, ha stilato una lista di consigli utili per coloro che desiderano essere buoni leader, senza rischiare di essere percepiti come tiranni.

La sottile differenza tra delegare e incaricare
Quando si impartiscono ordini al proprio staff, chi è al comando deve trovare il giusto equilibrio tra il semplice delegare e l’incaricare i propri collaboratori, facendo capire loro l’importanza del progetto e, soprattutto, quanto sia fondamentale il loro apporto per la sua buona riuscita. Spesso i manager si limitano a dettare o delegare un compito senza rendere veramente partecipe il team, rischiando così di demotivare le proprie risorse.

Organizzare eventi e sessioni di coaching con frequenza
Spesso chi ha la responsabilità di un team è oberato da numerose scadenze, nuovi progetti da mettere in pista e mille incombenze. Questo però non deve far passare in secondo piano quei necessari momenti di confronto e di scambio tra il manager e il proprio staff. Darsi appuntamento una volta all’anno non basta assolutamente. I membri di un team devono ricevere sempre l’attenzione che meritano.

Saper ascoltare prima di giudicare
Quando si lavora sotto pressione è facile dare in escandescenze per un errore commesso da un proprio collaboratore, senza nemmeno lasciare il tempo al collega di chiarire il perché dello sbaglio. All’insorgere della criticità, i veri leader non devono semplicemente condannare, ma devono avere la capacità di ascoltare e dare l’esempio: l’errore va considerato come un’opportunità per insegnare e perché non venga ripetuto in futuro.

Interessarsi attivamente alla vita dei collaboratori
È importante che un leader riconosca l’individualità delle persone che compongono il suo team e, per fare ciò, è bene andare oltre il superficiale rapporto di facciata che si instaura in molti ambienti lavorativi. Attenzione però, questo non significa non mantenere un rapporto professionale. Semplicemente un manager che ignora la vita personale dei propri collaboratori riuscirà difficilmente a creare un clima sereno e collaborativo


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, il titolo inciampa dopo il dietrofront di BlackRock

Consulenti, IWBank PI è pronta ad accelerare

Reti e consulenza, i pionieri della fee only

Dal prodotto al servizio: la consulenza finanziaria income based

Consulenza indipendente: botta e risposta con il neo Vice Presidente di AssoSCF

Consulenza finanziaria e costi: a ITForum una tavola rotonda per parlarne

Consulenti, i CF webinars sbarcano al Salone del Risparmio

ITForum Rimini 2019: Programma formativo sempre più ricco

Reti, raccolta ancora in marcia. Riparte il gestito

Salone del Risparmio, Legg Mason GAM: “Azioni: è giunto il tempo delle strategie unconstrained”

Reti e controversie, ecco quelle più coinvolte

Cosa Banksy può insegnare a un consulente finanziario

Scm Sim, la perdita triplica

Reti: come emozioni e scelte di investimento impattano sull’offerta

Consulenza, due contratti che sono due incubi

Consulenti autonomi e scf, c’è il corso di sopravvivenza

Questionari Mifid 2, i principi Esma sono ancora un miraggio

Banca Euromobiliare e la metafora spaziale

Il consulente incompetente

Azimut, ecco il nuovo dream team

Consulenza: ritorno al futuro

Consulenza e trasparenza costi: una polemica sterile

Consulenza, ecco le linee guida per l’informativa su costi ed oneri

Consulenza finanziaria, chi è maestro americano destinato a rivoluzionarla

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Ocf: nuovo comitato consultivo, buona la prima

La consulenza deve diventare grande

Commissioni sulle performance, il fardello italiano

Mediolanum, cosa significa essere Private Banker

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Fideuram Ispb: in due mesi 24 ingressi

LA VOCE DEL CONSULENTE: la raccolta è al bivio

Vogliamo la Consulenza di cittadinanza

Ti può anche interessare

La “predica” di Papa Francesco ai consulenti finanziari

Per il Santo Padre i professionisti devono guardare meno le commissioni e più l’adeguatezza… ...

ConsulenTia19 fa il pieno di Efpa Italia

Come riporta il sito dell’Associazione Nazionale dei consulenti finanziari, partecipando dal 5 ...

Banche-reti, meglio le italiane delle straniere

Un report di Ubs prevede un calo della raccolta nel Vecchio Continente. Ma Azimut e Banca Mediolanum ...