SPORTELLO ADVISORY – Carte di credito, il recesso va comunicato bene

A
A
A

La rubrica a cura di Marco Muffato

Marco Muffato di Marco Muffato30 novembre 2018 | 10:42

Un cliente commerciante si è visto revocare la carta di credito. So che non c’è obbligo di preavviso, ma come si possono ridurre i danni? A. S., Napoli

La recente Ordinanza di Cassazione 15.500 del 13 giugno offre un appoggio. Secondo la Corte il recesso unilaterale deve essere preceduto sempre da una comunicazione espressa come sancito dal Codice Civile all’articolo 1.334 laddove dispone che, in materia di contratti, tutte le comunicazioni rivolte alla controparte, quand’anche non necessitino di accettazione da parte di quest’ultima (come nel caso di recesso unilaterale dagli accordi), hanno efficacia solo nel momento in cui pervengono a conoscenza della persona cui sono destinate. L’autorizzazione all’uso della carta di credito presuppone un patto il cui recesso deve essere comunicato. Le Istruzioni della Banca d’Italia non costituiscono fonte normativa e si possono contestare. Non

prevedono l’avviso all’interessato, ma la Corte ha affermato che l’iscrizione lede l’immagine personale e commerciale dell’interessato. Trattandosi di una misura straordinaria, essa deve essere deliberata e comunicata con idonee cautele e precauzioni. Per esempio i piccoli importi a debito non possono essere motivo di revoca della carta. Più che imbastire una causa, la notizia può servire ad accordarsi con la banca per un piano di rientro che preveda l’immediata cancellazione dalla Cai.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Euromobiliare e la metafora spaziale

Il consulente incompetente

Azimut, ecco il nuovo dream team

Consulenza: ritorno al futuro

Consulenza e trasparenza costi: una polemica sterile

Consulenza, ecco le linee guida per l’informativa su costi ed oneri

Consulenza finanziaria, chi è maestro americano destinato a rivoluzionarla

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Ocf: nuovo comitato consultivo, buona la prima

La consulenza deve diventare grande

Commissioni sulle performance, il fardello italiano

Mediolanum, cosa significa essere Private Banker

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Fideuram Ispb: in due mesi 24 ingressi

LA VOCE DEL CONSULENTE: la raccolta è al bivio

Vogliamo la Consulenza di cittadinanza

Copernico Sim, appuntamento a Mantova

Consulente, la volatilità si gestisce anche a suon di etf

Rendiconti Mifid 2, Bufi: ben venga la “reprimenda” Consob

Consulenza finanziaria e trasparenza costi: noi si chiacchera, ma altrove…

Consulente, l’auto nuova ora ti costa di meno

Bper, il futuro è advisory e wealth management

Intesa Sanpaolo PB, si fa in tre per i grandi patrimoni

Consulenza finanziaria, la svolta di Prometeia Advisor Sim

Campora (Allianz): rendiconti Mifid 2, tutta salute

Credem: super wealth management e mega reclutamento entro il 2019

Pianificazione successoria: fedecommesso, un pericoloso sconosciuto

Azimut: a luglio un nuovo modello di consulenza

Consulente, non fare come Bonucci…

Hey Allianz Bank FA, sei la Banca del futuro

Banca Generali in “rosa”, entra top banker di Exane

Rendiconti Mifid 2, l’Esma ha già risposto in realtà…

Oggi su BLUERATING NEWS: rendiconti Mifid 2 indigesti, i consigli di Buffet

Ti può anche interessare

Riva (Anasf) e Mainò (Nafop), botta e risposta su Twitter

Al centro della discussione il ruolo dei consulenti fee only nell'ordinamento italiano ...

Carte di credito, il recesso va comunicato bene

Un cliente chiede come limitare i danni dopo la revoca della carta di credito. ...

Fineco, Invesco sul podio degli azionisti

La società di gestione aumenta la quota nel capitale ...