SPORTELLO ADVISORY – Carte di credito, il recesso va comunicato bene

A
A
A

La rubrica a cura di Marco Muffato

Marco Muffato di Marco Muffato30 novembre 2018 | 10:42

Un cliente commerciante si è visto revocare la carta di credito. So che non c’è obbligo di preavviso, ma come si possono ridurre i danni? A. S., Napoli

La recente Ordinanza di Cassazione 15.500 del 13 giugno offre un appoggio. Secondo la Corte il recesso unilaterale deve essere preceduto sempre da una comunicazione espressa come sancito dal Codice Civile all’articolo 1.334 laddove dispone che, in materia di contratti, tutte le comunicazioni rivolte alla controparte, quand’anche non necessitino di accettazione da parte di quest’ultima (come nel caso di recesso unilaterale dagli accordi), hanno efficacia solo nel momento in cui pervengono a conoscenza della persona cui sono destinate. L’autorizzazione all’uso della carta di credito presuppone un patto il cui recesso deve essere comunicato. Le Istruzioni della Banca d’Italia non costituiscono fonte normativa e si possono contestare. Non

prevedono l’avviso all’interessato, ma la Corte ha affermato che l’iscrizione lede l’immagine personale e commerciale dell’interessato. Trattandosi di una misura straordinaria, essa deve essere deliberata e comunicata con idonee cautele e precauzioni. Per esempio i piccoli importi a debito non possono essere motivo di revoca della carta. Più che imbastire una causa, la notizia può servire ad accordarsi con la banca per un piano di rientro che preveda l’immediata cancellazione dalla Cai.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Reti Champions League, collegamenti impossibili

Azimut, la raccolta è sempre un piacere

Tutto pronto per il Forum Nazionale sulla Consulenza Finanziaria

Consulenza e polizze vita, un corso per conoscerle meglio

Copernico Sim, la rivoluzione della consulenza evoluta

Quando la consulenza è una questione morale

Fineco, il titolo inciampa dopo il dietrofront di BlackRock

Consulenti, IWBank PI è pronta ad accelerare

Reti e consulenza, i pionieri della fee only

Dal prodotto al servizio: la consulenza finanziaria income based

Consulenza indipendente: botta e risposta con il neo Vice Presidente di AssoSCF

Consulenza finanziaria e costi: a ITForum una tavola rotonda per parlarne

Consulenti, i CF webinars sbarcano al Salone del Risparmio

ITForum Rimini 2019: Programma formativo sempre più ricco

Reti, raccolta ancora in marcia. Riparte il gestito

Salone del Risparmio, Legg Mason GAM: “Azioni: è giunto il tempo delle strategie unconstrained”

Reti e controversie, ecco quelle più coinvolte

Cosa Banksy può insegnare a un consulente finanziario

Scm Sim, la perdita triplica

Reti: come emozioni e scelte di investimento impattano sull’offerta

Consulenza, due contratti che sono due incubi

Consulenti autonomi e scf, c’è il corso di sopravvivenza

Questionari Mifid 2, i principi Esma sono ancora un miraggio

Banca Euromobiliare e la metafora spaziale

Il consulente incompetente

Azimut, ecco il nuovo dream team

Consulenza: ritorno al futuro

Consulenza e trasparenza costi: una polemica sterile

Consulenza, ecco le linee guida per l’informativa su costi ed oneri

Consulenza finanziaria, chi è maestro americano destinato a rivoluzionarla

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Ocf: nuovo comitato consultivo, buona la prima

La consulenza deve diventare grande

Ti può anche interessare

Fineco, il trionfo della consulenza

Un anno complesso sui mercati, ma gli afflussi 2018 sono da record ...

Nasce il Liceo Parini Trust Onlus (con la collaborazione di Mediobanca)

Il trust, realizzato con la consulenza di Mediobanca Private Banking, è il primo strumento finanzi ...

Unicredit, torna calda la pista Commerzbank

Jean Pierre Mustier avrebbe nominato Jp Morgan e Lazard come advisor per studiare l'eventuale aggreg ...