Se non ho il consulente divento nervoso

A
A
A

Il rapporto con il consulente è insostituibile. La tecnologia è utile ma due italiani su tre si innervosirebbero non potendo parlare con un umano

Avatar di Redazione19 dicembre 2018 | 12:47

A cura di Marcello Astorri.

Gli investitori italiani vorrebbero un’app sul cellulare per amministrare i propri risparmi con la stessa facilità di un acquisto online. Ma se si parla dei loro investimenti, il consulente in carne e ossa batte l’algoritmo. Al limite, la tecnologia può essere un buon supporto al lavoro degli esseri umani, ma non sostituirli. Sono le conclusioni di una ricerca condotta da Legg Mason, società statunitense di gestione patrimoniale che opera su scala globale. Sono stati interpellati 16.810 investitori maggiorenni di 17 paesi del mondo attraverso un sondaggio online. Circa mille per ogni Stato. Per quanto riguarda il nostro Paese, il risultato non lascia spazio a dubbi: il fattore umano è ancora il più apprezzato.

Due italiani su tre si innervosirebbero non potendo parlare con un umano

Per gli investitori italiani le nuove soluzioni tecnologiche hanno dalla loro il vantaggio della facilità di utilizzo e dell’immediatezza, ma due su tre (67%) ritiene comunque che il tocco umano nel servizio al cliente non potrà mai essere sostituito dalla tecnologia. All’incirca la stessa percentuale (66%) dichiara che rischierebbe di innervosirsi all’idea di non poter parlare con un essere umano nel gestire i propri investimenti. Insomma, quando si tratta dei propri risparmi, l’interazione umana ha ancora un ruolo essenziale. Non a caso, il 57% degli investitori italiani afferma di servirsi di un consulente finanziario per la maggior parte delle decisioni, e il consulente finanziario viene anche indicato come la fonte di informazioni più utilizzata (65%) per fare le proprie scelte di investimento.

La opportunità della tecnologia vanno sfruttate

Il fatto di apprezzare ancora le capacità di un buon consulente, non impedisce agli italiani di notare i benefici portati dalla tecnologia. Il 60% di loro, infatti, ritiene che il mondo degli investimenti debba sfruttare le possibilità offerte dall’innovazione tecnologica, e quasi la metà (47%) vorrebbe poter svolgere tutte le operazioni relative ai propri risparmi in una sola app mobile.

Un sospiro di sollievo per i consulenti

In un periodo storico dove si parla automazione e del rischio incombente di macchine potenzialmente in grado di sostituire il lavoro delle persone, per ora i consulenti possono stare tranquilli. «I servizi digitali per la pianificazione finanziaria si stanno evolvendo velocemente», commenta Matteo Lenardon, deputy country head Italia di Legg Mason, «ma il valore della competenza e dell’esperienza di un professionista umano continuerà a essere importante. Per aiutare i clienti a raggiungere i loro obiettivi è essenziale tener conto di molti fattori, dall’orizzonte temporale al profilo di rischio dell’investitore, e in questo la tecnologia può integrare, ma non sostituire, l’interazione umana».

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Copernico Sim, la rivoluzione della consulenza evoluta

Quando la consulenza è una questione morale

Fineco, il titolo inciampa dopo il dietrofront di BlackRock

Consulenti, IWBank PI è pronta ad accelerare

Reti e consulenza, i pionieri della fee only

Dal prodotto al servizio: la consulenza finanziaria income based

Consulenza indipendente: botta e risposta con il neo Vice Presidente di AssoSCF

Consulenza finanziaria e costi: a ITForum una tavola rotonda per parlarne

Consulenti, i CF webinars sbarcano al Salone del Risparmio

ITForum Rimini 2019: Programma formativo sempre più ricco

Reti, raccolta ancora in marcia. Riparte il gestito

Salone del Risparmio, Legg Mason GAM: “Azioni: è giunto il tempo delle strategie unconstrained”

Reti e controversie, ecco quelle più coinvolte

Cosa Banksy può insegnare a un consulente finanziario

Scm Sim, la perdita triplica

Reti: come emozioni e scelte di investimento impattano sull’offerta

Consulenza, due contratti che sono due incubi

Consulenti autonomi e scf, c’è il corso di sopravvivenza

Questionari Mifid 2, i principi Esma sono ancora un miraggio

Banca Euromobiliare e la metafora spaziale

Il consulente incompetente

Azimut, ecco il nuovo dream team

Consulenza: ritorno al futuro

Consulenza e trasparenza costi: una polemica sterile

Consulenza, ecco le linee guida per l’informativa su costi ed oneri

Consulenza finanziaria, chi è maestro americano destinato a rivoluzionarla

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Ocf: nuovo comitato consultivo, buona la prima

La consulenza deve diventare grande

Commissioni sulle performance, il fardello italiano

Mediolanum, cosa significa essere Private Banker

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Fideuram Ispb: in due mesi 24 ingressi

Ti può anche interessare

Credem, su Carige arriva la smentita

Un comunicato stampa del Gruppo ha escluso l'interessamento per l'istituto ligure ...

Widiba, 4 consulenti e un manager per la nuova casa romana

Nasce un nuovo polo di educazione finanziaria per rispondere alle crescenti esigenze locali di piani ...

Mediobanca, giro di poltrone nell’investment banking

Bachiller assume la guida assieme a Canzonieri della divisione Corporate & Investment Banking (C ...