Stretta di mano tra fisco e Mediolanum

A
A
A

Accordo raggiunto

Avatar di Redazione19 dicembre 2018 | 15:25

Pace fatta tra l’Agenzia delle Entrate e il gruppo Mediolanum. Il contenzioso in essere sui rapporti con la controllata irlandese Mediolanum International Funds si è concluso con un accordo per il pagamento di 72 milioni di euro imposte, interessi inclusi.

Come riporta La Repubblica, a pagare saranno Banca Mediolanum e Mediolanum Vita. Per tali annualità il Gruppo provvederà a richiedere l’apertura di una procedura amichevole tra le amministrazioni italiana ed irlandese per ottenere una rettifica in diminuzione del reddito della consociata irlandese.

L’agenzia delle Entrate ha riconosciuto la non applicazione delle sanzioni amministrative tributarie. Per le annualità successive al 2013, il cda ha dato mandato al management di “attivare le procedure previste dalla convenzione europea sull’Arbitrato volte a definire la corretta allocazione degli utili tra le società coinvolte”. Per queste annualità, Mediolanum dovrebbe accantonare circa 30 mln al netto del recupero delle imposte pagate in Irlanda. L’accordo di adesione “ha previsto anche la definizione delle controversie relative a Gamax Management, prevedendo anche in tale fattispecie una rideterminazione dei prezzi di trasferimento con varie entità italiane del Gruppo. Tali rilievi sono stati definiti con il pagamento di maggiori imposte e sanzioni amministrative per un ammontare complessivo di 7 milioni, interessi inclusi”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, primi passi verso Basilea 3

Le banche italiane aumentano la liquidità con il tiering della Bce

Banche, 9 miliardi di utili ma meno dipendenti

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Mediolanum, Doris promette un utile 2019 da record

Mediolanum, il trimestre regala masse record e dividendo

Rendiconti ex Mifid 2 e trasparenza, Mps in prima linea

Banche, l’Inventive Banking sarà fondamentale

IWBank, settebello nel reclutamento

Doris ha un tesoro di 100 milioni

Credem, destinazione innovazione

Widiba dalla parte delle start up

IWBank PI, l’evoluzione è adesso

Banche: fusione Ubi-Bper, ecco a chi e perché piace

Banche europee, l’ondata dei tagli

Fineco, reclutamento doc

Banco Bpm-Ubi, tentazione terzo polo

Pir, la sfuriata di Doris

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

Banche, la cooperazione vista dall’Asia

Banca Mediolanum, nuova avventura nel centro Italia

Fideuram e Sanpaolo Invest, è tempo di turnover nelle reti

Wealth management, ecco il master per i manager

BlackRock, sale la quota nei giganti bancari

Banche, i tassi hanno un conto salato

Consulenti, ecco la banca del 2029

Banche, cooperazione significa efficienza

Governo giallorosso, sulle banche poche parole

Banche online, grandissimi rischi

Banche, è crollo dei prestiti

Consulenti, ecco il segreto per non mollare

Carige, resa dei conti a settembre

Banche, lo spauracchio dei tagli al personale

Ti può anche interessare

Cf CheBanca!, maxi ingaggio nel wealth management

Arriva Simone Spezzibottiani da Ubi Banca, con una profonda esperienza nel segmento dei clienti di ...

Chi è Marco Marazia, il nuovo timoniere di Widiba

Bocconiano, ha iniziato la carriera alla fine degli anni ’90 in Caboto, per poi continuare in Inte ...

Consulenti, ecco quanto vale davvero il vostro consiglio

Qual è il valore di un consulente finanziario? Dal punto di vista operativo è certamente legato al ...