Consulenti, è ora di investire nella formazione

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi7 gennaio 2019 | 09:50

Essere un consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede significa investire in formazione continua: si parte dai manuali per superare l’esame per l’iscrizione all’Albo unico dei consulenti finanziari (la cui V sessione, l’ultima per il 2018, è in calendario a Roma dal 10 al 14 dicembre; prima di Natale dovrebbero essere stabilite le date delle sessioni per il 2019), che potete trovare in vendita anche su Amazon a un costo attorno ai 50 euro per volume, per arrivare ai 4001.200 euro di costi per l’iscrizione ai corsi di formazione per il superamento di tale esame.

Tutto compreso, o quasi

Costi, in questo caso, comprensivi anche del materiale didattico necessario ad acquisire conoscenze e competenze relative ai contenuti dell’intero programma d’esame, ossia: attività tecniche e gestionali della promozione finanziaria, normative, principi giuridici, diritto commerciale, principi economici del mercato e dei prodotti, gestione dell’offerta, della capacità e qualità delle attività tutte e dei rapporti con il cliente e tutela di quest’ultimo. Una volta superato l’esame, non crediate che sia finita qui, così sempre più mandanti si sono organizzate per erogare una formazione continua.

Un Master per Family Banker

Per esempio il gruppo Banca Mediolanum fin dal 2009 ha dato vita a Mediolanum Corporate University, per garantire un percorso educativo e formativo ai propri consulenti, tramite iniziative quali il Master in Family Banking, progettato in collaborazione con la facoltà di Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, o il ciclo di incontri a cadenza quindicinale Mediolanum Business Meeting, oppure i percorsi formativi finalizzati all’ottenimento delle certificazione Efpa per il livello Efa (European financial advisor) come per il livello avanzato Efp (European financial planner).

Corsi analoghi sono realizzati (sia online, sia in aula) anche dalla Scuola di direzione aziendale (Sda) dell’Università Bocconi, dalla Fondazione Cuoa o da società come Captha, Teseo, For Finance o Antares, oltre che direttamente da altre mandanti come Azimut o Allianz Global Investors. Quelle dell’Efpa sono certificazioni sempre più apprezzate e diffuse nel settore della consulenza finanziaria.

In particolare il livello Efa prevede tra i requisiti il superamento di un esame per il quale è previsto un costo d’iscrizione standard individuale di 280 euro Iva inclusa (di 224 euro Iva inclusa nel caso di un gruppo di almeno 5 candidati da parte di uno stesso ente formatore/proponente, mentre il livello avanzato Efp prevede un costo d’iscrizione di 400 euro Iva inclusa (di 366 euro Iva inclusa nel caso di gruppi di candidati).


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Aggravamento del rischio di titoli negoziati: l’intermediario deve informare il cliente

Domanda.Un cliente lamenta il mancato avviso dell’aggravamento del rischio riguardo un titolo ...

Banche, obbligazioni subordinate tra rischio e occasione

Alto rendimento, fino all’11,7% come nel caso di Mps. Gli spread offerti dal settore finanziario s ...

Deutsche Bank, accordo con Banca Sistema sul factoring

Grazie all’intesa, si amplia e arricchisce quindi l’offerta di Deutsche Bank nei confronti dei p ...