Consulenza indipendente, tanto tuonò che non piovve

A
A
A

Consulenti indipendenti e società di consulenza: sono risibili i primi numeri di iscrizioni all’Ocf

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino10 gennaio 2019 | 11:14

Novantaquattro consulenti finanziari autonomi e tredici società di consulenza finanziaria risultano iscritti al nuovo Organismo dei consulenti finanziari (Ocf) che dall’1 dicembre scorso ha iniziato anche l’attività di vigilanza. Può darsi che questi numeri siano destinati a salire, ma si ha l’impressione che la montagna abbia partorito un topolino o, per usare un’altra metafora, che tanto tuonò che non piovve.

Fin dagli scorsi anni avevamo la sensazione che sulla questione dei “consulenti finanziari” come li chiamava il vecchio Regolamento, cioè i cosiddetti “indipendenti”, si stesse montando una questione spropositata, sia in termini di aspettative sia di approccio “ideologico” al tema della diffusione dell’attività di consulenza finanziaria in Italia. Non tanto perché in sé sbagliata, quanto perché inserendola nel contesto italiano ed europeo, sembrava essere abbastanza velleitaria. Il sistema italiano è notoriamente bancocentrico e pensare che la consulenza indipendente potesse scardinare questo assetto era ed è, appunto, inverosimile. Sappiamo bene quanto sia stato difficile affermare (e il cammino è ancora lungo) la figura del promotore finanziario prima e del consulente abilitato al collocamento poi, e quanto in questi ultimi tempi il sistema-banche stia adottando proprio il modello di business delle reti. Inoltre il quadro normativo europeo con le direttive Mifid – sia la prima che la seconda – ha rafforzato, in chiave dirigista, tutto ciò che riguarda gli ambiti della tutela e della trasparenza, almeno formalmente e questo si è riverberato anche sui nuovi operatori (autonomi e società), attraverso un carico di adempimenti, costi e requisiti che probabilmente hanno anche scoraggiato nuovi ingressi e su quelli che sono rimasti sul mercato in questi oggettivamente lunghi dieci anni e che oggi forse lasciano l’attività o la continuano abusivamente. Ancora, la stessa definizione di “prestazione del servizio di consulenza su base indipendente” utilizzata dal legislatore amplia la possibilità di esercitarla, a certe condizioni, anche alle banche, sim o reti attraverso i propri consulenti. Il fatto che ancora questa modalità sia poco diffusa non vuol dire che non lo sarà in futuro, perché le attuali limitazioni di predisporre due reti distinte certo non incentiva gli intermediari a costituirle separate al proprio interno.

C’è anche una questione di sostenibilità economica da considerare, con la diminuzione dei margini che, indipendentemente dal modello utilizzato, si abbatte anche sulle prospettive di redditività di una professione svolta in autonomia, rispetto alla presenza di intermediari abilitati. Infine, a fronte dei numeri citati fa sorridere la pervicacia di certa stampa specializzata a farsi paladina degli operatori fee-only, invece di rafforzare, attraverso la valorizzazione delle best practice sul mercato, la figura, il ruolo e l’immagine del consulente finanziario abilitato al collocamento e al fuori sede come la vera novità nel campo dei prodotti e dei servizi finanziari. Ci sarebbe anche da accennare all’eccessiva enfasi posta sul tema del conflitto di interessi, mal posto, non tanto in sé come questione di principio, quanto perché ritenuto superato dalla configurazione dell’indipendenza, più formale che sostanziale. Il conflitto di interessi è già normato e va correttamente gestito nell’interesse del cliente e su questo tutta l’industria deve impegnarsi.

Editoriale tratto dal numero di gennaio del mensile Bluerating


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Firma dei clienti contraffatta e non solo: radiato consulente

Esame consulenti, il database dei quesiti si aggiorna

ConsulenTia19 fa il pieno di Efpa Italia

Consulenti, così il digitale vi aiuterà

Il consulente “proletario” trionferà

Caro consulente, per 3 italiani su 4 non sei “molto importante”

Violazioni multiple, radiato consulente

Consulenti, meno margini e più costi valgono bene un tesseramento

Prima sospeso poi radiato, ex consulente saluta la professione

Consulenti, la mappa dei pionieri dell’Albo

Consulenti, che peso le fee di performance

Consulenti, il contratto ibrido è stato un flop

ConsulenTia19: i dettagli sul convegno inaugurale

Il consulente cambia pelle

Azimut, il 2018 si chiude col sorriso

Reclutamenti, Fideuram Ispb vince il round

Consulenti, Copernico Sim punta al progetto giovani

2019 on the road con Pictet

Servizi di consulenza, una lamentela ben nota

Ocf, qualche dritta per registrarsi al nuovo portale

Due articoli violati e arriva la radiazione per un ex Fideuram

Il Cenone a misura di consulente

I superconsulenti di Widiba

Anasf, una pausa a gennaio

Albo, le ragioni delle scelte di Ocf

Consulenza in borsa: Fineco ok, Azimut ko

Consulenti: 3 date chiave per il vostro 2019

Nuovo Albo, la vigilanza ai raggi X

Consulenti, ecco i dettagli delle prove valutative 2019

Azimut, shopping nella boutique P&G

CheBanca!, sprint nei reclutamenti

Consulenti, rischi e opportunità per un 2019 dal portafoglio perfetto

Consulenti: a Natale tanti auguri e un nuovo lavoro

Ti può anche interessare

Colpo IWBank, arriva Sala da Widiba

Sala, 55 anni, con una pluridecennale esperienza nel settore della consulenza finanziaria maturata p ...

Il portafoglio degli italiani ai raggi X

Prestiti, spese e risparmio, qual è lo scenario? ...

Consulenti, come vivere di rendita: atto V

Per raggiungere gli obiettivi prefissati occorre in primo luogo suddividere il patrimonio finanziari ...