Consulenti e contratto ibrido, meglio stare nelle reti

A
A
A
di Andrea Telara 15 Gennaio 2019 | 09:23
Il presidente dell’Anasf, Maurizio Bufi, si esprime su Twitter riguardo al contratto di lavoro sperimentato nelle banche: un inquadramento da dipendente part time a cui si aggiunge la libera professione come financial advisor.

Continua il dibattito sul cosiddetto contratto ibrido, cioè la nuova forma di assunzione per i consulenti finanziari sperimentata dallo scorso anno da Intesa Sanpaolo. Si tratta di un inquadramento che unisce assieme un’assunzione come dipentente bancario part time, a cui si aggiunge la libera professione come consulente finanziario con la partita iva. Dopo la bocciatura giunta nei giorni scrsi dai sindacati (si veda qui la notizia), su questo tema si è espresso via Twitter Maurizio Bufi, presidente dell’Anasf, secondo il quale la figura del consulente finanziario può essere valorizzata come si deve soltanto all’interno delle reti.  “Il mercato ci darà il responso, dubito che sia positivo”, ha scritto Bufi. Ecco, di seguito il suo tweet.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Anasf, tempo di votazioni ai congressi territoriali

Consulenti, ripartono in presenza i seminari Anasf

Consulenti, al via l’esonero contributivo Inps

NEWSLETTER
Iscriviti
X