Sistema bancario italiano, maneggiare con cautela

A
A
A
di Max Malandra 15 Gennaio 2019 | 11:00

La crisi finanziaria, nata in America più di dieci anni fa e poi propagatasi in Europa, ha dimezzato la profittabilità del sistema bancario europeo. Per quanto riguarda l’Italia, la crisi
è stata affrontata in maniera tardiva, non sistemica ma caso per caso, e di conseguenza ha lasciato ancora diverse situazioni di debolezza”. E’ l’incipit dello studio (La formula del successo per le banche in Italia) a cura di Claudio Torcellan e Giovanni Viani, Partner di Oliver Wyman, che la società di consulenza internazionale ha dedicato al sistema bancario del nostro Paese. E che, con il recente caso di Carige, ne dimostra la profonda attualità. Lo studio completo è disponibile qui.

“I costi della crisi, contrariamente agli altri paesi europei, hanno gravato quasi interamente sui bilanci e sul capitale delle banche, sotto forma di accantonamenti su crediti deteriorati, aumenti di capitale di mercato e contributi volontari. Queste dinamiche hanno contribuito ad un ritardo nei tempi di ripresa delle banche e dell’economia, e ad una perdurante fragilità relativa del sistema – si legge nel report –  Le problematiche del sistema bancario italiano sono note e tutte ben intrecciate e correlate. La presenza di un quantitativo ancora elevato di Npl, eredità della crisi economica dell’ultimo decennio, indebolisce alla base la stabilità dei bilanci e la loro redditività, che rimane tuttora volatile e legata alle pulizie di bilancio, e resta in ogni caso contenuta e minacciata da una struttura di costi ben superiore alla media europea”. Senza contare che,proprio mentre il sistema bancario italiano ha iniziato a dare segni di recupero, nuovi e preoccupantisegnali di crisi stanno riaffiorando sia a livello globale sia nazionale.

Le dimensioni ridotte rendono difficoltosi gli ingenti investimenti necessari per portare innovazione e razionalizzazione all’interno degli istituti, creare nuova domanda e permettere un incremento della redditività – spiegano i partner di Oliver Wyman – Tutto questo appare evidente alla luce del confronto con i grandi gruppi europei, e, in un futuro ormai vicino, con le banche americane e asiatiche, senza dimenticare la minaccia di Big Tech, con servizi e offerte innovativi, elevata digitalizzazione, attenzione al cliente, risorse tecnologiche e finanziarie enormi, possibilità di economie di scala a livello globale”.

Eppure la partita è ancora ampiamente aperta e i vincitori potranno essere numerosi, sia tra le banche grandi sia tra quelle piccole. La crescita di scala attraverso aggregazioni, sia domestiche sia cross-border, è un’ovvia ricetta per rafforzarsi. La “scala” è dunque sempre più necessaria per gli investimenti in tecnologia e talento, che, se ben gestiti, creano un vantaggio competitivo sostenibile.

“D’altra parte le banche minori potranno ovviare alla mancanza di Massa – intervengono però da Oliver Wyman – Gli elementi del successo risiedono più nel “come” si conduce il business piuttosto che nelle specifiche strategie adottate. Come? Accelerando la propria performance con scelte strategiche selettive e chiare, cultura aziendale distintiva e modelli organizzativi più agili. Infine il settore dell’intermediazione finanziaria ha caratteristiche tali che chi saprà coniugare la Massa, con i relativi effetti su efficienza da scala, capacità di investimento e di attrazione di talenti, con la capacità di Accelerare le proprie performance attraverso chiarezza d’intent strategico, forte cultura aziendale e organizzazione agile e reattiva, avrà sicuramente la Forza per emergere come vincente nei prossimi cicli economici”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca d’Italia, ecco le disposizioni per intermediari all’indomani della Brexit

Le sette lezioni del “Lupo” di Wall Street

Bonifici istantanei, la sfida alle banche

NEWSLETTER
Iscriviti
X