Sistema bancario italiano, maneggiare con cautela

A
A
A
Avatar di Max Malandra15 gennaio 2019 | 11:00

La crisi finanziaria, nata in America più di dieci anni fa e poi propagatasi in Europa, ha dimezzato la profittabilità del sistema bancario europeo. Per quanto riguarda l’Italia, la crisi
è stata affrontata in maniera tardiva, non sistemica ma caso per caso, e di conseguenza ha lasciato ancora diverse situazioni di debolezza”. E’ l’incipit dello studio (La formula del successo per le banche in Italia) a cura di Claudio Torcellan e Giovanni Viani, Partner di Oliver Wyman, che la società di consulenza internazionale ha dedicato al sistema bancario del nostro Paese. E che, con il recente caso di Carige, ne dimostra la profonda attualità. Lo studio completo è disponibile qui.

“I costi della crisi, contrariamente agli altri paesi europei, hanno gravato quasi interamente sui bilanci e sul capitale delle banche, sotto forma di accantonamenti su crediti deteriorati, aumenti di capitale di mercato e contributi volontari. Queste dinamiche hanno contribuito ad un ritardo nei tempi di ripresa delle banche e dell’economia, e ad una perdurante fragilità relativa del sistema – si legge nel report –  Le problematiche del sistema bancario italiano sono note e tutte ben intrecciate e correlate. La presenza di un quantitativo ancora elevato di Npl, eredità della crisi economica dell’ultimo decennio, indebolisce alla base la stabilità dei bilanci e la loro redditività, che rimane tuttora volatile e legata alle pulizie di bilancio, e resta in ogni caso contenuta e minacciata da una struttura di costi ben superiore alla media europea”. Senza contare che,proprio mentre il sistema bancario italiano ha iniziato a dare segni di recupero, nuovi e preoccupantisegnali di crisi stanno riaffiorando sia a livello globale sia nazionale.

Le dimensioni ridotte rendono difficoltosi gli ingenti investimenti necessari per portare innovazione e razionalizzazione all’interno degli istituti, creare nuova domanda e permettere un incremento della redditività – spiegano i partner di Oliver Wyman – Tutto questo appare evidente alla luce del confronto con i grandi gruppi europei, e, in un futuro ormai vicino, con le banche americane e asiatiche, senza dimenticare la minaccia di Big Tech, con servizi e offerte innovativi, elevata digitalizzazione, attenzione al cliente, risorse tecnologiche e finanziarie enormi, possibilità di economie di scala a livello globale”.

Eppure la partita è ancora ampiamente aperta e i vincitori potranno essere numerosi, sia tra le banche grandi sia tra quelle piccole. La crescita di scala attraverso aggregazioni, sia domestiche sia cross-border, è un’ovvia ricetta per rafforzarsi. La “scala” è dunque sempre più necessaria per gli investimenti in tecnologia e talento, che, se ben gestiti, creano un vantaggio competitivo sostenibile.

“D’altra parte le banche minori potranno ovviare alla mancanza di Massa – intervengono però da Oliver Wyman – Gli elementi del successo risiedono più nel “come” si conduce il business piuttosto che nelle specifiche strategie adottate. Come? Accelerando la propria performance con scelte strategiche selettive e chiare, cultura aziendale distintiva e modelli organizzativi più agili. Infine il settore dell’intermediazione finanziaria ha caratteristiche tali che chi saprà coniugare la Massa, con i relativi effetti su efficienza da scala, capacità di investimento e di attrazione di talenti, con la capacità di Accelerare le proprie performance attraverso chiarezza d’intent strategico, forte cultura aziendale e organizzazione agile e reattiva, avrà sicuramente la Forza per emergere come vincente nei prossimi cicli economici”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche e reti, i consulenti hanno una marcia in più

Conti correnti: gli Italiani sono più parsimoniosi

Ubi Banca va di nuovo a canestro

Reti, Banca Consulia tratta con Unica Sim

Banca Generali e la festa dei bambini a Citylife

CheBanca!, reclutamento senza sosta

Reti, ora la fee è (quasi) una certezza

Banche, l’Italia è un modello virtuoso

BlackRock-Carige, niente nuovi esuberi

Fineco si gode private banking e indipendenza

Banche, la politica ammazza l’utile

Dossier reclutamento – Widiba

Dossier reclutamento – IWBank PI

Quando la consulenza è una questione morale

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Mediolanum, consulenza caput mundi

Un tesoro chiamato IWBank

Oggi su BLUERATING NEWS: colpaccio Mediobanca, Fineco ottimista

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Banche Ue, le nuove norme affossano le pmi

Truffa diamanti, arriva il presidio davanti a Banco Bpm

Widiba, cresce la presenza nel Sud Italia

Widiba: la nuova ricetta della consulenza

Oggi su BLUERATING NEWS: rivoluzione BlackRock, allarmi incrociati

Scm Sim, la perdita triplica

Intesa Sanpaolo, le fondazioni calano gli assi

Consulenza, due contratti che sono due incubi

BlackRock-Varde, braccio di ferro per Carige

Unicredit, Allianz bussa alla porta

Intesa, pronta la lista per il cda

Sentenza Tercas-Popolare Bari: ora un cambio di rotta

Banche in crisi, UE con le spalle al muro

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Ti può anche interessare

BFC EDUCATION: Bluedvisor, una puntata per i consulenti

Un nuovo format dedicato alla formazione ...

Azimut, la domanda senza risposta

Per l’analista di Mediobanca, Gianluca Ferrari, è apprezzabile l’espansione internazionale dell ...

Consulenti: tra radiati e sospesi, a marzo triplica il lavoro della vigilanza

Ci eravamo lasciati a febbraio con 2 provvedimenti di sospensione e una radiazione, per un totale di ...