Enasarco, bufera sulle dimissioni del CFO

A
A
A
Andrea Giacobino di Andrea Giacobino 21 Gennaio 2019 | 07:00
Rausch lascia a sorpresa l’incarico dopo un anno. E 5 consiglieri attaccano il presidente Costa: “Vogliamo chiarezza”.

Dopo un anno dalla nomina si dimette a sorpresa Robert Rausch, direttore finanziario di Enasarco, l’ente nazionale, presieduto da Gianroberto Costa, di assistenza per gli agenti e i rappresentanti di commercio.

Le dimissioni accendono le polemiche da parte dei consiglieri Enasarco Nino Marcianò (Fiarc), Luca Gaburro e Davide Ricci (Federagenti), Gianni Triolo (Confesercenti) e Alfonsino Mei (Anasf). “Apprendiamo con preoccupazione – dicono in una nota – delle improvvise dimissioni del chief financial officer di Enasarco, Rausch. Dimissioni di cui noi siamo venuti a conoscenza da terzi, pur essendo membri del consiglio di amministrazione della fondazione. Il silenzio del presidente di Enasarco Costa, che evidentemente non ha sentito la necessità di informare il cda dell’accaduto, è un fatto grave”. “I membri del consiglio di amministrazione della fondazione – prosegue la nota – hanno il diritto di essere informati. Per questo restiamo in attesa di sapere le motivazioni per cui Rausch, entrato in carica solo a gennaio del 2018, ha deciso di lasciare Enasarco dopo poco più di un anno di servizio. Ci chiediamo cosa sia accaduto: problemi privati? Differenza di vedute con la dirigenza, visto il cambio di passo di Enasarco sull’asset allocation? E’ necessario che il presidente fornisca spiegazioni: per questo chiediamo con forza e massima urgenza la convocazione del cda per un’approfondita disamina delle dimissioni di un dirigente chiave di una delle aree più sensibili dell’ente”.

Rausch era stato nominato nel dicembre 2017 dopo una ricerca durata quasi un anno e condotta dall’head hunter Spencer Stuart, subentrando a Roberto La Monica, licenziato la scorsa primavera per aver indetto una gara per assegnare la gestione di un fondo immobiliare Enasarco senza aver informato nessuno. Rausch è stato dal 2010 al 2015 ad di Duemme International Luxembourg e managing director di Banca Esperia, dove aveva la carica di responsabile direzione investment solution. Prima di lavorare per la private bank di Mediobanca e Mediolanum (poi incorporata nella stessa Mediobanca), aveva operato per quasi vent’anni in Ubs, tra Zurigo e Londra, ricoprendo varie posizioni manageriali, come global head equity research e, più recentemente, come global head Uhnw Solutions.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Elio Conti Nibali e quei ricordi dell’ufficio

Consulenza finanziaria, sostenibilità solo di facciata

Consulenza e coronavirus, un sondaggio svela come ci stiamo comportando

Consulenza e trasparenza dei costi, le osservazioni di Federpromm

Il Paese dove il consulente è nudo

Banca Generali, il migliore anno di sempre

Consulenti, Mifid 3 sarà solo una toppa

Consulenza, come sarà il wealt management nel 2025

Poste Italiane, consulenza ad ampio raggio

Consulenza e certificati al FeeOnly di Verona

Credem, destinazione innovazione

Consulenza e illiquidi, tra rivoluzione e rischi

Consulenza, l’industria tiene ma senza più i fasti

Il contributo della consulenza all’educazione finanziaria degli investitori

Consulenza fiscale, Mediolanum spiega gli Indici Sintetici di Affidabilità

Private banking in Italia, ecco quanto vale e chi comanda

Le truffe dei consulenti, viste dal fee only

Consulenza e trasparenza costi: per ora è un mezzo flop

Consulenza, l’esercito dei potenziali clienti esclusi

Rendiconti Mifid 2, è il turno di IWBank

Credem: Euromobiliare Advisory Sim rinnova gli investimenti

Allianz Bank FA, quando Mifid 2 fa rima con crescita

Consulenza d’estate, manuale di sopravvivenza

IWBank, give me five

I giovani hanno fame di consulenza

La consulenza è un gioco di squadra

Nuovi Pir, Doris boccia il governo

Mediolanum svela l’antidoto contro il male del fai-da-te

Consulenza noir: Nicaragua, i reali sauditi, il figlio di Gelli e un radiato

Mediolanum, il cliente in maglia rosa

Consulenza: il futuro delle Scf

Reti Champions League, collegamenti impossibili

Azimut, la raccolta è sempre un piacere

Ti può anche interessare

Banche: vogliamo tassi negativi per i clienti

Riversare l’onere dei tassi negativi sui conti correnti dei clienti superiori a 100 mila euro. ...

Consulenti, ecco chi può accedere al regime forfettario

Regime forfettario per consulenti finanziari con contratto misto: ok dell’Agenzia delle Entrate L ...

Consulenti, tutta la fatica di essere un manager

Le reti dei consulenti finanziari sono sempre più protagoniste di una crescita inarrestabile, con o ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X