Aberdeen: alla conquista del mercato asiatico

A
A
A

La società ci ha raccontato i motivi per i quali in questo momento il mercato asiatico rappresenta un’ottima opportunità di investimento.

Roberta Maddalena di Roberta Maddalena1 febbraio 2019 | 08:30

A margine del recente incontro organizzato a Milano da Aberdeen, abbiamo parlato con Govinda Finn, Japan and Developed Asia Economist di Aberdeen Standard Investments che ci ha raccontato la strategia di investimento della compagnia in Asia.

Le economie asiatiche sono cresciute rapidamente negli ultimi anni, guidate dalle esportazioni verso i Paesi sviluppati e da investimenti fissi di capitale. Anche se non risparmiata dalla crisi globale, l’Asia si è tirata fuori da una recessione dal ritmo serrato, sostenuta da politiche governative pronte ed efficaci. Quali sono i suoi fattori di successo?

Il “Secolo asiatico” è ancora giovane e la rapida crescita dell’Asia negli ultimi decenni è stata a dir poco eccezionale. Rappresenta già un terzo del PIL globale e contribuisce a più della metà della crescita economica mondiale. Più di un miliardo di persone sono state tolte dalla povertà estrema nella regione dal 1990. Tuttavia, la crescita non è stata equamente distribuita. Le economie asiatiche sviluppate come Corea, Taiwan e Singapore vantano redditi pro capite comparabili o addirittura superiori a quelli delle nazioni europee. Altre nazioni come il Vietnam e il Laos continuano invece a rimanere in ritardo. In Cina, la trasformazione è stata la più drammatica. Il Paese è stato trasformato da una società agricola povera in un’economia industrializzata con una borghesia fiorente. Cosa possiamo imparare dai successi degli ultimi decenni? La prima cosa da sottolineare è che pochissime di queste economie perseguivano le politiche di liberalizzazione e deregolamentazione che sono state il mantra dei neo-liberali in Occidente. Invece, lo stato ha svolto un ruolo chiave promuovendo la crescita attraverso strategie di sviluppo complete e una guida forte al settore privato. Ciò ha comportato numerosi vantaggi, tra cui una rapida industrializzazione, alti tassi di risparmio e investimenti e un’apertura all’economia globale. Tuttavia, ci sono segnali che questo modello ha raggiunto il suo limite.

E quali sono le sue prospettive future rispetto al global market?

La prossima fase di sviluppo in Asia richiede un allontanamento dagli investimenti guidati dal governo e alimentati dal debito verso un modello basato sui consumi e sui servizi sostenuto dal settore privato. Tuttavia, ci sono segnali che indicano che il progresso è più lento del previsto. La crescita del consumo delle famiglie come percentuale del PIL si è arrestata in luoghi come la Cina, mentre la quota del PIL industriale è rimbalzata a causa della preferenza del governo per sostenere il settore industriale quando la crescita decelera troppo rapidamente.

Quali sono le ragioni che spingono la società a investire in Cina?

Il prossimo ciclo di cambiamenti per l’Asia offre opportunità per gli investitori. I bilanci sani offrono opzioni aziendali. Possono investire nella propria crescita; possono mantenere o aumentare i pagamenti dei dividendi; e possono riversare denaro nella ricerca in settori come l’innovazione tecnologica per aiutare la loro azienda. Inoltre, si stanno aprendo nuovi mercati. La capitalizzazione di mercato della borsa di Shanghai è più che raddoppiata nell’ultimo decennio. La Cina ha anche il terzo mercato obbligazionario al mondo. Per l’investitore diligente, il cambiamento in una regione di queste dimensioni porterà opportunità.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il roadshow di Aberdeen verso la Nuova Era Cinese

Il fattore 5 di Aberdeen

Strategie non tradizionali, Aberdeen in tour

Skeoch (Standard Life Aberdeen): “I miei dubbi su Mifid 2”

Classifiche Bluerating: Aberdeen in testa tra gli azionari Cina A Shares

Aberdeen porta al Salone del Risparmio le “Storie dal mondo del reddito fisso”

Elio testimonial di Aberdeen

Classifiche Bluerating: Aberdeen in testa tra i fondi obbligazionari dollaro canadese

Non combattete la disruption

Classifiche Bluerating: Aberdeen in testa tra i fondi obbligazionari euro corporate e governativi high yield

Pioneer: Aberdeen si ritira dalla gara

Aberdeen: Fed, improbabile un nuovo rialzo a breve

Aberdeen, continuiamo a puntare sulla Turchia

McCaffery (Aberdeen): “Strategie alternative per i fondi pensione”

Aberdeen, i dipendenti fanno volontariato

Aberdeen Global Select Emerging Mkt Bond A1 in ripresa da inizio anno

Aberdeen strappa Fleming a Columbia-Threadneedle

Aberdeen mette le scarpe da corsa contro la violenza sulle donne

Citywire, ecco i gestori più bravi con le azioni dell’Europa dell’est

Aberdeen taglia le commissioni sul fondo dei mercati emergenti

Ambrosini passa da Aipb ad Aberdeen Am

Aberdeen AM sonda il mercato degli etf

Aberdeen in crisi

Aberdeen AM: QE2, veleggiando verso l’ignoto?

Fondi, la crisi di Aberdeen

Thinking Aloud: Aberdeen AM sbarca sui social

Aberdeen AM: possibili acquirenti all’orizzonte

Fondi, la crisi di Aberdeen AM

Aberdeen AM dà il benvenuto a Tommaso Tassi

Young (Aberdeen AM): non fatevi prendere dal panico

Hedge fund, Aberdeen rileva Arden

Fondi, Aberdeen AM rileva Flag Capital Management

Classifiche BLUERATING: Ubs, Aberdeen e Carmignac tra i migliori azionari Europa

Ti può anche interessare

Mifid 2: le doti richieste per sopravvivere in un mercato dell’advisory

Un evento per non farsi trovare impreparati di fronte alla nuova direttiva ...

Banche, chi supera il test Srep

Volano in borsa i titoli di Unicredit, Banco Bpm e Ubi Banca dopo aver superato i test Bce ...

Disco verde della Consob a Euromobiliare Advisory Sim

Sarà una componente importante del gruppo Credem dedicata alle attività di consulenza finanziaria ...