Rete Banco Bpm, stop alle pressioni commerciali

A
A
A

Accordo tra banca e sindacati che prevede il divieto di certe procedure come le graduatorie su quanto hanno venduto le filiali.

Andrea Telara di Andrea Telara29 gennaio 2019 | 10:27

Niente graduatorie tra le filiali, né comunicazioni ai singoli dipendenti, per chiedere loro dati sulla produzione individuale. Sono i divieti contenuti in un accordo siglato nei giorni scorsi dai sindacati con la direzione del Banco Bpm per mettere fine alle pressioni commerciali sui dipendenti. L’intesa prevede una serie di procedure che hanno  appunto lo scopo di evitare che il personale dell’istituto sia spinto o costretto a piegarsi a logiche di vendita

Vediamo in dettaglio cosa prevede l’accordo, secondo quanto riporta il sito web della Fisac Cgil:

In primo luogo viene messa in evidenza la correlazione tra scelte organizzative, politiche commerciali e i rischi psico-sociali del lavoro, ivi compreso lo stress lavoro correlato. Quindi le parti condividono la necessità che l’azienda mantenga nel tempo un’organizzazione del lavoro atta a prevenire i suddetti rischi.

Fermo restando il rispetto delle norme vigenti, i prospetti informativi per la clientela e le comunicazioni interne a supporto dell’attività commerciale dovranno attenersi a principi di chiarezza ed esaustività e dovranno essere tempestivamente resi disponibili alla rete commerciale attraverso i canali istituzionali con congruo anticipo rispetto alla data di commercializzazione.

Non è quindi possibile chiedere ai colleghi di proporre, o semplicemente parlare ai clienti, di un prodotto senza aver ricevuto per tempo i relativi prospetti informativi previsti dalla normativa.

In particolare:

“il monitoraggio e la comunicazione dei dati e dei risultati commerciali, rispetto al raggiungimento degli obiettivi assegnati, saranno effettuati esclusivamente attraverso il sistema informativo aziendale sulla base di standard definiti a livello centrale; ciascuna filiale sarà informata del proprio livello di produzione anche in relazione ai valori dell’Area di appartenenza e alle restanti filiali di riferimento prive di identificativo (cd. classifiche mute);

“le informazioni necessarie all’operatività giornaliera di ciascuna filiale saranno convogliate nelle sezioni dedicate della intranet aziendale, evitando richieste di informazioni alle filiali stesse o a singoli colleghi, al fine di non creare inutili aggravi di carichi di lavoro nonché disomogeneità, ridondanza e duplicazioni delle informazioni.

Conseguentemente non sono ammesse:

– graduatorie e/o elenchi comparativi, nominativi e/o tra filiali/unità operative, salvo quelle riservate alle posizioni organizzative di coordinamento con la finalità di individuare i punti di forza e le aree di miglioramento; – richieste di previsioni riguardanti la vendita di prodotti alla clientela; – comunicazioni dirette a singoli o a gruppi di colleghi contenenti richieste di informazioni e dati relativi all’attività commerciale se disponibili o ricavabili dai sistemi informativi aziendali; “la predisposizione e diffusione di materiali ad hoc relativi ai prodotti e/o servizi che non rivestano i caratteri di ufficialità; 

– comportamenti difformi o elusivi da quanto stabilito. Non è quindi lecita la richiesta di inviare files con dati di produzione/vendita, l’invio di classifiche, né tantomeno la richiesta di previsionali di vendita e la produzione di files condivisi dove i colleghi, obbligatoriamente, devono aggiornare continuamente i dati.

Le riunioni di orientamento commerciale devono essere convocate con adeguato preavviso e svolgersi nel rispetto delle norme sull’orario di lavoro previste dal CCNL vigente (tenendo conto delle specificità dei lavoratori a tempo parziale)

I contatti aziendali (ad es. telefonate, mail o altri strumenti di comunicazione) dovranno essere improntati al rispetto della normativa vigente, anche in materia di orario di lavoro, evitando gli abusi, l’eccessiva frequenza e le ripetizioni, nel pieno rispetto del diritto alla disconnessione.

Tutto ciò al fine di evitare il protrarsi di riunioni e contatti che si concludono ben oltre la fine del normale orario di lavoro.

Riguardo allo “stile” di certe comunicazioni, troppo spesso irrispettose della dignità e professionalità dei colleghi, vi rimandiamo all’allegato “indirizzi per una comunicazione commerciale efficace”, facente parte anch’esso dell’accordo.

L’intesa va a disciplinare anche la comunicazione del budget, da effettuarsi di norma entro il primo quadrimestre dell’anno, mente il sistema incentivante dovrà essere comunicato alle OO.SS entro la fine del mese successivo a quello della delibera assembleare sulle politiche di remunerazione.

E’ prevista inoltre la possibilità di segnalare le buone prassi, per meglio diffondere i comportamenti positivi da prendere ad esempio.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Truffa diamanti, ora i rimborsi sono più facili

Truffa diamanti, scatta lo sciopero dei dipendenti Bpm

Diamanti, sciopero in vista al Banco Bpm

Diamanti e Banco Bpm, gli impegni di Castagna con i risparmiatori beffati

Diamanti, ecco come li vendevano in banca

Banco Bpm, voglia di shopping con la tentazione Ubi

Truffa diamanti, si allarga la task force

Truffa diamanti, Banco Bpm fa pace con i clienti

Truffa dei diamanti, saltano le poltrone al Banco Bpm

Truffa diamanti: arriva la task force

Truffa diamanti, “margini fino al 18% per la banche”

Banche, chi supera il test Srep

Banco Bpm, le pulizie la fanno volare in Borsa

Sette pretendenti per Carige

Banco BPM, DBRS conferma i rating e migliora il trend

Banco Bpm presenta YouLounge

Banco Bpm, la parola d’ordine è “derisking”

Banche, si avvicina il novembre nero

Banche italiane a caccia di soldi

Anima, il Banco Bpm spinge la raccolta in agosto

Ponte Morandi, anche Banco Bpm sospende i mutui

Npl ma non solo, ecco il piano di Cerberus per l’Italia

Nuovo covered bond per Banco Bpm

Banco Bpm e Sace Simest insieme per l’internazionalizzazione

Banco Bpm, sette pretendenti per gli Npl

Anima Sgr-Banca Aletti, closing per le attività assicurative

Banco Bpm, revocato lo sciopero dei dipendenti

Banco Bpm, anche Passera in lizza per gli npl

Banco Bpm, così la rete si riorganizza

Banco Bpm, accordo con Cariverona contro la povertà educativa

Diamanti da investimento, Banco Bpm offre rimborsi (parziali)

Banco Bpm cede Npl per 5,1 miliardi

Banco Bpm, per i clienti private arriva il gestore di Aletti

Ti può anche interessare

Giugno sugli scudi per Banca Mediolanum

Con 472 milioni di raccolta totale, giugno risulta finora il mese migliore del 2018 per l'istituto d ...

Banco BPM, DBRS conferma i rating e migliora il trend

L'agenzia ha migliorato, portandolo da negativo a stabile, il trend dei rating assegnati a Banco BPM ...

Flat tax, come ti acchiappo il Paperone

Si tratta di una vera e propria tassa “acchiapparicchi”, pensata per attirare in Italia chi ha ...