Reti e consulenti, fee e servizi son tutti da rifare

A
A
A

Uno studio di Mediobanca sostiene la necessità per i big del settore di rivedere i modelli di prezzo e superare la cassificazione tradizionale dei clienti in base al patrimonio posseduto.

Andrea Telara di Andrea Telara5 febbraio 2019 | 10:07

Retail, affluent o private? La tradizionale classificazione dei clienti usata dalle reti di consulenza finanziaria è ormai superata. Lo sostiene uno studio dei Mediobanca a firma di Gian Luca Ferrari, analista che segue i titoli delle maggiori società del risparmio gestito e della financial advisory quotate in borsa (Anima, Azimut, Banca Generali, Fineco e Banca Mediolanum). Oggi, i grandi network dei cf classificano i clienti in base al patrimonio che possiedono (il retail, per esempio, è rappresentato dalla folta platea dei piccoli risparmiatori, mentre la clientela di fascia medio alta è classificata come private). Su questa base, vengono applicate delle fee proporzionali al patrimonio posseduto. Per Ferrari questa classificazione è superata poiché il pricing delle reti dovrebbe invece seguire un’altra logica, cioè dipendere dal grado di interazione che i consulenti hanno con la clientela. Oggi, secondo lo studio di Mediobanca, i financial advisor hanno in media 10 contatti all’anno con i loro clienti, il più delle volte al telefono. Gli incontri personali si limitano invece a un numero di  circa 3 all’anno. Per questo, secondo Ferrari, le reti dovrebbero rimodellare le loro fee adottando il modello dell’americana Charles Schwab, che suddivide i clienti in base ai loro bisogni, secondo tre categorie: gli investitori fai da te, quelli che utilizzano un mix di investimento automatico e di consulenza e, infine, quelli che hanno bisogno di un financial advisor full time tutto dedicato a loro. A quest’ultimi verrebbe dunque applicato un livello di pricing più alto, mentre gli investitori fai da te hanno ovviamente bisogno di servizi standardizzati che costano meno.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, Widiba finalmente in utile

Azimut Libera Impresa, è tempo di prequel

Fed, sui tassi porta in faccia a Trump

Consulenti: diversificare con le polizze, vi insegno come

Prosegue lo sviluppo della rete Banco Desio

Widiba alla bolognese

Reti Champions League, collegamenti impossibili

La consulenza a doppio malto

Consulenti, persona giuridica? Anche no

Consulenti, una nuova alternativa per chi vuole uscire dalle reti

Consulenti: come e perchè far fare un check-up patrimoniale

Mediolanum, Doris come Capitan America

Azimut, vincenti perché indipendenti

Consulenti: se tu recluti, io ti pago

Bufi: è un’Anasf pragmatica

Credem, il nuovo volto della formazione

Mediolanum, il rendiconto ai raggi x

Banca Mediolanum: convention 2019, la cronaca completa

Consulenti, occhio al potere delle ancore casuali

Consulenti finanziari, un tour con Anima

Fideuram Ispb, quattro mesi nel segno del reclutamento

Consulenti indipendenti, ad aprile si cresce ancora

Consulenti sveglia, i ricchi hanno voglia di investire

Consulenti e pensione: Enasarco introduce il doppio calcolo (e non solo)

Dossier reclutamento – Widiba

Assoreti, il gestito mette il turbo alla raccolta

Consulenti, un aprile tra radiazioni e sospensioni

Consulenti, più della metà lavora con i social

Dossier reclutamento – Fineco

Consulenti: pianificazione successoria a regola d’arte

Consulenti, dead line sulla posta certificata

Consulenti: anticorpi del mercato contro il catenaccio

Consulenti: mi faccio una birra e cambio mandante

Ti può anche interessare

Life Banker col turbo del multiprodotto

Intervista a Ferdinando Rebecchi che spiega le strategie della rete di Bnl Bnp Paribas LB ...

Oggi su BLUERATING NEWS: tracollo Pir, spread sotto i fari

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Scandalo Danske Bank, coinvolte dieci banche

Le novità sono emerse dall'audizione al Parlamento europeo di Howard Wilkinson, il whistleblower gr ...