Reti e consulenti, fee e servizi son tutti da rifare

A
A
A

Uno studio di Mediobanca sostiene la necessità per i big del settore di rivedere i modelli di prezzo e superare la cassificazione tradizionale dei clienti in base al patrimonio posseduto.

Andrea Telara di Andrea Telara5 febbraio 2019 | 10:07

Retail, affluent o private? La tradizionale classificazione dei clienti usata dalle reti di consulenza finanziaria è ormai superata. Lo sostiene uno studio dei Mediobanca a firma di Gian Luca Ferrari, analista che segue i titoli delle maggiori società del risparmio gestito e della financial advisory quotate in borsa (Anima, Azimut, Banca Generali, Fineco e Banca Mediolanum). Oggi, i grandi network dei cf classificano i clienti in base al patrimonio che possiedono (il retail, per esempio, è rappresentato dalla folta platea dei piccoli risparmiatori, mentre la clientela di fascia medio alta è classificata come private). Su questa base, vengono applicate delle fee proporzionali al patrimonio posseduto. Per Ferrari questa classificazione è superata poiché il pricing delle reti dovrebbe invece seguire un’altra logica, cioè dipendere dal grado di interazione che i consulenti hanno con la clientela. Oggi, secondo lo studio di Mediobanca, i financial advisor hanno in media 10 contatti all’anno con i loro clienti, il più delle volte al telefono. Gli incontri personali si limitano invece a un numero di  circa 3 all’anno. Per questo, secondo Ferrari, le reti dovrebbero rimodellare le loro fee adottando il modello dell’americana Charles Schwab, che suddivide i clienti in base ai loro bisogni, secondo tre categorie: gli investitori fai da te, quelli che utilizzano un mix di investimento automatico e di consulenza e, infine, quelli che hanno bisogno di un financial advisor full time tutto dedicato a loro. A quest’ultimi verrebbe dunque applicato un livello di pricing più alto, mentre gli investitori fai da te hanno ovviamente bisogno di servizi standardizzati che costano meno.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ecco lo spot che ha fatto infuriare i consulenti

Consulenti, pubblicità ma corretta

Anasf: tutti i dettagli della convenzione con Coni

Consulenti, occhio ai fondi illiquidi: rischio tsunami all’orizzonte

Consulenti: contributo quota Ocf, occhio alle scadenze

Consulenti state tranquilli, quest’anno andrà meglio…

Consulenti: la morte del Cholismo

Consulente radiato, la Corte condanna Consob e annulla la delibera

Fugen con ForFinance per i consulenti

Anasf, tra carriera e formazione

Consulenti ibridi, Intesa Sanpaolo continua ad assumere

Federpromm, l’online è tutto nuovo

Consulenti e Enasarco, ecco le prestazioni integrative 2019

Arriva M&G Live: Strategie d’investimento in primo piano

Fee only: l’Albo cresce del 20% nel 2019

La coperta è corta

Un terzo delle fees? Nessuno scandalo

Reti vs sgr: la grande lotta per i ricavi

Mifid 2, un anno dopo

Consulenti: un terzo delle fees non è uno scandalo

Bnl Bnp Paribas LB, il recruiting dei cf spinge sui neolaureati

Azimut: super rendimento e raccolta positiva a febbraio

Consulenti dalla barba educata

Credem, reclutamenti ad alto potenziale

Assoreti, inizio 2019 dai due volti

Consulenti, ecco cosa serve per diventare fee only

Ubi Banca, un Welfare da premiare

Consulenti, 2 sospesi e 1 radiato a febbraio

Mifid 2, la Consob a gamba tesa

Consulenti, i “dinosauri” si ribellano

LA VOCE DEL CONSULENTE: Rendiconti Mifid 2, scegli da che parte stare

Enasarco: ecco il welfare 2019

Anasf, finanza tra realtà e illusione

Ti può anche interessare

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Il settimanale Milano Finanza dedica un ampio servizio all’automazione delle filiali degli istitut ...

Oggi su BLUERATING NEWS: tris di Fineco, rivoluzione Ubi Banca

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Banca Generali, scatto finale della raccolta

Dicembre chiude in bellezza un anno ricco di soddisfazioni ...