Consulenti, Poste Italiane la vera minaccia

A
A
A

Mediobanca suona la sveglia: Poste Italiane ha una forte clientela affluent e private. E già oggi vince sul pricing

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino8 febbraio 2019 | 08:39

Il vero pericolo per le reti di consulenti finanziari? Sono Poste Italiane. Lo sostiene Gianluca Ferrari, brillante analista di Mediobanca Securities nell’ultimo report (vedi notizia). Secondo Ferrari, infatti, Poste Italiane sta attualmente lavorando per trovare il proprio posizionamento nell’industria e anche se gli asset gatherer non la vedono come un concorrente, il report sostiene che invece potrebbe essere una minaccia-chiave. In primo luogo perché i numeri di Poste Italiane sono di impressionanti: su un totale di 506 miliardi di euro di attività finanziarie dei loro clienti, il segmento affluent (con asset tra 75mila e 500mila euro) rappresenta il 50% (vale a dire oltre 250 miliardi di euro), mentre i clienti private (con 500mila euro e più) rappresentano circa 30 miliardi di patrimonio.

La società sta attualmente rivisitando il suo intero modello realizzato con 8mila relationship manager. Per quanto riguarda il pricing, l’assenza di un consulente finanziario da remunerare consente a Poste di addebitare dei total expense ratio di 50-60 punti base al di sotto dei asset gatherer italiani senza commissioni di performance. La società potrebbe sviluppare internamente un’infrastruttura tecnologica (app per la gestione dei risparmi e di robo-advisory per i clienti che richiedono servizi a basso consumo di tempo), ma anche una riduzione dei prezzi inversamente proporzionale al ai total financial asset investiti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Seminari Anasf, a giugno focus su MiFID 2 e i costi della non consulenza

Consulenti finanziari, la linea verde di Copernico Sim

Consulenti finanziari: la ricerca della felicità

Consulenti finanziari, le novità sul regime forfettario

Fineco, gli incentivi ai consulenti

Quanto costano i consulenti a Banca Generali

Consulente, alle Poste c’è un posto per te

La consulenza deve diventare grande

Consulenza: le responsabilità legali degli intermediari finanziari

Widiba, Milan l’è un gran roadshow

Consulenti: BlueAcademy e Teseo, ecco il corso per l’European Investment Practitioner

Consulenti, una chimera chiamata trasparenza dei costi

Oggi su BLUERATING NEWS: Fideuram Ispb raccolta e utile, i grandi gestori

Consulenti come Icardi: quando il capitano cambia all’improvviso

Poste Italiane, cercasi consulenti (ma con dote)

Consulenti, rivolta contro il contratto ibrido

Reti, raccolta positiva a giugno, polizze con meno appeal

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Mifid 2, se il consulente diventa green

Poste Italiane a caccia di 500 consulenti

È solo un Bollettino, non un dogma di fede

Poste Italiane, giovani e belli…E consulenti

Unit linked, tesoro da 9 miliardi all’anno per i cf

Consulenti, le nuove tariffe in Gran Bretagna

Consulenti, 5 consigli per motivare il team di lavoro

Consulenti, le donne d’oro delle reti

Mifid 2, perché i consulenti finanziari possono guadagnare di più

Certificati, Mifid 2 e innovazione finanziaria ai Cf Webinars

Aviva, raccolta col turbo grazie ai cf

Reti, raccolta ancora tonica

Polizze, se l’agente di assicurazione fa concorrenza al consulente finanziario

Consulenza finanziaria, quanto costa iniziare la professione

La (buona) paga del cf: il modello di Fineco

Ti può anche interessare

Bluerating Awards, ecco i manager in Nomination

Ecco i magnifici 12 consulenti finanziari in gara che si contenderanno i premi nella categoria riser ...

Unicredit: ecco la Banking Academy

UniCredit lancia Banking Academy. Stiamo parlando di un progetto che punta a valorizzare l’esperi ...

Fideuram ISPB, Longo guiderà l’hub svizzero

Il manager, in Intesa Sanpaolo dal 1995, coordinerà le attività estere di private banking, con ecc ...