Fideuram Ispb: raccolta sì, utile nì

A
A
A
di Redazione14 febbraio 2019 | 10:07

Fideuram Ispb saluta il 2018 con una raccolta da leccarsi i baffi, ma il resto del bilancio è senza particolari acuti. Masse, utile e numero di professionisti sono infatti praticamente stabili. E’ questa, in estrema sintesi, la fotografia dei dati comunicati dalla società relativi ai risultati d’esercizio e consolidati al 31 dicembre 20182. Ma vediamo il dettaglio degli stessi

Fideuram Ispb: ecco il dettaglio dei conti 2018

 

Il totale delle masse amministrate dal Gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking al 31 dicembre 2018 risultava pari a € 213,1 miliardi, in lieve diminuzione (-2%) rispetto al 31 dicembre 2017 (€ 216,6 miliardi). L’evoluzione delle masse rispetto alla fine del 2017 è riconducibile alla performance negativa dei mercati finanziari, che ha inciso in misura sfavorevole sui patrimoni per circa € 13,7 miliardi, parzialmente compensata dall’ottimo risultato di raccolta netta (€ 10,2 miliardi). L’analisi per aggregati evidenzia come la componente di risparmio gestito, pari a € 147 miliardi, rappresenti quasi il 70% delle masse amministrate.

Il totale delle masse amministrate dal Gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking al 31 dicembre 2018 risultava pari a € 213,1 miliardi, in lieve diminuzione (-2%) rispetto al 31 dicembre 2017 (€ 216,6 miliardi). L’evoluzione delle masse rispetto alla fine del 2017 è riconducibile alla performance negativa dei mercati finanziari, che ha inciso in misura sfavorevole sui patrimoni per circa € 13,7 miliardi, parzialmente compensata dall’ottimo risultato di raccolta netta (€ 10,2 miliardi). L’analisi per aggregati evidenzia come la componente di risparmio gestito, pari a € 147 miliardi, rappresenti quasi il 70% delle masse amministrate.

Al 31 dicembre 2018 le masse amministrate in regime di consulenza a pagamento ammontavano a € 36,3 miliardi, pari a oltre 17% delle masse totali.

L’attività commerciale del 2018 ha registrato una solida performance, che ha visto le reti distributive conseguire una raccolta netta di € 10,2 miliardi (€ 12,2 miliardi nel 2017) nonostante un contesto di mercato decisamente più complesso rispetto a quello del 2017. L’analisi per aggregati mostra che la raccolta netta di risparmio gestito si è attestata a € 3,6 miliardi (€ 11,6 miliardi nel 2017) mentre quella di risparmio amministrato è risultata pari a € 6,6 miliardi (€ 0,6 miliardi nel 2017), riflettendo un orientamento più conservativo dei flussi di risparmio legato alla congiuntura di mercato.

Al 31 dicembre 2018 il numero complessivo dei private banker delle Reti risultava pari a 5.995 (5.990 ad inizio anno), con un portafoglio medio pro-capite pari a circa € 36 milioni.

L’analisi dei principali aggregati del Conto Economico evidenzia che nel 2018 le commissioni nette sono risultate pari a € 1.701 milioni, in linea con il saldo di € 1.710 milioni registrato nell’esercizio precedente. Le commissioni nette ricorrenti, componente predominante del margine commissionale (circa 94%), hanno continuato a dare stabilità ai ricavi risultando pari a € 1.605 milioni, in crescita del 2% rispetto al 2017 (€ 1.578 milioni). Tale andamento riflette principalmente la crescita delle masse medie di risparmio gestito, passate da € 145,9 miliardi nel 2017 a € 152,3 miliardi nell’esercizio 2018 (+4%). Nel 2018 il margine commissionale ha beneficiato molto limitatamente (€ 10 milioni) del contributo riveniente da commissioni di performance che, peraltro, erano risultate poco significative anche nel 2017 (€ 27 milioni). Le spese di funzionamento, pari a € 596 milioni, hanno evidenziato un moderato incremento (+4%) rispetto al saldo dello scorso esercizio (€ 575 milioni). L’analisi di dettaglio mostra che le spese del personale, pari a € 350 milioni, hanno registrato un incremento del 6% legato principalmente al rafforzamento dell’organico (+102 risorse) soprattutto nell’area commerciale. Le altre spese amministrative, pari a € 236 milioni, hanno segnato un aumento di € 8 milioni (+4%) connesso in larga parte a progetti di sviluppo previsti nel piano d’impresa. Le rettifiche di valore nette su attività materiali e immateriali (€ 10 milioni) sono diminuite di € 6 milioni principalmente per la revisione della vita utile dei software di proprietà che ha comportato un aumento della durata media di ammortamento delle attività immateriali.

Il Cost/Income ratio è risultato pari a 32% a fronte del 30% registrato nel 2017.

L’utile netto consolidato si è attestato € 834 milioni, in lieve diminuzione (-4%) rispetto a quello del 2017 (€ 871 milioni). Al netto delle componenti non ricorrenti, che nel 2018 includono un onere straordinario di € 25 milioni sostenuto per la definizione di una controversia fiscale, l’utile è risultato pari a € 886 milioni, rimanendo sostanzialmente in linea (-1%) con l’esercizio 2017.

I coefficienti patrimoniali consolidati di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking si confermano ampiamente al di sopra dei livelli minimi richiesti dalla normativa. In particolare, al 31 dicembre 2018 il Common Equity Tier 1 ratio è risultato pari a 20,1 %.

 

Fideuram Ispb: parla l’amministratore delegato e direttore generale, Paolo Molesini

A margine della comunicazione dei sopracitati dati, l’ad e dg Paolo Molesini ha ribadito con le sue dichiarazioni l’importanza del lavoro svolto dalla rete: “I risultati raggiunti nel 2018, un anno particolarmente complesso in cui i mercati hanno registrato performance negative in quasi ogni comparto, sono in linea con quelli del bilancio precedente: l’utile lordo di circa 1,3 miliardi e la raccolta netta superiore ai 10 miliardi confermano la validità del nostro modello di servizio, resiliente, sostenibile e basato sulla relazione con il cliente, gestita grazie ai migliori professionisti della consulenza. Essere riusciti a mantenere la rotta in questa fase di tensione economica e finanziaria conferma la qualità del lavoro svolto ogni giorno dalle nostre persone: private banker, manager, personale di sede e delle società controllate. Abbiamo investito in modo particolare nella formazione delle nostre reti – Fideuram, Sanpaolo Invest e Intesa Sanpaolo Private Banking – perché in fasi complesse come quella attuale chi è più solido deve puntare sul miglioramento continuo delle competenze, sull’innovazione e sulla professionalità, per garantire un servizio capace di anticipare e guidare le scelte di investimento. Grazie allo sviluppo internazionale intrapreso dal nostro Gruppo, infine, siamo in grado di perseguire nuove opportunità di crescita, in nuovi mercati e con nuovi strumenti di gestione, contribuendo così al disegno strategico delineato nel Piano d’Impresa 2018 – 2021”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Oggi su BLUERATING NEWS: BlueAcademy, la convention di Allianz Bank FA

Superpopolare al bivio della megafusione

Truffa diamanti, le banche si difendono

Banca Sella: quotazione? No grazie

BinckBank sfoggia un super utile operativo

Foti (Fineco): tre pilastri per vincere la battaglia sui margini

Mps, Morelli apre ad una alleanza

Banque Syz, Eric passa il testimone di ceo

Certifica, Bnp Paribas: mini future per tutti i gusti

Fineco, top entry in riva al lago

Cara rete, pensavi solo ai soldi?

Deutsche Bank FA, trittico d’autore

Oggi su BLUERATING NEWS: Masse boom per Banca Generali, la consulenza conquista l’impresa

Allianz Bank, gestito e vita per un 2018 da ricordare

Banca Generali, masse record e l’utile batte le stime

Mediolanum, la consulenza non s’inventa

Unicredit chiude in bellezza il 2018

Deutsche Bank PB, ingresso d’esperienza nel private bresciano

Intesa e Unicredit alla prova dei numeri 2018

Mediolanum, il tech dal volto umano

Oggi su BLUERATING NEWS: la private bank svizzera di Intesa, l’utile di Deutsche Bank

Poste Italiane, l’app Bancoposta controlla le tue spese

IWBank PI, scene da una convention

Intesa SP, nasce la private bank svizzera

Bnl Bnp Paribas LB: Rebecchi schiera l’11 post convention

La favola dell’Uomo Ragno bancario

Banca Mediolanum: il risk management diventa futuristico

Oggi su BLUERATING NEWS: i campioni 2018 di Assoreti, la fusione Unicredit-SocGen

Ubi Banca: ecco il calendario degli eventi societari

Consultinvest e Pir, avviso ai naviganti

Bnl Bnp Paribas LB: il consulente diventa patrimoniale

Consulenti: i nuovi orizzonti del business

Hypo Alpe-Adria Bank, la filiale italiana è in vendita

Ti può anche interessare

Fineco, impressioni (positive) di settembre

Nel mese appena trascorso la società guidata da Alessandro Foti ha messo a segno una raccolta nett ...

Nasce lo “spin off” di Nafop: il profilo di AssoScf

Come è ormai risaputo, la logica della esclusività in materia di rappresentanza figlia del nuovo R ...

Ingiusto pagare i costi di verifica di assegni circolari

Un cliente si è visto addebitare il costo per il mancato pagamento di un assegno circolare postale, ...