Fideuram Ispb: raccolta sì, utile nì

A
A
A
Avatar di Redazione14 febbraio 2019 | 10:07

Fideuram Ispb saluta il 2018 con una raccolta da leccarsi i baffi, ma il resto del bilancio è senza particolari acuti. Masse, utile e numero di professionisti sono infatti praticamente stabili. E’ questa, in estrema sintesi, la fotografia dei dati comunicati dalla società relativi ai risultati d’esercizio e consolidati al 31 dicembre 20182. Ma vediamo il dettaglio degli stessi

Fideuram Ispb: ecco il dettaglio dei conti 2018

 

Il totale delle masse amministrate dal Gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking al 31 dicembre 2018 risultava pari a € 213,1 miliardi, in lieve diminuzione (-2%) rispetto al 31 dicembre 2017 (€ 216,6 miliardi). L’evoluzione delle masse rispetto alla fine del 2017 è riconducibile alla performance negativa dei mercati finanziari, che ha inciso in misura sfavorevole sui patrimoni per circa € 13,7 miliardi, parzialmente compensata dall’ottimo risultato di raccolta netta (€ 10,2 miliardi). L’analisi per aggregati evidenzia come la componente di risparmio gestito, pari a € 147 miliardi, rappresenti quasi il 70% delle masse amministrate.

Il totale delle masse amministrate dal Gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking al 31 dicembre 2018 risultava pari a € 213,1 miliardi, in lieve diminuzione (-2%) rispetto al 31 dicembre 2017 (€ 216,6 miliardi). L’evoluzione delle masse rispetto alla fine del 2017 è riconducibile alla performance negativa dei mercati finanziari, che ha inciso in misura sfavorevole sui patrimoni per circa € 13,7 miliardi, parzialmente compensata dall’ottimo risultato di raccolta netta (€ 10,2 miliardi). L’analisi per aggregati evidenzia come la componente di risparmio gestito, pari a € 147 miliardi, rappresenti quasi il 70% delle masse amministrate.

Al 31 dicembre 2018 le masse amministrate in regime di consulenza a pagamento ammontavano a € 36,3 miliardi, pari a oltre 17% delle masse totali.

L’attività commerciale del 2018 ha registrato una solida performance, che ha visto le reti distributive conseguire una raccolta netta di € 10,2 miliardi (€ 12,2 miliardi nel 2017) nonostante un contesto di mercato decisamente più complesso rispetto a quello del 2017. L’analisi per aggregati mostra che la raccolta netta di risparmio gestito si è attestata a € 3,6 miliardi (€ 11,6 miliardi nel 2017) mentre quella di risparmio amministrato è risultata pari a € 6,6 miliardi (€ 0,6 miliardi nel 2017), riflettendo un orientamento più conservativo dei flussi di risparmio legato alla congiuntura di mercato.

Al 31 dicembre 2018 il numero complessivo dei private banker delle Reti risultava pari a 5.995 (5.990 ad inizio anno), con un portafoglio medio pro-capite pari a circa € 36 milioni.

L’analisi dei principali aggregati del Conto Economico evidenzia che nel 2018 le commissioni nette sono risultate pari a € 1.701 milioni, in linea con il saldo di € 1.710 milioni registrato nell’esercizio precedente. Le commissioni nette ricorrenti, componente predominante del margine commissionale (circa 94%), hanno continuato a dare stabilità ai ricavi risultando pari a € 1.605 milioni, in crescita del 2% rispetto al 2017 (€ 1.578 milioni). Tale andamento riflette principalmente la crescita delle masse medie di risparmio gestito, passate da € 145,9 miliardi nel 2017 a € 152,3 miliardi nell’esercizio 2018 (+4%). Nel 2018 il margine commissionale ha beneficiato molto limitatamente (€ 10 milioni) del contributo riveniente da commissioni di performance che, peraltro, erano risultate poco significative anche nel 2017 (€ 27 milioni). Le spese di funzionamento, pari a € 596 milioni, hanno evidenziato un moderato incremento (+4%) rispetto al saldo dello scorso esercizio (€ 575 milioni). L’analisi di dettaglio mostra che le spese del personale, pari a € 350 milioni, hanno registrato un incremento del 6% legato principalmente al rafforzamento dell’organico (+102 risorse) soprattutto nell’area commerciale. Le altre spese amministrative, pari a € 236 milioni, hanno segnato un aumento di € 8 milioni (+4%) connesso in larga parte a progetti di sviluppo previsti nel piano d’impresa. Le rettifiche di valore nette su attività materiali e immateriali (€ 10 milioni) sono diminuite di € 6 milioni principalmente per la revisione della vita utile dei software di proprietà che ha comportato un aumento della durata media di ammortamento delle attività immateriali.

Il Cost/Income ratio è risultato pari a 32% a fronte del 30% registrato nel 2017.

L’utile netto consolidato si è attestato € 834 milioni, in lieve diminuzione (-4%) rispetto a quello del 2017 (€ 871 milioni). Al netto delle componenti non ricorrenti, che nel 2018 includono un onere straordinario di € 25 milioni sostenuto per la definizione di una controversia fiscale, l’utile è risultato pari a € 886 milioni, rimanendo sostanzialmente in linea (-1%) con l’esercizio 2017.

I coefficienti patrimoniali consolidati di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking si confermano ampiamente al di sopra dei livelli minimi richiesti dalla normativa. In particolare, al 31 dicembre 2018 il Common Equity Tier 1 ratio è risultato pari a 20,1 %.

 

Fideuram Ispb: parla l’amministratore delegato e direttore generale, Paolo Molesini

A margine della comunicazione dei sopracitati dati, l’ad e dg Paolo Molesini ha ribadito con le sue dichiarazioni l’importanza del lavoro svolto dalla rete: “I risultati raggiunti nel 2018, un anno particolarmente complesso in cui i mercati hanno registrato performance negative in quasi ogni comparto, sono in linea con quelli del bilancio precedente: l’utile lordo di circa 1,3 miliardi e la raccolta netta superiore ai 10 miliardi confermano la validità del nostro modello di servizio, resiliente, sostenibile e basato sulla relazione con il cliente, gestita grazie ai migliori professionisti della consulenza. Essere riusciti a mantenere la rotta in questa fase di tensione economica e finanziaria conferma la qualità del lavoro svolto ogni giorno dalle nostre persone: private banker, manager, personale di sede e delle società controllate. Abbiamo investito in modo particolare nella formazione delle nostre reti – Fideuram, Sanpaolo Invest e Intesa Sanpaolo Private Banking – perché in fasi complesse come quella attuale chi è più solido deve puntare sul miglioramento continuo delle competenze, sull’innovazione e sulla professionalità, per garantire un servizio capace di anticipare e guidare le scelte di investimento. Grazie allo sviluppo internazionale intrapreso dal nostro Gruppo, infine, siamo in grado di perseguire nuove opportunità di crescita, in nuovi mercati e con nuovi strumenti di gestione, contribuendo così al disegno strategico delineato nel Piano d’Impresa 2018 – 2021”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mediolanum, il ruolo sociale del banker

Credem, virata fintech per lo sconto dinamico

Hsbc si prepara a tagliare 35.000 posti di lavoro

Mediolanum: il 2020 inizia col botto, in attesa dei Pir

Truffe bancarie, rimborsi anticipati

La vecchia banca perde valore

Mediolanum: i consigli al cf per spiegare i multipli ai clienti

Banche, ecco le pagelle della Bce

Fineco racconta la sua Mifid 2

Allianz Bank FA, i “top level” di Neuberger per i clienti

Doris e Nagel, sposi perfetti

Banche, il rendimento è sempre più giù

Mediolanum chiude il 2019 in bellezza: super raccolta e bonus per i fb

Reti Champions League: Mossa-Rebecchi, la finale degli invincibili

Banche, Fabi propone patto occupazione

Fineco, 3 scelte di cui essere fieri

Stangata sul Monte Paschi

Banche, una leva da far paura

Banche, gli utili d’oro non fermano i tagli

Banca Generali, nuova offerta Etica per i consulenti

Banche, incubo margini

Mediolanum, gran reclutamento a ottobre

Unicredit, 1 miliardo per la sostenibilità

Banche, il fintech ammazza i ricavi

Widiba, contaminazione salentina

Consulenti, il fascino discreto della filiale

Banche, primi passi verso Basilea 3

Le banche italiane aumentano la liquidità con il tiering della Bce

Banche, 9 miliardi di utili ma meno dipendenti

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Mediolanum, Doris promette un utile 2019 da record

Mediolanum, il trimestre regala masse record e dividendo

Rendiconti ex Mifid 2 e trasparenza, Mps in prima linea

Ti può anche interessare

Un anno in crescita per Lombard Odier

Un utile operativo di 1,2 miliardi di franchi, in crescita del 6% rispetto al 2017.. E’ il risulta ...

Banca Euromobiliare, serata elegante in quel di Firenze

Presenti oltre 150 ospiti tra clienti e consulenti della provincia di Firenze all'evento dell'istitu ...

Reti Champions League: Mossa-Rebecchi, la finale degli invincibili

Alla fine la finale annunciata si è avverata. Banca Generali e Bnl Bnp Paribas Life Banker battono ...