Fideuram Ispb, Molesini carica la truppa

A
A
A
di Marcello Astorri 14 Febbraio 2019 | 10:00
L’amministratore delegato del Gruppo ha sottolineato i meriti della rete durante l’ondata di vendite a fine anno

“L’asset migliore di Fideuram? La nostra rete di 6 mila banker”. A dirlo è Paolo Molesini, amministratore delegato di Fideuram Ispb, in un’intervista rilasciata a Il Sole 24 Ore. Un capitale di competenza che ha permesso al Gruppo, nonostante la crisi dei mercati, di mantenere gli utili stabili e una raccolta netta di 10 miliardi di euro. “Il modello della rete si è rivelato vincente per la maggiore vicinanza al cliente rispetto alle reti bancarie”, ha sottolineato Molesini, “il nostro è un mercato della fiducia, non della finanza e avere un contatto diretto con cliente permette di aiutarlo a non sbagliare”.

Fideuram Ispb: il ruolo della rete di consulenza finanziaria

Per il capo di Fideuram Ispb il ruolo della rete è stato importante durante la seconda parte del 2018, quando l’emotività ha amplificato l’ondata di vendite per restare liquidi. “In dicembre alcuni clienti si sono preoccupati”, racconta Molesini a Il Sole, “lasciando prevalere la componente emozionale sulla razionalità e trascurando, talvolta, i consigli dei private baneker”. Questo, secondo il dirigente, ha impedito di sfruttare il maxi rimbalzo di gennaio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fideuram Ispb, la migliore rete digitale e social

CheBanca!, una valanga di nuovi ingressi per la rete

Procapite: ISPB regina incontrastata, anche del gestito

NEWSLETTER
Iscriviti
X