Fideuram ISPB: mano tesa verso gli imprenditori

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti19 febbraio 2019 | 10:24

Il mondo dell’impresa è sicuramente un target di clientela di assoluta importanza per Fideuram ISPB. A ribadirlo è stato l’intervento di Paolo Molesini, AD Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking nel corso del Convegno “Wealth Management: nuovi strumenti ed allocazioni alternative” organizzato lo scorso 18 febbraio da Muzinich & Co. presso Palazzo Mezzanotte, a Milano.ù

“Abbiamo un grande rapporto con gli imprenditori. Abbiamo partecipato a tutte le spac in Italia e seguiamo con interesse e attenzione tutte le iniziative indirizzate al sistema produttivo. Oltre a distribuire prodottiche vanno verso l’economia reale, Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking osserva anche il punto di vista dell’imprenditore: i bisogni dei clienti imprenditori sono principalmente di tue tipologie. Da un lato, ci sono le esigenze dettate dall’impresa nei suoi diversi stadi del ciclo di vita: dalla fase di start-up a quella di consolidamento, passando per le diverse fasi intermedie di sviluppo, fino all’eventuale exit, ovvero alla gestione del passaggio generazionale del management che della proprietà. Dall’altro, vi sono le esigenze patrimoniali di più ampio respiro che includono anche gli ambiti familiari legati alla protezione e alla pianificazione successoria. Per stare al passo con le esigenze dei nostri clienti imprenditori, abbiamo creato una linea di servizio dedicata, che abbiamo chiamato “Private Wealth Management” con l’obiettivo di marcarne l’ampiezza del servizio, che abbraccia la consulenza patrimoniale intesa nel senso più ampio” ha affermato Molesini..

L’ammistratore delegato ha colto l’occasione anche per sottolineare alcune nuove proposte di investimento legate all’universo Fideuram ISPB: “Dal 12 febbraio i clienti di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking hanno la possibilità di sottoscrivere, nuovamente, il fondo Fideuram Alternative Investments – Mercati Privati Globali; il primo fondo sui mercati privati multi/asset (private equity, private debt, infrastructure e real estate) con soglia di accesso a 100 mila euro destinato a una clientela non professionale realizzato per consentire l’accesso all’economia reale attraverso investimenti in aziende non presenti sui mercati quotati e in grado di creare valore nel tempo”.

“Già lo scorso anno le tre reti della divisione private di Intesa Sanpaolo (Fideuram, Intesa Sanpaolo Private Banking e Sanpaolo Invest) hanno collocato nel Fondo Fideuram Alternative Investments – Mercati Privati Globali 384 milioni di euro. Il Fondo è stato sottoscritto da migliaia di clienti: l’obiettivo è quello di allargare la platea di quanti possano cogliere opportunità di investimenti fin qui accessibili solo a investitori istituzionali, mi riferisco in particolare a una clientela denominata «upper affluent»”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Reti Champions League, collegamenti impossibili

Azimut, la raccolta è sempre un piacere

Tutto pronto per il Forum Nazionale sulla Consulenza Finanziaria

Consulenza e polizze vita, un corso per conoscerle meglio

Copernico Sim, la rivoluzione della consulenza evoluta

Quando la consulenza è una questione morale

Fineco, il titolo inciampa dopo il dietrofront di BlackRock

Consulenti, IWBank PI è pronta ad accelerare

Reti e consulenza, i pionieri della fee only

Dal prodotto al servizio: la consulenza finanziaria income based

Consulenza indipendente: botta e risposta con il neo Vice Presidente di AssoSCF

Consulenza finanziaria e costi: a ITForum una tavola rotonda per parlarne

Consulenti, i CF webinars sbarcano al Salone del Risparmio

ITForum Rimini 2019: Programma formativo sempre più ricco

Reti, raccolta ancora in marcia. Riparte il gestito

Salone del Risparmio, Legg Mason GAM: “Azioni: è giunto il tempo delle strategie unconstrained”

Reti e controversie, ecco quelle più coinvolte

Cosa Banksy può insegnare a un consulente finanziario

Scm Sim, la perdita triplica

Reti: come emozioni e scelte di investimento impattano sull’offerta

Consulenza, due contratti che sono due incubi

Consulenti autonomi e scf, c’è il corso di sopravvivenza

Questionari Mifid 2, i principi Esma sono ancora un miraggio

Banca Euromobiliare e la metafora spaziale

Il consulente incompetente

Azimut, ecco il nuovo dream team

Consulenza: ritorno al futuro

Consulenza e trasparenza costi: una polemica sterile

Consulenza, ecco le linee guida per l’informativa su costi ed oneri

Consulenza finanziaria, chi è maestro americano destinato a rivoluzionarla

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Ocf: nuovo comitato consultivo, buona la prima

La consulenza deve diventare grande

Ti può anche interessare

Consulenza finanziaria e costi: a ITForum una tavola rotonda per parlarne

Giovedì 13 giugno 2019, all’interno di ITForum di Rimini si terrà una Tavola rotonda dal ti ...

Azimut, il gestito torna a correre

Nel mese di novembre il gruppo ha messo a segno una raccolta netta positiva per circa 355 milioni di ...

Südtirol Bank pesca da Mediolanum

Il team di Peter Mayr e Christian Lato si rafforza a Pistoia. ...