Consulenti, 2 sospesi e 1 radiato a febbraio

A
A
A
Avatar di Redazione 4 Marzo 2019 | 12:07

Dopo un dicembre molto movimentato (9 provvedimenti) e un gennaio che aveva visto calare le delibera di vigilanza a 5, prosegue il cammino “virtuoso” dei provvedimenti con 3 iniziative che si sono svolte a febbraio.

Si parte con la delibera 1012, in merito alla sospensione cautelare dall’esercizio dell’attività di consulente finanziario per un periodo di un anno nei confronti del Sig. Emanuele Cappello. Una vicenda derivante dal fatto che il Sig. Emanuele Cappello risulterebbe indagato in un procedimento come da ordinanza applicativa della misura cautela trasmessa dalla Procura della Repubblica. L’OCF infatti può disporre in via cautelare, per un periodo massimo di un anno, la sospensione cautelare del consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede che sia sottoposto ad una delle misure cautelari personali del Libro IV, Titolo I, Capo II, del codice di procedura penale o che abbia assunto la qualità di imputato ai sensi dell’art. 60 dello stesso codice in relazione ai seguenti reati: a) delitti previsti nel titolo XI del libro V del codice civile e nella legge fallimentare; b) delitti contro la pubblica amministrazione, contro la fede pubblica, contro il patrimonio, contro l’ordine pubblico, contro l’economia pubblica, ovvero delitti in materia tributaria; c) reati previsti dal titolo VIII del TUB; d) reati previsti dallo stesso d.lgs. n. 58/1998;

La seconda delibera è la 1013, inerente sospensione cautelare dall’esercizio dell’attività di consulente finanziario per un periodo di un anno nei confronti del Sig. Stefano Giovanni Pagni. Un provvedimento derivante dal fatto che il Sig. Pagni avrebbe acquisito la qualità di imputato in un procedimento penale.

Infine la delibera 1014 riguarda la radiazione del sig. Gianluca Iob dall’albo unico dei consulenti finanziari. Nel dettaglio l’Ufficio Vigilanza Albo, in esito alle valutazioni effettuate sulla base delle risultanze acquisite nel corso dell’attività di vigilanza, ha contestato, tra l’altro, al Sig. Gianluca Iob, ai sensi dell’art. 196, comma 2, del TUF, la violazione delle seguenti disposizioni del Regolamento Intermediari adottato con delibera Consob n. 20307 del 15 febbraio 2018:
− art. 158, comma 1, (già art. 107, comma 1 del previgente regolamento intermediari adottato con delibera Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007) per aver acquisito, mediante distrazione a favore di terzi, la disponibilità di somme di pertinenza dei clienti;
− art. 159, comma 7 (già art. 108, comma 7, del previgente regolamento intermediari, adottato con delibera Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007) per avere utilizzato i codici di accesso personali ai rapporti di pertinenza dei clienti;

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fee only, la fiammata delle nuove leve

Mediolanum, tutti i nuovi ingressi di marzo

Assoreti, un appuntamento per capire il futuro della professione

NEWSLETTER
Iscriviti
X