Consulenti dalla barba educata

A
A
A
di Matteo Chiamenti 7 Marzo 2019 | 10:44

Proseguiamo il nostro viaggio nel mondo della barberia, ma questa volta ribaltiamo la prospettiva. Il nostro obiettivo non sarà capire come raderci al meglio, bensì comprendere come portare con eleganza quella che fino a pochi anni fa era un tabù negli ambienti di rappresentanza: la barba. La premessa è d’obbligo: con questa trattazione non vogliamo sdoganare acconciature bizzarre che troppo spesso appesantiscono i nostri occhi, a partire dall’avvento dei cosiddetti “hipster”. Piuttosto vogliamo celebrare ancora una volta il buon gusto della cura di noi stessi e della nostra immagine a tutto tondo.

Il tempo di crescita giusta

Abbiate pazienza. Se è vero che troppa barba stona, troppo poca è insipida. Una barba curata richiede un minimo di lunghezza per renderla tale. Piuttosto che una peluria accenata, meglio un viso rasato. L’eleganza richiede il coraggio delle scelte decise. Proposte con il gusto della moderazione.
Preparatela bene

I primi tempi, compresa la fase iniziale di crescita, i peli saranno ispidi e il prurito vi accompagnerà. Ammorbiditeli e alleviate il vostro fastidio con il supporto di un opportuno balsamo cura barba. Se cercate un interessante compromesso tra qualità e prezzo, un’idea potrebbe essere quella di provare il Wood and spice di Proraso.

E’ tempo di disegnare

Quando avrete raggiunto la giusta “consistenza”, è il momento di passare alla parte più divertente e creativa, quella della definizione del vostro profilo. Armatevi di rasoio di sicurezza (o a mano libera, per i più impavidi) e scegliete il look che vi rappresenta meglio. Senza eccedere. In linea generale per visi rotondi e squadrati è consigliabile una maggiore lunghezza della barba, ricordandosi di tenere corti i lati, mentre per i volti ovali c’è più libertà. Discorso opposto per i triangolari: date corpo alla parte esterna.

Prendetevene cura

La cura di una barba richiede un’attenzione puntuale alla lunghezza e ai contorni della stessa. Fondamentale, oltre al sopracitato rasoio, anche la presenza di un regolabarba. Un utile alleato per una piacevole riuscita estetica è l’olio da barba, parente maturo del balsamo, adatto quando la fase di crescita è terminata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, una sbarbata d’estate

NEWSLETTER
Iscriviti
X