Day after Bce, titoli bancari col fiato corto

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 8 Marzo 2019 | 11:32
Dopo la discesa di ieri, risale lo spread. Continua la scarsa vena dei titoli del credito

L’annuncio della Bce di Mario Draghi  di nuovi prestiti agevolati alle banche è una buona notizia per il comparto del credito. Tuttavia, le revisioni al ribasso per le stime di crescita del pil e inflazione dell’eurozona hanno fatto temere agli investitori che le nuove misure espansive non siano sufficienti a rilanciare l’economia.  Inoltre, i tassi confermati a zero almeno fino a fine 2019 potrebbero erodere i margini d’intermediazione delle banche. Così ieri sono andati in sofferenza i titoli bancari a Piazza Affari. E si sono compressi i rendimenti dei titoli di Stato, tra cui il Btp decennale che ha ridotto lo spread con i Bund tedeschi fino a 241 punti base. Nel day after, invece, lo spread è risalito nella prima parte della seduta, ma si è comunque tenuto sotto la soglia dei 250 punti. Continua la sofferenza di titoli bancari come Intesa Sanpaolo e Unicredit, che nella prima parte di giornata hanno perso oltre l’1%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bce, analisi Trim: le banche hanno sottovalutato i rischi

Banche, la Bce verso le cedole

Banche, la spinta sui mercati arriva dalla Bce

NEWSLETTER
Iscriviti
X