Credem, spinta alla consulenza indipendente

A
A
A

Il gruppo emiliano ha presentato le strategie per il wealth management e l’oultook sui mercati per il 2019

Andrea Telara di Andrea Telara19 marzo 2019 | 15:04

Un servizio di consulenza finanziaria indipendente attraverso la controllata Euromobiliare Advisory Sim. E’uno dei pilastri dell’offerta del gruppo Credem, che oggi ha presentato le proprie strategie di sviluppo nel settore del wealth management. La consulenza indipendente di Euromobiliare Advisory Sim è un servizio destinato ai clienti di fascia alta classificati come Hnwi con patrimonio superiore ai 5 milioni di euro e si caratterizza, secondo quanto riporta un comunicato della società, “per l’ampia gamma di strumenti finanziari trattati e dall’assenza di accordi di collocamento e incentivi monetari, con un’offerta di servizio che può avvenire sia in modalità autonoma, sia in via congiunta al servizio ricezione trasmissione ordini”.

L’area wealth management del Gruppo Credem è coordinata da Paolo Magnani (nella foto a destra) ed è composta da sei società (tutte controllate al 100% da Credem tranne Credemassicurazioni al 50% con Reale Mutua) che operano a supporto delle reti commerciali di Credem e Banca Euromobiliare nei servizi di investimento, nella consulenza patrimoniale e di gestione del risparmio, in ambito assicurativo e fiduciario. In particolare Euromobiliare Advisory Sim opera appunto nei servizi di gestione di patrimoni, di consulenza finanziaria indipendente e fornisce anche servizi di wealth management.

Euromobiliare Asset Management Sgr è invece la società di gestione e sviluppa soluzioni di investimento principalmente per le reti del gruppo. Credemvita e Credemassicurazioni (quest’ultima in partnership al 50% con Reale Mutua) sono attive nel mercato assicurativo, mentre nell’erogazione di servizi fiduciari è presente Euromobiliare Fiduciaria. A partire da marzo 2019, inoltre, l’area si è dotata anche di una struttura di private market e illiquid assets, dove è ricompresa Credem Private Equity.

Le linee guida su cui il gruppo sta lavorando nel settore del wealth management sono: potenziamento e sviluppo dell’area dei servizi assicurativi sia ramo vita sia danni, ampliamento della gamma prodotti gestiti con nuovi fondi tra cui uno sui non performing loans e uno di private debt, focus su investimenti tematici legati ai megatrend e alla tecnologia, integrazione dei criteri di sostenibilità ambientale, sociale e di governance nel processo di investimento.

Nella bancassurance, attraverso la joint venture con Reale Mutua, Credemassicurazioni punterà su prodotti di protezione della salute, tutela del patrimonio e welfare. Con Credemvita proseguirà invece l’espansione nel Ramo I e nel Ramo III.

 

Gianmarco Zanetti (nella foto a sinistra), direttore generale di Euromobiliare Advisory Sim ha ricordato come “Euromobiliare Advisory SIM nasce dalla volontà di fornire come gruppo una risposta alle sfide che il sistema dovrà affrontare nel prossimo futuro nei servizi di Wealth Management. Ed allo stesso tempo consolidare e rafforzare l’importante esperienza sviluppata negli anni in termini di supporto a tutte le reti del gruppo Credem e Banca Euromobiliare per quanto riguarda i servizi di gestione patrimoniale, con 6,1 miliardi di masse in delega di gestione a fine 2018 ed i servizi in materia di investimenti, family business, art advisory, consulenza alle imprese, immobiliare, anche tramite soluzioni fintech di robo assistance.

Paolo Magnani, coordinatore dell’area Wealth Management del Gruppo Credem ha commentato: “Il contesto di mercato ci sta portando a focalizzarci sulla qualità e sulla completezza dei servizi e dei prodotti che offriamo. Vogliamo fornire al cliente un servizio globale di protezione e valorizzazione del patrimonio, non limitato al solo ambito finanziario, continuando ad investire sul digitale. Riteniamo altrettanto importante offrire nuove soluzioni di investimento, capaci di dare una maggiore diversificazione di portafoglio, a fronte di uno scenario di mercato che risulta incerto. Crediamo molto anche sul progetto degli investimenti socialmente responsabili, che ritengo non si tratti semplicemente di una moda ma di una realtà che consente di coniugare elementi di creazione di valore per il risparmiatore con una crescente sensibilità a temi ambientali, etici e sociali da parte della nostra clientela”.

Andrea Dolsa, direttore Investimenti di Euromobiliare Asset Management Sgr ha commentato: “La mission di Euromobiliare AM SGR è riassumibile in modo molto semplice: da un lato generare valore per i risparmiatori e, dall’altro, fornire il miglior servizio possibile alle reti distributive. Euromobiliare AM SGR affronta il primo tema, cioè quello della generazione di valore, declinando le proprie competenze gestionali in una gamma completa di fondi che rispondono alle diverse esigenze dei nostri clienti. Ai nostri punti di forza “storici”, e cioè quelli legati all’azionario Italia ed Europa e all’obbligazionario area Euro, abbiamo più recentemente aggiunto nuovi temi d’investimento. In particolare mi riferisco alla nostra gamma flessibile, declinata su vari livelli di profilo di rischio/rendimento, e ai nostri prodotti tematici. A breve, ed è questo tema un oggetto di particolare attenzione da parte nostra, completeremo la gamma con una linea di prodotti Esg. Quanto al secondo punto, quello del servizio alle reti, il nostro compito è, in primis, quello di fornire una comunicazione chiara, completa e tempestiva delle nostre scelte gestionali, del posizionamento dei nostri prodotti e delle prospettive che ci aspettano sui mercati. In secondo luogo riconosciamo nelle nostre reti distributive un prezioso alleato nel cogliere ed interpretare i bisogni della nostra clientela attuale e potenziale. Il nostro obiettivo è fare la differenza attraverso una product governance eccellente al servizio dei risparmiatori: questa è, per noi, ottenibile solo tramite un dialogo costante e costruttivo con le reti distributive.”


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Credem, Simone Taddei nuovo volto della gestione del personale

Credem, in arrivo 80 nuovi consulenti

Credem, virata direzione polizze

Banca Euromobiliare e la metafora spaziale

Credem, Farnè per la sinergia tra le reti

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Fondi comuni, vediamo chi è caro e chi no. Anche tra le reti…

Credem, utili record e investimenti nel wealth management

Le donne fantastiche della consulenza

Credem, reclutamenti ad alto potenziale

Credem, su Carige arriva la smentita

Credem: super wealth management e mega reclutamento entro il 2019

Credem cresce nel leasing

Consulenti come Icardi: quando il capitano cambia all’improvviso

Consulenti: Euromobiliare Advisory Sim lancia la sfida

Credem: profitti al top da dieci anni, cala la raccolta indiretta

Credem, coefficienti sopra i requisiti della Bce

Credem, tesori d’oriente

Credem, valzer di poltrone nel wealth management

Credem fa il pieno di cover bond

Credem si prende una fetta di Blue Eye

Credem, nuovi piani di sviluppo nel private

Credem, l’avanguardia nei pagamenti

Un ex Credem nel mirino di Consob

Credem continua a sostenere le Pmi

Troppe violazioni e arriva la radiazione per un ex Credem

Grossi per l’innovazione digitale di Credem

Credem cede Npl per 80 milioni

Credem punta sui giovani

Informazioni errate, stop per 4 mesi a un ex Credem

Credem cresce sotto la Madonnina

Credem mette nel mirino i grandi patrimoni

Credem sconta i problemi italiani

Ti può anche interessare

Invesco investe sui consulenti

Un'acquisizione per fornire un supporto di qualità ai consulenti finanziari UK ...

Carige, corsa a due tra Unicredit e Ubi

La famiglia Malacalza dà il via libera alla ricapitalizzazione. Intanto i commissari lavorano per t ...

Societe Generale, talent scout nel fintech

Arriva la chiamata della società per i progetti più interessanti e le start up più promettenti ...