Azimut, ecco il nuovo dream team

A
A
A

Cambia la governance. Aliberti, Basso, Blei, Guiati, Martini, Medda e Zambotti assumono deleghe, ripartendosi quelle che furono di Albarelli.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino20 marzo 2019 | 09:48

Nuova governance ai vertici di Azimut Holding, presieduta da Pietro Giuliani (nella foto), dopo l’uscita dell’amministratore delegato Sergio Albarelli (vedi notizia) seguita nelle scorse settimane da altre uscite. Al termine delle riunioni di consultazione tra gli aderenti al patto di sindacato di voto e di blocco di Azimut Holding, Timone Fiduciaria, che raccoglie oltre il 24% del capitale sociale, presenterà all’assemblea del 24 aprile le liste per la nomina del nuovo consiglio di amministrazione e collegio sindacale di Azimut Holding, in linea con quanto fatto in passato. Dalle stesse riunioni è emersa l’indicazione del nuovo management team di gruppo, in sostituzione al precedente amministratore delegato. L’intenzione è di ripartire le deleghe dell’amministratore delegato ad un team di persone, ognuna con incarichi precisi volti a sostenere la crescita e i nuovi progetti del gruppo.

In particolare Paolo Martini, attualmente responsabile distribuzione Italia e responsabile Azimut Libera Impresa SGR, ricoprirà anche il ruolo di responsabile marketing mondoAndrea Aliberti, attualmente responsabile di AZ Fund in Lussemburgo, ricoprirà il ruolo di responsabile gestione Italia. Massimo Guiati, attualmente responsabile dell’area Asia-Pacifico, ricoprirà il ruolo di responsabile distribuzione mondo, basato a Hong Kong. Giorgio Medda, attualmente basato a Dubai e responsabile del gruppo per la Turchia, Medio Oriente e Nord Africa, ricoprirà il ruolo di responsabile società prodotto mondo e si trasferirà in Lussemburgo. Claudio Basso, attualmente responsabile team multimanager in AZ Fund, ricoprirà il ruolo di responsabile gestione Lussemburgo e IrlandaAlessandro Zambotti, attualmente a capo dell’area amministrazione e finanza, viene confermato in tale ruolo con responsabilità a livello mondialeGabriele Blei, attualmente responsabile delle attività estere e business development, ricoprirà il ruolo di responsabile Azimut Mondo, con particolare attenzione ai rapporti con l’esterno (inclusa la comunità finanziaria).

“La squadra dei top manager di Azimut – ha detto Giuliani – ha già dato prova del suo valore con i risultati prodotti nei primi 3 mesi del 2019. Competenze nella gestione degli investimenti, competenze di marketing e commerciali, maturate anche all’estero, unite alla rigorosa attenzione a numeri e visione strategica fanno del team un unicum non solo in Italia ma anche in Europa. La trasformazione avvenuta negli ultimi anni ha fatto di Azimut una società con circa il 30% delle masse gestite fuori dall’Italia e il nuovo management team sarà in grado di cogliere tutte le opportunità di crescita. La velocità di reazione del nostro sistema distributivo decreterà il posizionamento del nostro Gruppo ai vertici delle classifiche italiane o mondiali. Le nostre ambizioni, basate sulle competenze presenti in Azimut e in società a noi molto vicine, ci portano ad essere ottimisti sulla possibilità di sorprendere positivamente sia i nostri clienti che i nostri azionisti”.


3 commenti

  • Avatar Mario Riva says:

    Mondo….??…maddeche’…😂😂😂

  • Avatar Kat says:

    Ormai nel settore li conosciamo tutti… e li conosciamo bene! Possono dire e scrivere quello che vogliono… Dichiarò Giuliani su MilanoFinanza: il titolo arriverà a 50 😂😂😂😂

  • Avatar Marcello says:

    Bye io mi accontenterei se arrivasse a 25😉

ARTICOLI CORRELATI

Banche e reti, i tre tori che fanno gola a Piazza Affari

Azimut, scommessa americana

Azimut, la rivincita degli ex

Azimut, la volatilità rallenta la raccolta di agosto

Reti, le montagne russe ad agosto

Cade il governo, le reti gongolano in Borsa

Borse, la crisi di governo affossa le reti

Il risiko delle reti nel segno BlackRock

Azimut, a luglio la raccolta non va in vacanza

Dividendi, ecco le reti rendono più dei btp

Reti, Mediolanum e Azimut puntano le pmi eccellenti

Azimut, un utile che fa la storia

Azimut, la raccolta rimane tonica a luglio

Azimut, benvenuto al sud

Azimut, la meglio gioventù

Performance fee, le linee guida Esma non danneggiano le reti

Reclutamenti, Azimut spinge sul Triveneto

Rendiconti Mifid 2, ecco i documenti assicurativi di Azimut

Azimut, si conclude il master sul passaggio generazionale

Azimut a Palazzo Mezzanotte, pronta per la nuova sfida

Azimut, impennata degli afflussi

Reti, quando il private equity diventa retail

Azimut mette nel mirino Banca Generali

Azimut si mette in mostra all’ombra del Vesuvio

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Caso H2O, faccia a faccia di Natixis con le reti

Azimut, largo alle donne nella rete

Azimut, alleanza con Passera

Azimut: raccolta sopra i 2 miliardi e un nuovo acquisto

Azimut, in cerca di partner e sulla rotta giusta

Azimut: Giuliani si gode la sua rivincita

Azimut, la domanda senza risposta

Azimut, inizia la svolta sulle fee

Ti può anche interessare

Fee only, Ascofind entra in Fecif

Ascofind, Associazione per la consulenza finanziaria indipendente, ha aderito a Fecif, Federazione e ...

Euclidea, Giampieri al servizio della rete

Arriva il nuovo responsabile commerciale rete ...

Bluerating News del 14/1/18: ecco tutti i protagonisti

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...