Apple Card, la nuova carta di credito della mela morsicata

A
A
A
di Hillary Di Lernia 26 Marzo 2019 | 10:26
La carta di credito targata Apple è finalmente realtà: attesa per questa estate negli USA

Apple Card: la carta di credito secondo Apple

Dal palco dello Steve Jobs Theater, Apple ha annunciato Apple Card, un “carta di credito digitale” che sarà presente nel proprio iPhone, il cui obiettivo principale è quello di aiutare l’utente a sviluppare una gestione più consapevole delle proprie finanze. Integrata nella app Wallet, offrirà a coloro i quali sono già abituati ad utilizzare Apple Pay la possibilità di gestire la propria carta di credito direttamente tramite Apple.

Sicuramente la nuova carta di credito arriverà in estate negli Stati Uniti ma non c’è alcuna informazione sull’eventuale data di uscita in Europa.

Apple lancia una nuova carta di credito con Goldman Sachs e Mastercard

Apple è riuscita a progettare e offrire questo servizio grazie alla collaborazione con Goldman Sachs e Mastercard, i quali garantiranno il supporto di una banca emittente e di una rete di pagamenti globale, così come anche annunciato qualche mese fa. (Apple lancia una nuova carta di credito con Goldman Sachs )

Come funziona Apple Card, la carta di credito della Mela morsicata

Attraverso uno stile essenziale e intuitivo, anche le richieste di assistenza ricorderanno le inconfondibili chat di messaggistica. Tra le nuove funzionalità introdotte anche Daily Cash, con la quale l’utente potrà ricevere dei rimborsi giornalieri in base a quanto speso con la carta di credito:  pari al 2% se si usa Apple Pay, del 3% se si sono comprati prodotti o servizi della Mela.

Oltre a questa carta di credito digitale, ce ne sarà una fisica e non avrà né numero, né cvv e nemmeno la firma: si verificherà e si abbinerà all’iPhone.

Apple Card, la nuova carta di credito della mela morsicata: occhio alla privacy

Anche in questo caso, è stata prestata molta attenzione al tema della privacy: Goldman Sachs non potrà cedere a terze parti i dati degli utenti e le transazioni effettuate non saranno rese note ad Apple. Inoltre l’autenticazione dei pagamenti passerà attraverso il Face ID o il Touch ID garantendo tutti i livelli di sicurezza di iOS.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati: per Amazon ed Apple trimestrali in chiaroscuro

Gli Etf arricchiscono le big tech. Da sole capitalizzano quasi il 40% del Nasdaq

Disinvestire dalle big tech? Prematuro, nonostante le nuvole all’orizzonte

NEWSLETTER
Iscriviti
X