Reti: come emozioni e scelte di investimento impattano sull’offerta

A
A
A
Avatar di Redazione 26 Marzo 2019 | 16:05

La storia recente e passata dimostra che i mercati si muovono sulla base di fattori indipendenti dai fondamentali. Eventi a forte impatto emotivo come Brexit, le crisi politiche in Europa o la guerra commerciale tra Usa e Cina, possono spingere gli investitori a prendere decisioni impulsive sull’onda delle emozioni, portando a disallineamenti temporanei nei prezzi degli asset.

Sul ruolo delle emozioni nelle scelte di investimento e sulla finanza comportamentale si focalizzerà la Conferenza di M&G Investments al Salone del Risparmio in programma il 3 aprile alle 11,30.

Juan Nevado, gestore dei fondi M&G (Lux) Dynamic Allocation e di M&G (Lux) Conservative Allocation e Maria Municchi, gestore di M&G (Lux) Sustainable Allocation Fund e vice gestore di M&G (Lux) Income Allocation Fund, saranno sul palco per raccontare l’approccio distintivo basato su elementi di finanza comportamentale del team Multi Asset di M&G e mostrare come riconoscere gli episodi in cui le emozioni prevalgono sull’analisi dei fondamentali creando opportunità interessanti. Anche nell’ambito di investimenti ESG e Impact.

L’incontro proseguirà con una tavola rotonda durante la quale Matteo Astolfi, Country Head Italy & Greece di M&G si confronterà con i rappresentanti di tre delle principali reti di distribuzione italiane, Anna Bagella di Banca Fideuram, Edoardo Fontana Rava di Banca Mediolanum e Claudia Vacanti di Banca Generali,sulle sinergie messe in campo da società di prodotto e di distribuzione per sviluppare servizi rivolti ad aiutare il risparmiatore a gestire al meglio le emozioni.

La conferenza di M&G è accreditata EFPA.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Elio Conti Nibali e quei ricordi dell’ufficio

Consulenza finanziaria, sostenibilità solo di facciata

Consulenza e coronavirus, un sondaggio svela come ci stiamo comportando

Consulenza e trasparenza dei costi, le osservazioni di Federpromm

Il Paese dove il consulente è nudo

Banca Generali, il migliore anno di sempre

Consulenti, Mifid 3 sarà solo una toppa

Consulenza, come sarà il wealt management nel 2025

Poste Italiane, consulenza ad ampio raggio

Consulenza e certificati al FeeOnly di Verona

Credem, destinazione innovazione

Consulenza e illiquidi, tra rivoluzione e rischi

Consulenza, l’industria tiene ma senza più i fasti

Il contributo della consulenza all’educazione finanziaria degli investitori

Consulenza fiscale, Mediolanum spiega gli Indici Sintetici di Affidabilità

Private banking in Italia, ecco quanto vale e chi comanda

Le truffe dei consulenti, viste dal fee only

Consulenza e trasparenza costi: per ora è un mezzo flop

Consulenza, l’esercito dei potenziali clienti esclusi

Rendiconti Mifid 2, è il turno di IWBank

Credem: Euromobiliare Advisory Sim rinnova gli investimenti

Allianz Bank FA, quando Mifid 2 fa rima con crescita

Consulenza d’estate, manuale di sopravvivenza

IWBank, give me five

I giovani hanno fame di consulenza

La consulenza è un gioco di squadra

Nuovi Pir, Doris boccia il governo

Mediolanum svela l’antidoto contro il male del fai-da-te

Consulenza noir: Nicaragua, i reali sauditi, il figlio di Gelli e un radiato

Mediolanum, il cliente in maglia rosa

Consulenza: il futuro delle Scf

Reti Champions League, collegamenti impossibili

Azimut, la raccolta è sempre un piacere

Ti può anche interessare

Carige, proroga per la garanzia pubblica

Il governo cerca nuovo ossigeno per Banca Carige, anche se si allontana per ora l’ipotesi di u ...

Mediolanum, il regalo speciale di Doris ai nipoti

“Qui lo dico e sono pronto a scommetterci. Non esiste in Italia migliore investimento in ottica di ...

Poste, Mifid 2 è un assist per la rete

Poste Italiane vuole assicurarsi una posizione di leadership per quanto riguarda il comparto assicur ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X