Cosa Banksy può insegnare a un consulente finanziario

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti28 marzo 2019 | 15:55

Uno stencil, della vernice spray. Tanto basta per regalare una profonda riflessione sulla contemporaneità. E da oggi, ve lo garantisco, anche sulla consulenza finanziaria.

Tra qualche giorno, precisamente il 14 aprile 2019, si concluderà la mostra “The art of Banksy- a visual protest” proposta dal Mudec di Milano. Per chi non lo conoscesse, stiamo parlando di uno degli artisti contemporanei più influenti al mondo. Il writer inglese dall’identità sconosciuta che ha nobilitato la street art con la sua critica sovversiva.

Tante opere, un’esposizione curata nel dettaglio che ripercorre la genesi concettuale dei pezzi più significativi, unitamente a una descrizione dello scenario di riferimento degli stessi. Passeggio, osservo e rifletto. Love is in the air, il dissidente pronto a lanciare il mazzo di fiori come fosse una molotov. “L’immagine di un manifestante che, in contrasto con la posa minacciosa, è armato di un mazzo di fiori anziché di una bottiglia molotov, significa una resistenza attiva ma pacifica” spiega la didascalia. Prima lezione universale: non siate conigli, se necessario siate pronti a combattere con le vostre idee, per quello in cui credete. Ma fatelo usando l’arma più spiazzante di tutte: il rispetto.

Muovendomi piano, le immagini camminano con me. La ribellione è necessaria e realizzabile. Il leopardo che fugge da una gabbia rappresentata da un codice a barre, elemento di identificazione dei costi dei prodotti, creato per velocizzare il flusso dei consumatori alle casse e che rende lo shopping ancora più meccanico e impersonale. Seconda lezione: non perdete la vostra umanità, non fatevi travorgere dalla limitatezza di una interpretazione meramente meccanica della tecnologia. Il fattore umano rimarrà essenziale.

Due nonnine dall’aria mite lavorano all’uncinetto in un tipico salotto inglese, ricamando le scritte come “Punks not dead”. Un’altra lezione: la storia è importante, le tradizioni sono imprescindibili. Ma non rifiutate la modernità per partito preso. Sappiate leggerla attraverso il vostro bagaglio di esperienza, affrontatela non perdendo di vista ciò che siete stati, ciò che avete imparato.

Questo è il mio racconto, non è la verità. E’ Banksy attraverso i miei occhi. La grandezza dell’arte, di un un artista, risiede nella forza del suo essenziale. Il comunicare universale, per tutti, con poco, senza fatica. Senza inutili sovrastrutture, parla di noi. E così anche un muro sporco può insegnare tanto, parlare a chiunque. Consulenti finanziari. Esseri umani.

 


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Consulenti autonomi e scf, c’è il corso di sopravvivenza

Lo scorso 1° dicembre è stato dato avvio alle nuove sezioni dell’Albo Unico dei Consulenti Finan ...

Carige, spuntano le telefonate di Conte nel salvataggio di stato

Il presidente del Consiglio accusato dalle opposizioni di conflitto d'interesse. Ma lui: "Assurdo pe ...

Mifid, quando il profilo del cliente è truccato

L'arbitro Consob vuole vederci chiaro. Una lista di operazioni "furbette" sulle quali è intervenuto ...