Cofip, ecco il congresso nazionale consulenza finanziaria professionale

A
A
A
Avatar di Redazione1 aprile 2019 | 12:50

I prossimi 12 e 13 aprile, a Parma, presso l’Hotel Link 124, si terrà il IV Congresso Nazionale della Consulenza Finanziaria Professionale. L’evento, sponsorizzato da MyGDI Srl, vedrà la partecipazione di oltre 160 professionisti tra consulenti e commercialisti che hanno deciso di abbracciare la causa di COFIP, l’associazione professionale iscritta al ministero dello sviluppo economico e recentemente autorizzata alla formazione professionale continua dei Dottori Commercialisti ed esperti contabili. Digital Reborn, tradotto: rinascita digitale… è questo il fil rouge della due giorni di Congresso prevista a Parma i prossimi 12 e 13 aprile.

Attorno all’evento graviteranno oltre 160 professionisti provenienti da tutta Italia, soci COFIP che hanno acquisto la qualifica di consulente finanziario professionista e che hanno imparato ad approcciare ed erogare la nuova offerta consulenziale proposta da COFIP. “Formiamo professionisti qualificati – ha spiegato Cesare Giunipero, Presidente COFIP e Dottore Commercialista – in grado di affiancare i clienti e renderli consapevoli della propria situazione economico-finanziaria. I nostri consulenti educano i clienti in ottica di monitoraggio e prevenzione attraverso strumenti di analisi digitali, innovativi e ad uso esclusivo e gestiscono le informazioni qualitative e quantitative del cliente in completa chiarezza, trasparenza e completezza con il supporto di fonti autorevoli. Attraverso la Consulenza Comportamentale – prosegue Giunipero – i nostri consulenti mirano ad ottimizzare le scelte dei clienti in termini di comprensione dei propri bisogni e di consapevolezza della propria situazione presente e prospettica.” Durante la prima giornata si parlerà di evoluzione delle normative, della professione di consulente e della così detta offerta ibrida: uomo e macchina insieme per raggiungere l’eccellenza. Si tratterà anche il vorticoso tema del Check-Up Aziendale e del livello di credibilità delle analisi.

Il tema della verifica della continuità aziendale e dei sistemi di allarme è di estrema attualità – afferma Lorenzo Veroli, vicepresidente COFIP e Dottore Commercialista – si moltiplicano soluzioni che promettono di generare report che consentano ai professionisti interessati la formalizzazione di check up. In questo campo gli standard utilizzati possono portare a risultati leggermente diversi e, nell’ottica di rappresentatività dei risultati, quanto più gli standard sono condivisi, maggiore è il livello di credibilità dell’analisi.” “A breve dovremo scegliere cosa essere – aggiunge poi Ivano Baroffio, Coordinatore della formazione COFIP – distributori di servizi o consulenti a tutto tondo… Presto saremo sommersi da portali e piattaforme tecnologiche in grado di svendere dati, report e analisi già impacchettate, pronte per essere distribuite. Molti di questi “pacchetti” saranno qualitativamente ben confezionati e, senza alcun dubbio, ci aiuteranno ad accelerare e ottimizzare il lavoro di acquisizione. Pensate sia sufficiente per aumentare la nostra redditività? Noi di COFiP siamo convinti che per farlo e per differenziarsi, sia indispensabile acquisire nuove competenze, formarsi in modo adeguato e soprattutto fare esperienza. Dovremo essere in grado di leggere e analizzare quei dati così ben impacchettati, monitorandoli a sufficienza per riuscire a formulare una diagnosi e dettare le possibili vie di prevenzione. Dovremo saper trasmettere tutto questo attraverso risposte, soluzioni e consulenza. È questo il modo giusto per affiancare i clienti, per renderli consapevoli della loro situazione economico-finanziaria e attrattivi nei confronti dei papabili finanziatori. Dunque, volendo fare un paragone con il mondo della medicina: voglio restare un medico di base o divenire un affermato specialista? Voglio limitarmi a consegnare le radiografie o preferisco essere in grado di leggerle e fornire la corretta diagnosi e, perché no, possibilmente anche la cura? Il nostro intento è quello di formare specialisti, le macchine per le radiografie le abbiamo già individuate e sono a nostra disposizione… non ci resta che intraprendere la strada giusta.”

A supporto dei membri di COFIP, interverranno poi Eliano Lodesani, Presidente di Agents4You del gruppo Intesa San Paolo e Lorenzo Frediani, Professore di Economia degli Intermediari Finanziari per l’Università di Siena. Durante la seconda giornata spazio invece agli strumenti di diagnostica individuati e selezionati dal Comitato Scientifico dell’Associazione e messi a disposizione dei propri Soci. Più nel dettaglio: MyGDI Data Collection, il servizio digitale che facilita l’acquisizione e il mantenimento del cliente; MyGDI Strong Identification, il servizio digitale che assicura il cliente con un profilo controllato, accreditato e adeguato; Be Cube Balance Score, il servizio digitale che consente una lettura approfondita del rischio percepito dal sistema finanziario nella lettura dei bilanci depositati; Be Cube Central Risks, il servizio digitale che consente una lettura approfondita della Centrale Rischi Banca d’Italia attraverso cui analizzare gli andamentali dell’azienda; Be Cube Professional Storytelling, il servizio digitale che aiuta l’imprenditore a descrivere sinteticamente il modello di generazione del valore adottato dalla propria azienda; Intelligent Real Estate, Il servizio digitale che aiuta il cliente ad ottimizzare il rendimento del suo patrimonio immobiliare. Presenzieranno infine molte realtà del settore in qualità di partner ed espositori.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Se il consulente diventa una serie tv

Consulenti e bancari: fate attenzione a cambiare società

Consulente, 6 trend che sconvolgeranno il tuo portafoglio

Allianz Bank FA, gestito e unit linked fanno bella la raccolta

Consulente, un bravo surfista che lavora in team

Consulente, quando il portafoglio ha l’immunità

Consulente, ecco cosa fare vedere al cliente che ha paura della recessione

Consulente, ecco come diventare un perfetto professionista digitale

Consulente: stay hungry, stay foolish

Consulente, ti spiego perché la stabilità è destabilizzante

Il grande sacrificio del consulente

Banca Mediolanum: l’uomo di frontiera che cavalca l’innovability

Consulente: se il cliente non ti vuole, io so il perchè

Il consulente incompetente

Consulente in crisi con l’obbligazionario: la soluzione c’è

Consulente: 5 chiavi per gestire i “no” del cliente

Oggi su BLUERATING NEWS: raccolta pir, Azimut in ascesa

BFC Education – BlueAdvisor: La pianificazione finanziaria per gli investitori

Il “buy” del consulente – 08/10/18, da Anima Holding a Wiit

Il “buy” del consulente – 05/10/18, da BasicNet a Telecom Italia

Il “buy” del consulente – 28/09/18, da Autogrill a Tecnoinvestimenti

Il “buy” del consulente – 25/09/18, da Banca Sistema a Telecom Italia

Il “buy” del consulente – 24/09/18, da Banca Ifis a Notorious Pictures

Il “buy” del consulente – 6/09/18, da A2a a Telecom Italia

Il “buy” del consulente – 5/09/18, da Elica a Unicredit

Il portafoglio per il consulente in vacanza

Consulente: non pensare al gessato, scegli di essere umano

Irregolarità con i clienti, radiato ex Fineco

ConsulenTia18/Lenti (IW Bank PI): “Consulenti, non svendetevi”

Consulente formato, mezzo salvato…parola di Mifid 2

Ti può anche interessare

Rendiconti Mifid 2, cara Consob ti scrivo

I vertici di Moneyfarm inviano una missiva all’authority che vigila sui mercati finanziari. Punzec ...

Widiba: la nuova ricetta della consulenza

Andrea Cardamone (nella foto) non è un manager come tutti gli altri. L’amministratore delegato di ...

Banca Mediolanum supera il miliardo

Raccolta di 1,1 miliardi nel primo trimestre dell’anno per la società guidata da Massimo Doris (4 ...