Bocci, il big manager di Azimut aspirante sindaco a Firenze

A
A
A
di Andrea Telara 15 Aprile 2019 | 08:20
Chi è il consulente che da oltre vent’anni lavora nella squadra di Pietro Giuliani ed è ora in lizza per la carica di primo cittadino del capoluogo toscano. Candidato con il centrodestra, sfida il sindaco uscente Nardella.

Ubaldo Bocci (nella foto), classe 1957, fiorentino doc, è iscritto all’Albo dei consulenti finanziari dal lontano 1992, cioè da quando lo stesso Albo vide per la prima volta  la luce in Italia e i consulenti si chiamavano ancora promotori finanziari. Bocci è dunque un veterano della financial advisory made in Italy ma è anche un veterano del gruppo Azimut, visto che ci lavora dal 1998, quando il fondatore Pietro Giuliani e i suoi soci avevano iniziato da poco la loro avventura imprenditoriale. Ora, dopo oltre 4 lustri di carriera, per Bocci si apre una nuova parentesi professionale. Anzi, si tratta di una nuova parentesi politica poiché il noto consulente fiorentino si è candidato a sindaco del capoluogo toscano nelle file del centrodestra, in quella che sulla carta sembra (o sembrava fino a qualche mese fa) una missione quasi impossibile: riuscire a battere il primo cittadino uscente Dario Nardella, ex delfino di Renzi, in una roccaforte storica del centrosinistra. Se venisse eletto, Bocci sarebbe il primo consulente finanziario di alto livello a diventare sindaco di una grande città.

62 anni, diploma di maturità scientifica, il candidato del centrodestra a Firenze è stato a lungo area manager e “luogotenente” di Azimut in Toscana, oltre che consigliere di amministrazione di Azimut Capital Management dal 2017 al 2019. Gli inizi della sua carriera risalgono però al 1987, nella “madre “di tutte le banche-reti Fideuram, dove è rimasto per circa 10 anni. Nella vita di Bocci, però, non c’è soltanto la consulenza finanziaria. Iscritto in gioventù all’Msi, ha sposato poi posizioni più moderate nel cattolicesimo liberale. Forte anche il suo impegno nell’associazionismo religioso, in veste di presidente (oggi dimissionario) dell’Unitalsi, organizzazione che si occupa di assistenza ai disabili e di trasporto degli ammalati a Lourdes o nei santuari internazionali. Dopo la consulenza finanziaria e l’associazionismo, ora arriva la parentesi politica in consiglio comunale. La sida a Nardella è appena partita.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, il migliore private & wealth management

Azimut, un nuovo accordo a tinte verdeoro

Azimut: raccolta positiva per un mld di euro

NEWSLETTER
Iscriviti
X