Il grande sacrificio del consulente

A
A
A
Avatar di Redazione15 aprile 2019 | 09:12

L’altare è quello del “sistema”. Il consulente finanziario, come individuo e come professionista è stato “sacrificato”. Lo dice Manlio Marucci, segretario generale di Federpromm in una lettera aperta alla categoria che vi riportiamo di seguito. E voi come la pensate? Diteci la vostra nei commenti.

L’ambito di attenzione in cui si va sviluppando da tempo un ampio confronto su temi legati a tutta l’area dell’intermediazione finanziaria, al ruolo politico e sociale svolto dalla figura del Cf  nelle varie articolazioni del rapporto lavorativo legato all’interno del circuito delle reti di collocamento, ha messo in evidenza criticità strutturali e assunto posizioni divergenti da parte di molti stakeholders sulle azioni conseguenti per arginare il fenomeno del ricambio generazionale ma soprattutto del mantenimento del livello di indipendenza e di soddisfazione economica da parte di molti professionisti .

Sull’argomento di recente è intervenuto con enfasi e con un pizzico di nostalgia l’articolista Luigi dell’Olio (La Repubblica –A&F del 25 marzo 2019) che ha sottolineato come la figura del “Consulente finanziario non è un lavoro per giovani” citando alcuni dati tratti dall’Organismo di tenuta dell’albo (OCF). In particolare le criticità evidenziate nel citato articolo derivano  dal fatto che per intraprendere tale attività professionale “si richiede una certa massa critica per essere profittevole”,  senza porsi le ragioni oggettive e il problema vero derivante dal modello di struttura con cui si sono mantenuti i vincoli contrattuali (sin dalla nascita della legge sulle Sim del 1991) del rapporto di lavoro con tale figura professionale da parte delle società che ha determinato in via predominante se non “esclusiva”  l’applicazione di un contratto agenziale a tutto vantaggio delle stesse società  mandanti (Banche e Sim).  Ne  è  seguito –senza falsi  drammi – come a distanza di 30anni  il livello anagrafico di tali operatori sia oggi abbondantemente sopra la media dei 50/60 anni (oltre il 47,5% rilevati dal campione) con una ricaduta sulle politiche di recruting che ha fatto esplodere una serie di contraddizioni sottostanti al tipo di strategie delle reti che – in concorrenza tra loro nell’ accaparrarsi i migliori consulenti –  ha “bloccato” orizzontalmente il sistema del passaggio generazionale. Un sistema sicuramente premiante per i consulenti  che avendo consolidato il proprio portafoglio negli anni seguendo la logica del brand e delle riassegnazioni dei clienti oggi vivono una posizione di vantaggio relativo rispetto a coloro che non sono stati scaltri e furbi e, molto spesso, costretti ad uscire dopo poco tempo per “necessità”  dal circuito della cd promozione finanziaria.

Per obiettività di analisi sul piano storico e con la lente degli strumenti della sociologia critica  forse oggi è più che mai necessario – utile allo stesso sistema – parlare anche e “soprattutto” delle cause endogene, delle concause, che hanno portato a tale stasi in cui versa il settore di tutta l’intermediazione finanziaria, creditizia ed assicurativa ,  circoscrivendo il problema nel quadro più generale delle dinamiche della crisi del mercato del lavoro che ha visto transitare in tutta l’area dell’intermediazione finanziaria, creditizia  e/o assicurativa in questi ultimi venticinque anni  oltre 600mila figure professionali  – a fronte di un organico  di appena 30mila operatori qualificati – che prestano consulenza finanziaria.  Un errore imperdonabile e di “miopia politica” che oggi gli stessi detentori delle politiche gestionali  che governano  il settore non trovano soluzioni idonee se non dei superficiali atteggiamenti  estetici con proposte culturali (tipo corsi di laurea specifici) senza che intacchino la struttura portante del rapporto lavorativo. Molte responsabilità ricadono anche sulle Associazioni datoriali e Organizzazioni di rappresentanza di tali qualifiche che sensim sine sensu non riescono ad arginare tale fenomeno.  Anche le Organizzazioni  Sindacali del credito in questa fase di rinnovo contrattuale non ritengo siano in grado di affrontare con intelligenza e determinazione tale fenomeno nei confronti  delle controparti datoriali.

Altro elemento che “ostacola” tale rinnovamento nel settore si ritiene sia legato alle restrizioni avvenute sul piano normativo, specialmente con la Mifd II che ha imposto nuove e stringenti regole sia sul piano organizzativo, dei controlli di vigilanza prudenziale che dei processi informativi per dare maggiore trasparenza al mercato e sicurezza agli investitori.

Si giustifica così anche in tale quadro problematico come la variabile della produttività in capo ai Cf sia crollata del 23,7% nel 2018. Citando i dati dell’Associazione Assoreti nella consueta relazione annuale, sono sintetizzati i vari aspetti (forse abbastanza preoccupanti) dello scenario  attuale.  

La realtà di oggi in effetti è quella di far fronte al rischio di una “stagnazione prolungata” in cui si assiste passivamente ad un processo di selezione  sempre più  condizionato dalle logiche del profitto e dai risultati economici della gestione, dimenticando le “variabili interdipendenti”  e  funzionalmente combinate tra struttura economica, modelli produttivi e commerciali, valori etici e sociali, tecnologia e risorse umane; quest’ultime alla base di ogni relazione significativa che consente il miglioramento delle proprie condizioni di vita e delle classi sociali. 

Il Consulente finanziario, come individuo e come professionista è stato “sacrificato” alle dure esigenze della logica impersonale del sistema così strutturato: occorre ridare specificità al suo ruolo offrendogli tutti gli strumenti operativi  e di garanzie economiche per esercitare dignitosamente la sua professione e questo  indipendentemente dalla funzione di  Cf  per l’offerta fuori sede che come fee only, se non altro per impedire delle scelte – ormai divenute necessarie – verso una forma di consulenza aperta e diretta a cui si stanno abituando i risparmiatori e gli investitori attenti e consapevoli. 


1 commento

  • Avatar giorgio canella says:

    il sacrificio più grande lo subisce il “risparmiatore /consumatore” che si trova sempre più in mezzo ad una giungla

ARTICOLI CORRELATI

Consulente, ecco come diventare un perfetto professionista digitale

Consulente: stay hungry, stay foolish

Consulente, ti spiego perché la stabilità è destabilizzante

Banca Mediolanum: l’uomo di frontiera che cavalca l’innovability

Cofip, ecco il congresso nazionale consulenza finanziaria professionale

Consulente: se il cliente non ti vuole, io so il perchè

Il consulente incompetente

Consulente in crisi con l’obbligazionario: la soluzione c’è

Consulente: 5 chiavi per gestire i “no” del cliente

Oggi su BLUERATING NEWS: raccolta pir, Azimut in ascesa

BFC Education – BlueAdvisor: La pianificazione finanziaria per gli investitori

Il “buy” del consulente – 08/10/18, da Anima Holding a Wiit

Il “buy” del consulente – 05/10/18, da BasicNet a Telecom Italia

Il “buy” del consulente – 28/09/18, da Autogrill a Tecnoinvestimenti

Il “buy” del consulente – 25/09/18, da Banca Sistema a Telecom Italia

Il “buy” del consulente – 24/09/18, da Banca Ifis a Notorious Pictures

Il “buy” del consulente – 6/09/18, da A2a a Telecom Italia

Il “buy” del consulente – 5/09/18, da Elica a Unicredit

Il portafoglio per il consulente in vacanza

Consulente: non pensare al gessato, scegli di essere umano

Irregolarità con i clienti, radiato ex Fineco

ConsulenTia18/Lenti (IW Bank PI): “Consulenti, non svendetevi”

Consulente formato, mezzo salvato…parola di Mifid 2

Ti può anche interessare

Mediolanum CU, prosegue i cicli di Centodieci

I nuovi appuntamenti sul territorio dedicati ai cicli Centodieci è Progresso, Centodieci è Arte e ...

Polizze vita, boom nelle reti

A maggio la raccolta dei contratti assicurativi (in particolare delle multiramo) è più che raddopp ...

Fondi di investimento, Bnp Paribas AM punta sul carbon neutral

BNP Paribas Asset Management ha recentemente lanciato sul mercato italiano il THEAM Quant Europe Cli ...