Quanto costa diventare consulente finanziario

A
A
A

Le spese da sostenere nel 2019 per esercitare la professione di consulente finanziario

Luca Spoldi di Luca Spoldi16 aprile 2019 | 11:02

Quanto costa diventare consulente finanziario, professione che da quest’anno prevede l’accesso a un Albo unico tenuto dall’Organismo dei consulenti finanziari (Ocf), ripartito in tre diversi sezioni?

SALASSO DOPO L’ESAME – Per accedere all’Albo unico e svolgere la professione occorre superare un esame, dopo aver versato un contributo per la prova valutativa di 100 euro (oltre a dover eventualmente spendere per i materiali o i corsi di preparazione all’esame). Una volta superato l’esame, per essere iscritti all’Albo occorre poi pagare un contributo di iscrizione che quest’anno è pari a 300 euro per i consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede, 500 euro per i consulenti finanziari autonomi e 3mila euro per le società di consulenza finanziaria. Tutte tre le categorie di iscritti devono anche pagare una marca da bollo di 16 euro e versare una tassa di concessione governativa di 168 euro.

IL CONTRIBUTO ANNUO – Per restare nell’Albo (per chi non paga entro la scadenza del 15 aprile è prevista la cancellazione), i consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede versano nel 2019 un contributo annuo di 185 euro, in linea con quanto pagato negli anni passati tra Consob (85 euro) e Ocf (85 euro). Il contributo per i consulenti finanziari autonomi è invece equivalente alla tariffa della prima iscrizione e dunque pari a 500 euro (3mila euro per le società di consulenza, n.d.r.). Per svolgere la loro attività, i financial advisor dovranno sostenere costi operativi come quelli per il mezzo di trasporto, per l’abbigliamento, per il commercialista e gli stipendi di eventuali collaboratori. Secondo le ultime indagini di mercato, i ricavi di un cf variano mediamente dai 45mila ai 250mila euro lordi annui a seconda del grado di anzianità e del portafoglio clienti. Rapportando questo livello di remunerazione alle spese sopra elencate, si capisce perché la professione del consulente non è facile da svolgere per un giovane.


COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti può anche interessare

Consulenti, che peso le fee di performance

Secondo l’osservatorio di Moneyfarm ormai rappresentano il 60% degli utili delle società ...

Bancari, lo zombie dell’articolo 18

Le richieste dei sindacati per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro: 200 euro di aumenti e ...

Portugal Telecom, le banche dovevano informare

Sportello Advisory risponde a un cliente incappato nel concambio Portugal Telecom, che lamenta l’a ...