Reti, più clienti e un po’ di consulenti in meno

A
A
A
Avatar di Redazione 3 Aprile 2019 | 16:30
I dati della Relazione Annuale di Assoreti

Una raccolta netta pro capite di 1,4 milioni di euro. E’ il risultato raggiunto dai consulenti finanziari italiani lo scorso anno, secondo la Relazione Annuale 2018 di Assoreti, diffusa il 3 aprile. Si tratta di un dato non particolarmente sodisfacente perché, confrontato con quello del 2017, segna una flessione del 23,7%. Sulla carta, dunque, i consulenti finanziari sono stati meno produttivi perché hanno rastrellato meno soldi sul mercato. Tuttavia, Assoreti evidenzia che questo calo è dovuto per lo più a motivi congiunturali, cioè alla flessione dei mercati, e non è legato ai modelli di business adottati dalle reti”

MENO PROFESSIONISTI- Tra il 2018 c’è stata anche una flessione marginale anche nel numero dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede attivi in Italia e realmente operativi, cioè con portafoglio maggiore di zero, appartenenti al sistema Assoreti. I professionisti con un mandato dagli intermediari associati alla fine del 2018 erano in totale 22.034, contro i 22.127 unità del 2017.  La flessione è pari a un marginale -0,4%.

PIU’ CLIENTI – Alla fine del 2018, i clienti dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede delle imprese iscritte ad Assoreti erano in totale 4,222 milioni contro i 4,049 milioni  del 2017 (+4,3% su base annua). Inoltre, è cresciuto il numero di clienti seguito mediamente da ogni financial advisor: dai 183 del 2017 si è passati ai 192 del 2018.

Il portafoglio medio gestito da ogni consulente finanziario ha raggiunto valore massimo di 24 milioni di euro alla fine settembre, per poi ridursi a 23,3 milioni nei mesi successivi, soprattutto per effetto del calo dei mercati. In sintesi, dalla Relazione Annuale di Assoreti emerge un quadro ancora sostanzialmente positivo della consulenza finanziaria italiana. Il settore è ancora in salute, i clienti sono cresciuti ma non va dimenticato un elemento importante: il calo dei mercati (come quello avvenuto nel 2018 in più fasi) può rovinare la festa che dura da 10 anni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Reti, la raccolta resta tonica

Reti, sei mesi a tutto gas (nonostante il lockdown)

Reti, dove investono i clienti

Raccolta pro capite, Fineco stacca tutti

Assoreti, un trimestre senza paura del Covid-19

Assoreti, a marzo la raccolta non cede al Covid-19

Covid-19, Assogestioni e Assoreti chiedono investimenti più semplici

Coronavirus, le reti si stanno dimostrando forti

Assoreti, Molesini confermato al timone

Assoreti, gennaio d’oro per la raccolta

Reti, un anno a gonfie vele

Reclutamento consulenti, testa a testa Credem-CheBanca!

Assoreti, a novembre raccolta solida anche se in frenata

Consulenti, il 2019 è l’anno della ripresa

Consulenti, scorpacciata di clienti per le reti

Consulenti, è boom di certificates

Assoreti, scatto bruciante della raccolta a ottobre

Convegno annuale Assoreti, la cronaca completa di Bluerating

Verso la consulenza “sociale”, parla Molesini (Assoreti)

Assoreti, raccolta positiva ma in frenata

Raccolta, fuga d’estate per Fideuram Ispb

Assoreti, a luglio raccolta e gestito sorridono ancora

Reti, patrimonio record: Ispb regina, Mediolanum padrona del gestito

Raccolta, il gruppo Fideuram Ispb è cannibale

Assoreti, raccolta da sballo a giugno

Raccolta: maggio sprint per ISPB. Mossa re del gestito

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Anasf-Assoreti, accordi e disaccordi

Raccolta, Mossa siede sul trono di aprile

Assoreti: ad aprile la raccolta ringrazia gli assicurativi

Reti, patrimonio in crescita 

Reti: a marzo Fineco batte Fideuram al fotofinish

Contributi Consob, ora i consulenti vogliono un taglio

NEWSLETTER
Iscriviti
X