Consulente: tre grafici che ti faranno preoccupare

A
A
A
Biagio Campo di Biagio Campo17 aprile 2019 | 09:11

Nel corso dei periodici incontri con consulenti finanziari ed investitori istituzionali rilevo una generale lettura delle attuali condizioni di mercato orientata alla stabilità, mentre mai come ora ritengo utile riflettere sulla presenza di code larghe nella distribuzione dei ritorni per l’azionario Usa. In particolare a fronte di guadagni limitati derivanti dalla possibile realizzazione dello scenario positivo, ovvero rallentamento economico non sfociante in recessione, nuovi stimoli monetari, ritrovata credibilità della Fed e mancata elezione di un presidente democratico radicale, il mancato verificarsi di uno solo dei precedenti aspetti indicati porterebbe allo scenario negativo con una drastica correzione dell’azionario. Di seguito propongo 3 grafici per riflettere sui rischi presenti.

Rallentamento della crescita – I sistemi di monitoraggio tradizionali (Pil, disoccupazione, ecc), non colgono le dinamiche economiche in atto, a causa del gap temporale presente nella reportistica e per il limitato valore prospettico dei dati stessi. Rilevamento dell’attività economica tramite satelliti, pagamenti effettuati con carte carte di credito e debito ed analisi dei prezzi pubblicati online, in aggiunta ai più tradizionali sistemi incentrati sull’andamento di settori ed aziende con valore predittivo (ad esempio gli ordinativi ricevuti da Caterpillar sono più indicativi per capire le prospettive economiche complessive rispetto a quelli di Nike) ed altri leading indicator evidenziano chiaramente il rallentamento in atto, che non vede immune gli Stati Uniti. Fasi di moderata contrazione della crescita storicamente non sono state un elemento in grado di innescare forti correzioni, in quanto accompagnate da stimoli monetari e fiscali, tuttavia attualmente gli spazi di manovra sono estremamente ridotti, a fronte di bilanci delle banche centrali e debito governativo e privato in prossimità dei massimi storici.

GRAFICO ECONOMIC TREND

Il rapporto tra debito delle imprese statunitensi e Pil ha superato i livelli antecedenti le precedenti recessioni. Tuttavia a preoccupare non è solo l’ammontare dello stock ma la qualità, in quanto per gli Usa il livello dei subprime è il 30%, mentre nel 2007 era il 23,7%. I deludenti dati sulla produttività (quella per ora lavorata, uno dei parametri meno negativi, dal 2007 è cresciuta solo dell’1,3 per cento, rispetto ad oltre il 2 per cento del periodo 1990-2007), che emergono in maniera trasversale in tutti i settori, rendono difficile ipotizzare che il debito verrà facilmente onorato in caso di rallentamento economico, bassa inflazione, aumento dei tassi nominali a breve o cambio del sentiment degli investitori. Una minore domanda aggregata riconducibile al mancato aumento del debito, dato che a fronte del livello raggiunto è difficile ipotizzare la sostenibilità di livelli superiori, potrebbe incidere sulla crescita del settore reale. Risulterebbero chiare le immediate ripercussioni sull’azionario nel caso di un aumento dei default societari.

GRAFICO DEBITO US CORPORATE

Le valutazioni attuali dell’azionario Usa sono care, se si analizza l’ultimo livello di utili disponibili, mentre sono in una condizione di bolla se si considerano gli utili degli ultimi 10 anni. L’equity Usa nel periodo dal 1 gennaio 1973 al 2 aprile 2019 ha avuto una media del PE pari a 16,882, mentre attualmente quota 20,25. Il livello di PE attuale potrebbe non sembrare eccessivamente alto in quanto calcolato con gli ultimi utili disponibili, che durante una fase espansiva sono notoriamente elevati. Per evitare distorsioni, positive o negative, che possono verificarsi nel corso di un anno, è più opportuno usare la metodologia del CAPE elaborata da Shiller, la quale considera gli utili degli ultimi 10 anni, aggiustati per l’inflazione. Tale coefficiente al 1 aprile 2019 era pari a 31,04, rispetto alla media di 16,95 del periodo dal 1 febbraio 1881 al 1 aprile 2019.

GRAFICO SHILLER

A fronte di un CAPE di 44,20 registrato nel dicembre 1999 il ritorno a 10 anni è stato del -2,5%. Nel settembre 1929, con un CAPE di 32,56, questo fu del -8,6%.


COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti: anticorpi del mercato contro il catenaccio

Consulenti: mi faccio una birra e cambio mandante

IWBank, reclutamento e ‘na tazzulella ‘e cafè

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Bnl-Bnp Paribas LB, a lezione dai consulenti d’eccellenza

Consulenti, i “magnifici” 9 di IWBank che incassano i bonus

Consulenti furbetti? Anasf vince e la pubblicità si cambia

Consulenti e fattura elettronica, la guida definitiva

Consulenti, ecco come pagare il contributo Ocf

Reti Champions League, si infiamma la polemica sui favoriti

Consulenti, formazione certificata a ITForum Rimini 2019

Consulenti: corso di preparazione per l’esame da European Financial Advisor

Mediolanum: convention a maggio e spinta sul private

Cari consulenti, svegliate quei risparmi

Al via la formazione Ascofind per i consulenti indipendenti

Reti, più clienti e un po’ di consulenti in meno

Widiba, il nuovo volto del reclutamento

Consulenti: tra radiati e sospesi, a marzo triplica il lavoro della vigilanza

Consulenti preparatevi…sta per iniziare la Reti Champions League

Consulenti: ecco il programma delle reti al Salone

Bnl Bnp Paribas LB: reclutamento giovane e social

Ecco lo spot che ha fatto infuriare i consulenti

Consulenti, pubblicità ma corretta

Anasf: tutti i dettagli della convenzione con Coni

Consulenti, occhio ai fondi illiquidi: rischio tsunami all’orizzonte

Consulenti: contributo quota Ocf, occhio alle scadenze

Consulenti state tranquilli, quest’anno andrà meglio…

Consulenti: la morte del Cholismo

Consulente radiato, la Corte condanna Consob e annulla la delibera

Fugen con ForFinance per i consulenti

Anasf, tra carriera e formazione

Consulenti ibridi, Intesa Sanpaolo continua ad assumere

Federpromm, l’online è tutto nuovo

Ti può anche interessare

Tutto pronto per l’esame Oam

Eccoci arrivati al giorno dello svolgimento  delle sessioni 4/2018 e 5/2018 ...

Mps torna sul mercato, bond da 750 mln

Il Monte starebbe preparando il lancio di un covered bond, atteso in tempi rapidi. Per Mps l'ultima ...

Fineco, gestito in ripresa a novembre

La raccolta netta nel mese è stata pari a 205 milioni di euro, -9% anno su anno non considerando i ...