Gam, ultima tappa per chiudere la vicenda dei fondi ARBF

A
A
A

Vicina la liquidazione del 100% delle quote. Presentati anche i dati trimestrali della società. Il patrimonio torna a crescere

Avatar di Redazione18 aprile 2019 | 11:45

La società di gestione svizzera Gam è vicina a chiudere definitivamente la vicenda della gamma di  fondi ABRF, gestiti Tim Haywood (nella foto), un asset manager di punta della società, sospeso lo scorso anno per non aver rispettato le procedure di controllo del rischio (si veda qui la vicenda). Secondo quanto riporta un comunicato della società,  Gam Holding “continua a compiere validi progressi nella liquidazione degli asset ARBF”. Dopo l’ultima recente vendita di due asset materiali, la prossima distribuzione avrà luogo nelle due settimane a venire, portando così l’entità liquidata ai clienti ad una percentuale compresa tra l’89% e il 95% dei fondi GAM Multibond regolamentati in Lussemburgo e GAMStar regolamentati in Irlanda. Per il fondo master e i fondi feeder associati domiciliati rispettivamente alle Cayman e in Australia, la quota è invece  tra l’80% e l’84%. Le quote residue dovrebbero essere completate entro merà luglio, dopo un accordo che Gam international con GFG Alliance per l’acquisto di tutte le obbligazioni cartolarizzate da contratti energetici in essere (outstanding power purchase receivables notes) e detenute in conti investiti in strategie del fondo ARBF.

Gam Holding ha presentato anche la  relazione intermedia sulla gestione per il trimestre fino al 31 marzo 2019. Il patrimonio gestito dal Gruppo (comprensivo di Investment Management e Private Labelling), ammonta a 137.4 miliardi di franchi svizzeri , in aumento dai 132.2 miliardi  di franchi svizzeri al 31 dicembre 2018.

Nella divisione di  Investment Management gli asset in gestione hanno raggiunto i 55,1 miliardi di franchi svizzeri, in calo del 2% dal 31 dicembre 2018, a seguito dei deflussi netti di 4 miliardidi franchi, parzialmente compensati da movimenti positivi di mercato e valutari quantificati in 3 miliardi di franchi.Miglioramento continuo della performance di investimento, con il 70% degli asset under management che sovraperformano il loro rispettivo benchmark a tre e a cinque anni.

Nella divisione  Private Labelling gli asset under management hanno  raggiunto gli 82,3 miliardi, in aumento dell’8% dal 31 dicembre 2018, a seguito degli afflussi netti di 1,9 miliardi e dei movimenti di mercato e valutari positivi quantificati in  4,3 miliardi di franchi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

GAM rafforza il team del reddito fisso con uno specialista del credito

Un ex BlackRock è il nuovo ceo di GAM Holding AG

Gam e il caso ARBF: il 100,5% del portafoglio sarà restituito agli investitori

Gestori in vetrina – Gam

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Gam

Un’altra rivoluzione in Gam

Gam, rivoluzione al vertice

Schroders vuole Cantab, ma Gam non vende

Gam, masse in calo di oltre il 10%

Gam, voci di scalata e impennata in borsa

Gam, rafforza il team di analisti

Gam, valzer di poltrone al vertice (dopo il gestore sospeso)

Gam: “Come e perché abbiamo sospeso il nostro gestore”

GAM lancia due mandati per le Bcc

Gam: continua la crescita del settore del lusso

Gam chiude i fondi del gestore sospeso

GAM: deficit nella leadership commerciale

Gam blocca il fondo del gestore sospeso

Gam, semestrale positiva e sospensione di un gestore

GAM prende Heider da Deutsche Bank

Gam si prepara a una hard Brexit

Friedman (Gam): “Ancora interessati ad acquisizioni, ma senza fretta”

Gam: l’Italia preoccupa ma il mercato esagera

Cervellin (Gam): “Investire con algoritmi e Big Data”

Se Twitter predice l’andamento della volatilità

Gam: 2018 anno di transizione. Le opportunità nel mondo obbligazionario

Accordo tra GAM e la Fondazione di Venezia

Gam, un terzo delle masse in più

GAM: lo stato di salute dell’economia globale dipende dall’inflazione

Biggs (Gam): “Cosa c’è dietro il rally dei mercati”

GAM: emergenti, maggiori opportunità tra le emissioni in valuta locale

Gam: gli eventi da monitorare nel 2018

GAM: Il valore aggiunto di una gestione obbligazionaria attiva

Ti può anche interessare

Mifid 2, un anno dopo

Mifid 2 un anno dopo. Il 13 marzo, a Milano, presso il Palazzo Mezzanotte, si svolgerà un Convegno, ...

Btp, chi li compra sperando che le tensioni finiscano

Alcuni asset manager come BlueBay Asset Management o M&G si stanno riposizionando sui Buoni del ...

Consulenti, maggio caldo per la vigilanza

Nuovo appuntamento con l’operato di vigilanza di Ocf. Lo scorso aprile ci eravamo lasciati con ...