Mediolanum, marzo ricco nel reclutamento

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri18 aprile 2019 | 16:44

Mediolanum inizia la primavera aggiudicandosi 14 nuovi professionisti a marzo, di cui 9 provenienti da altri istituti bancari. La rete di family banker guidata da Stefano Volpato, direttore commerciale di Banca Mediolanum, si arricchisce di diversi profili di esperienza, tra cui Marino Silvi, Enrico Lusvarghi, Luca Sarzi Sartori, Andrea Pompignoli, Giulio Cundari e Vera Lucia Simona Di Stefano. 

I nuovi acquisti nel dettaglio: profilo e trascorsi

La squadra coordinata da Nicola Vallardi, regional manager di Marche, Abruzzo e Molise, si impreziosisce con l’ingresso di un profilo di alto standing come quello di Marino Silvi. Il 54enne Silvi comincia la sua carriera nel 1987 al Credito Cooperativo Romagnolo che lascia, da responsabile dell’ufficio sviluppo, nel 1993, per passare all’ex Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza, dove si occupa delle gestioni dei grandi clienti di area. Entra in Cassa di Risparmio di Fermo nel 1998 e occupa posizioni di rilievo come quella di responsabile dell’area affari, responsabile e coordinatore del progetto Basilea fino a diventare, nel 2010, vice direttore generale.

Sono due i nuovi professionisti che rinforzano il team guidato da Luca Testolina, regional manager dell’Emilia: Enrico Lusvarghi, attivo su Reggio Emilia e Luca Sarzi Sartori, per Mantova. In Banco Desio dal 2009, Enrico Lusvarghi ricopriva il ruolo di direttore di filiale, dopo aver maturato due diverse esperienze in Ubi Banca, dal 2001 al 2009 e nell’ex Banca Agricola Mantovana, tra il 1993 e il 2001. Dopo una breve esperienza nell’ex istituto bancario BCC di Castel Goffredo, Luca Sarzi Sartori entra in Bper Banca, nel 2010, che lascia da consulente finanziario.

La squadra capeggiata da Andrea Zini, regional manager della Romagna, accresce con l’ingresso di due nuovi banker: Andrea Pompignoli, operativo a Forlì e Giulio Cundari, attivo su Ravenna. Il 51enne Andrea Pompignoli entra nel 1988 in Credito Cooperativo Romagnolo, che lascia, nel 1997, da responsabile borsino, per poi passare nell’allora Rolo Banca 1473, assorbita in Unicredit nel 2003. In Unicredit segue aziende e privati primari dapprima come direttore di agenzia e successivamente come responsabile distretto, fino a diventare private banker, nel 2015, per Unicredit Private Banking. Pure Giulio Cundari era private banker, per Fideuram, dal 1997, dopo aver maturato un’esperienza nell’ex Banca Nazionale dell’Agricoltura, dal 1982 al 1997.

Vera Lucia Simona Di Stefano, 41 anni, entra nel team di Valter Schneck, regional manager di Sicilia, ed è attiva su Catania. Tra il 2001 e il 2004 Di Stefano occupa più mansioni per diversi istituti bancari, fino ad approdare in Unicredit, nel 2004, che lascia da consulente titoli con portafoglio clienti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, tutti i figli di Ennio Doris

Consulenza fiscale, Mediolanum spiega gli Indici Sintetici di Affidabilità

Il risiko delle reti nel segno BlackRock

Mediolanum, dopo l’estate in arrivo novità sulla protezione dei clienti

Banca Mediolanum, raccolta senza guizzi a luglio

Dividendi, ecco le reti rendono più dei btp

Reti, Mediolanum e Azimut puntano le pmi eccellenti

Reti Champions League: Mossa sa solo vincere, testa a testa Di Muro-Giuliani

Banca Mediolanum, toccato il record di masse gestite

Banca Mediolanum, la family (banker) si allarga

Performance fee, le linee guida Esma non danneggiano le reti

Rendiconti Mifid 2, Fineco sceglie la semplicità

Mediolanum, così parlò di Montigny al Fed

Mediolanum, la nuova app al debutto

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Caso H2O, faccia a faccia di Natixis con le reti

Nuovi Pir, Doris boccia il governo

Mediolanum, la raccolta scala la marcia

Reti Champions Leaugue: Foti-Rebecchi, duello per la vetta

Mediolanum svela l’antidoto contro il male del fai-da-te

Mediolanum, il cliente in maglia rosa

Doris, altri 1,7 milioni su Mediobanca

Mediolanum, Doris come Capitan America

Mediolanum, il rendiconto ai raggi x

Banca Mediolanum: convention 2019, la cronaca completa

Banca Mediolanum, profitti con il turbo

Mediolanum, mazzata su Fininvest

Mediolanum, la convention è dietro l’angolo

Mediolanum, consulenza caput mundi

Banca Mediolanum: l’uomo di frontiera che cavalca l’innovability

Mediolanum: convention a maggio e spinta sul private

Doris striglia il governo sui Pir

Ti può anche interessare

Raccolta: a gennaio vince Fideuram ISPB. Mediolanum regina del gestito

In chiusura di 2018 ci eravamo lasciati con Banca Mediolanum regina della raccolta di dicembre e il ...

Azimut, un utile che fa la storia

I migliori ricavi e utili semestrali di sempre. Azimut brinda a conti super in questa prima parte de ...

Rendiconti Mifid 2, l’Esma ha già risposto in realtà…

Siamo sicuri che serva un nuovo chiarimento? ...